Keystone
Il Ceo di Sunirse UPC, André Krause
SVIZZERA
21.01.2021 - 11:480

Completata la fusione, Sunrise e UPC di cesoie, il Ceo: «Molto meno del 30% del totale»

Lo conferma arriva oggi dalla stessa azienda che ha già negoziato un piano sociale con i sindacati

ZURIGO - Incisiva cancellazione di impieghi in vista in seno a Sunrise UPC, l'entità nata dalla fusione fra i due operatori di telecomunicazioni: in un comunicato odierno la società parla di un taglio di posti di lavoro di entità non ancora precisata, ma inferiore al 30% dell'organico.

L'integrazione delle due aziende procede a passi da gigante, si legge in un comunicato odierno. Attualmente si sta definendo la nuova struttura organizzativa e si sta espletando una selezione a livelli manageriali.

Questo processo porterà, presumibilmente, a una riduzione del personale da attuarsi entro fine aprile. Dopodiché verrà definita la portata concreta della riduzione totale dei dipendenti: «Sunrise UPC prevede che il numero dei collaboratori interessati sia nettamente inferiore al 30% del personale attualmente impiegato».

Il gruppo punta a fornire ai dipendenti al più tardi entro fine giugno una chiara prospettiva in merito alla funzione che ricopriranno in seno alla nuova azienda aggregata. L'intero processo di fusione durerà da parte sua diversi anni.

Per sostenere al meglio i collaboratori coinvolti in questo mutamento Sunrise UPC ha avviato una procedura di consultazione e ha negoziato un piano sociale insieme a Syndicom e ai rappresentanti del personale.

«Sono lieto, anche grazie alla proficua e costruttiva collaborazione con il sindacato Syndicom e le rappresentanze del personale, di aver contribuito alla realizzazione di un piano sociale estremamente solido», afferma il Ceo André Krause, citato nella nota, «in tal modo sarà possibile garantire che i collaboratori interessati siano sostenuti non solo da un punto di vista finanziario».

«Grazie al coinvolgimento tempestivo di Syndicom da parte di Sunrise UPC, il nuovo piano sociale è stato messo a punto in modo rapido», afferma da parte sua Giorgio Pardini  dell'organizzazione, «questo offre ai collaboratori più giovani la possibilità di reintegrarsi velocemente sul mercato del lavoro, permettendo al contempo a quelli di età avanzata di accedere con certezza al prepensionamento».

Il piano sociale varrà per tutti i collaboratori (ad eccezione dei membri della direzione). Sunrise UPC metterà a disposizione un fondo di CHF 2,5 milioni per misure provvisorie individuali, come ad esempio per casi particolarmente difficili o per misure di qualificazione. Nell'ambito dell'integrazione delle due aziende, saranno unificate anche le strutture salariali divergenti.

Buone nuove arrivano per prossimi neo-papà, almeno per quelli che manterranno l'impiego: a partire dall'anno in corso il gruppo concederà ai propri collaboratori un congedo paternità ampliato e retribuito di massimo 25 giorni lavorativi con salario completo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-29 18:14:34 | 91.208.130.85