Keystone
Il Direttore generale della Posta, Roberto Cirillo.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
3 ore
«Non ci metteremo a contare le persone»
Da oggi sono consentiti gli assembramenti fino a trenta persone. Una nuova situazione per le autorità
GLARONA
4 ore
In fiamme il piano superiore di un albergo
Nessun ferito, ma danni ingenti
ZURIGO
7 ore
Anche Zurigo protesta contro le misure anti-coronavirus
Gli agenti sono intervenuti, facendo leva sul dialogo, per evitare che si formasse un vero e proprio assembramento
SOLETTA / BASILEA CAMPAGNA
7 ore
Mandata dal padre nonostante i sospetti di abusi
Alle autorità di protezione la piccola, 8 anni, aveva detto che l'uomo le faceva «cose brutte». Invano.
SVIZZERA
9 ore
Un'altra protesta contro le misure per il coronavirus
Ha avuto luogo oggi a Berna davanti a Palazzo federale. I manifestanti chiedevano un ritorno alla “vecchia” normalità
SAN GALLO
9 ore
La lampada vicino al letto. L'incendio e l'ospedale
A lasciarla accesa e incustodita è stato un 20enne, che nella notte ha lasciato la sua stanza per spostarsi in soggiorno
GRIGIONI
9 ore
Incendio causato da una candela: evacuati più alloggi
Il rogo si è sviluppato la scorsa notte in un appartamento di Coira. Sedici gli sfollati
ZURIGO
10 ore
Riferisce numerose irregolarità nell'ospedale, licenziato
Questa la sorte toccata a un "whistleblower", ossia un segnalatore di irregolarità sul posto di lavoro
SAN GALLO
11 ore
Incidente a Buchs: morto un ottantenne
L'uomo stava circolando con un mezzo elettrico a due ruote, quando è finito contro un'auto
SONDAGGIO
SVIZZERA
11 ore
A trenta all'ora anche sulle strade cantonali?
È quanto chiedono alcuni comuni basilesi per le vie di transito, dove attualmente si circola a 50 km/h
SVIZZERA
12 ore
Coronavirus: Credit Suisse ha concesso crediti per 2,8 miliardi
Anche la seconda banca elvetica è stata confrontata con dichiarazioni fraudolente.
SVIZZERA
12 ore
Esame di medicina modificato causa coronavirus: la responsabile si dimette
Più di 1'200 studenti erano troppi per svolgere l'abituale esame pratico. Così, però, il diploma si farà attendere.
BERNA
13 ore
Prestazioni mediche più care per recuperare le perdite del Covid-19
È la ricetta proposta da Alain Schnegg, direttore del Dipartimento della sanità bernese
SVIZZERA
14 ore
Coronavirus in Svizzera: 17 nuovi casi ma nessun decesso
Dall'inizio dell'emergenza, nel nostro paese 30'845 persone sono risultate positive al virus
SVIZZERA
15 ore
La chiesa protestante propone il più grande servizio religioso sul web
Si tratta di un culto online che sarà proposto domani per la solennità di Pentecoste
SVIZZERA
14.05.2020 - 10:380

La Posta cambia strategia, ecco «La Posta di domani»

La rete di filiali diverrà un'azienda indipendente, con un conseguente aumento dei posti di lavoro in tutte le regioni

BERNA - La Posta vuole scorporare la sua rete di filiali in un'azienda indipendente, una società anonima che si aprirà anche a terzi: il numero degli uffici gestiti in proprio sarà "stabilizzato" a 800. I servizi nel settore delle lettere e dei pacchi confluiranno in un'unica unità operativa.

La nuova strategia - all'insegna del motto «Posta di domani» - è stata presentata oggi a Berna. «Vogliamo essere al servizio della popolazione e dell'economia svizzera anche in futuro», afferma il Presidente del consiglio di amministrazione Urs Schwaller, citato in un comunicato.

