admin.ch
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Quante armi sequestrate: la popolazione vuole sentirsi più sicura?
Tra i motivi principali, le maggiori importazioni di armi vietate, ma non solo
SVIZZERA
3 ore
«C'è in ballo il nostro spazio aereo»
Tra poco più di un mese Viola Amherd sarà confrontata con la sua prima importante votazione.
SVIZZERA / BELGIO
5 ore
Il Belgio colora d'arancione tre Cantoni
A chi ritorna da queste regioni, Bruxelles raccomanda una quarantena o un test. E maggior vigilanza.
SVIZZERA
5 ore
Canicola: la prevenzione funziona
Dati alla mano, le campagne di sensibilizzazione effettuate dall'UFSP hanno ridotto la mortalità.
SVIZZERA
6 ore
Il ricercatore Konrad Steffen è morto durante una spedizione
Era direttore dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio.
SAN GALLO
7 ore
Lupi sbranano pecore sull'Alpe Gafarra
Negli scorsi giorni 19 ovini sono stati feriti o uccisi.
GINEVRA
8 ore
Un morto e un disperso ieri nel Rodano
Una donna che galleggiava sull'acqua completamente vestita è stata ripescata ancora in vita
SVIZZERA
9 ore
Encefalite da zecche: il 2020 va verso il record
A fine luglio si registravano 332 casi, il numero di casi più elevato dal 2000
ZUGO
9 ore
Per Zugo i grandi eventi s'han da fare
Il Consiglio di Stato chiede che le manifestazioni con oltre mille persone siano nuovamente consentite.
ZURIGO
9 ore
Tre corpi senza vita dentro a un'auto: una madre con le sue figlie gemelle
Sono state rinvenute in un bosco a Uitikon questa mattina. La donna una 30enne tedesca, le piccole avevano 4 anni
FOTO
ZURIGO
9 ore
Allo Zoo di Zurigo è nato un koalino
Il piccolo, che si nasconde ancora nel marsupio della madre, è venuto al mondo quattro mesi fa
SVIZZERA
04.09.2019 - 14:300
Aggiornamento : 15:40

Sarà Thomas Süssli il nuovo capo dell'esercito

Dal primo gennaio dell'anno prossimo sostituirà Philippe Rebord, che lascerà l'incarico per motivi di salute

BERNA - Thomas Süssli sarà il nuovo capo dell'esercito svizzero a partire dal primo gennaio 2020. Il Consiglio federale ha nominato oggi il 52enne divisionario ed ex banchiere argoviese alla successione di Philippe Rebord, che lascerà a fine anno per motivi di salute.

Süssli - originario di Wettingen (AG) - è sposato e padre di due figli. La ministra della difesa Viola Amherd ha dunque optato per uno svizzero-tedesco e ufficiale di milizia.

Il futuro capo dell'esercito è stato scelto dopo un intenso processo di selezione e di verifiche. «Alla fine Süssli l'ha spuntata su altri tre candidati, due uomini e una donna, tutti estremamente competenti», ha spiegato la consigliera federale in una conferenza stampa oggi a Berna.

«Esperienza in ambito informatico» - Amherd non ha voluto esprimersi sugli altri pretendenti al posto. Ha dichiarato soltanto che avevano profili differenti. Per quanto riguarda Süssli, «oltre alle eccellenti qualifiche, egli può vantare un'esperienza in ambito informatico», ha detto l'alto vallesana. E in un contesto di cyber-rischi come quello attuale, questa competenza potrà sicuramente essere utile.

Il futuro capo dell'esercito ha studiato dapprima come laboratorista in chimica per poi cambiare completamente settore professionale e svolgere diverse formazioni, conseguendo i diplomi federali di analista programmatore, informatico di gestione e analista finanziario.

Dal 1989 al 2001, Süssli ha lavorato in diverse funzioni presso l'UBS di Basilea, Zurigo e Londra e in seguito ha gestito fino alla fine del 2007 la IFBS di Zurigo in qualità di imprenditore e di coproprietario.

Dal 2008 al 2014, ha poi assunto diverse funzioni dirigenziali presso la banca Vontobel e Credit Suisse a Zurigo. Da ottobre 2014, è stato CEO di Vontobel Financial Products di Singapore, di cui ha curato l'entrata sul mercato e i prodotti finanziari in Asia.

Ufficiale di milizia

Quale ufficiale di milizia, Süssli ha comandato la compagnia sanitaria 22 e il battaglione ospedale 5. Dal 2008, è stato incorporato nello stato maggiore della brigata logistica 1 in qualità di sostituto del comandante.

Il primo luglio 2015, il Consiglio federale lo ha poi nominato comandante della brigata logistica 1, con contemporanea promozione a brigadiere. Il primo gennaio 2018 è stato designato capo della Base d'aiuto alla condotta, con promozione al grado di divisionario.

Dall'anno prossimo, come detto, Süssli succederà al comandante di corpo Rebord, quale capo dell'Esercito svizzero. Alla testa delle forze armate si passerà quindi da un romando con licenza in lettere e geografia a uno svizzero-tedesco specializzato nelle finanze e nell'informatica.

Nuove sfide - Il nuovo capo dell'Esercito dovrà condurre a buon fine grandi progetti. Dopo il "no" all'acquisto degli aerei da combattimento Gripen, Süssli dovrà in particolare convincere il popolo a sostenere il principio dell'acquisizione di nuovi aviogetti, probabilmente nel settembre o nel dicembre 2020, affinché possano sostituire gli attuali F/A-18 entro il 2030.

Prossimamente il Consiglio degli Stati dovrà discutere del budget previsto per i nuovi aerei (al massimo sei miliardi) e sugli affari compensatori per l'industria elvetica. Ma Süssli dovrà pure esprimersi sulle procedure di rinnovo dei mezzi di difesa terra-aria a lunga gittata. Questi progetti sono stati dissociati per non turbare il dibattito sugli aerei da combattimento.

All'interno, Süssli dovrà infine garantire la buona applicazione della riforma dell'esercito avviata nel 2018 e che dovrebbe concludersi verso il 2021. Per il momento, i lavori proseguono come previsto: l'idea è di migliorare la prontezza delle truppe e di ridurre gli effettivi dagli attuali 200'000 a 100'000. La scuola reclute continuerà ad essere di 18 settimane.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 00:31:00 | 91.208.130.85