Confrontata con una tendenza di fondo (i volumi delle lettere e le operazioni allo sportello segnano un crollo, mentre il mercato dei pacchi è in pieno boom) l'impresa punta a cambiare. Obiettivo: finanziare anche in futuro il servizio universale e gli investimenti necessari con le proprie forze, frenando il calo di fatturato e avviando un'inversione di tendenza. «La Posta deve tornare a crescere come azienda», sottolinea Schwaller.

La nuova strategia entrerà in vigore il primo gennaio 2021 per il quadriennio sino a fine 2024, ma il suo orizzonte si estende per i prossimi dieci anni. Fa leva sui tradizionali punti di forza: «ci focalizziamo sulle competenze e sui mercati che dal nostro punto di vista generano i maggiori vantaggi», spiega il Direttore generale Roberto Cirillo.

Si punta a un «chiaro cambio di rotta nello sviluppo della rete», che viene aperta alle aziende di servizi e alle autorità: questi partner beneficiano della competenza della Posta nella fornitura di servizi e della possibilità di offrire ai propri clienti un contatto fisico anche nell'epoca digitale.

«Con questa apertura della sua rete, la Posta crea veri e propri centri di servizi per le regioni e un autentico valore aggiunto per la Svizzera», si dice convinto il gigante giallo. Le filiali gestite in proprio saranno circa 800, come stabilito nell'ultimo piano strategico. Per consentire al gruppo di sviluppare ulteriormente la propria rete e aprire anche a partner terzi sarà creata una nuova entità RetePostale SA, giuridicamente indipendente.

Nel settore logistico, la Posta vuole sviluppare nuovi servizi e offerte, potenziando in modo mirato il cosiddetto «ultimo miglio». Guardando all'enorme aumento degli invii legato all'emergenza coronavirus, si può immaginare come evolveranno i volumi in futuro: ecco quindi che lettere e pacchi finiranno in un'unica unità.

Un'altra esigenza emersa in modo più netto con la crisi della Covid-19 è la necessità di poter scambiare dati confidenziali attraverso un operatore svizzero degno di fiducia. La Posta ha una pluriennale esperienza nella trasmissione affidabile di informazioni sensibili e vuole in particolare sostenere le piccole e medie imprese nella trasformazione digitale e nello scambio di informazioni con i clienti.

Con acquisizioni e partnership nella logistica e nella comunicazione, la Posta mira a rafforzare e ampliare la propria offerta per garantire alla Svizzera un servizio pubblico al passo con i tempi. «Il nostro obiettivo è acquisire nuove competenze e registrare una crescita considerevole: per questo nei prossimi quattro anni investiremo oltre tre miliardi di franchi», precisa Cirillo. L'azienda sfrutta a tal fine la sua solida base finanziaria e intende generare fondi supplementari, vendendo per esempio una parte del suo portafoglio immobiliare considerato non rilevante per l'esercizio.

La trasformazione del gruppo portata avanti con la strategia «Posta di domani» richiede lo sviluppo di nuove competenze e mira a un aumento e non a una riduzione dell'organico, sottolinea l'impresa di proprietà della Confederazione. Grazie allo sfruttamento ottimizzato dell'infrastruttura saranno garantiti posti di lavoro in tutte le regioni. Le professioni postali diventeranno sempre più interessanti, si dicono convinti i vertici. In questo modo la Posta avrà meno difficoltà a compensare l'imminente ondata di pensionamenti dei prossimi anni con nuove assunzioni. «Ci consideriamo il motore di una Svizzera moderna», conclude Cirillo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lo spiaggiato 2 sett fa su tio
Molto bene... :-)))
gigipippa 2 sett fa su tio
La posta ha largamente dimostrato di non essere all`altezza della situazione, le filiali in proprio servono unicamente a scaricare le responsabilità uno con l`altra quando c`è un problema.Altri servizi privati funzionano molto meglio, sia a livello di servizio, sia a livello di tempistiche e puntualità.
sctaquet 2 sett fa su tio
Mag : Ti ricordo che la popolazione , alcuni anni fa , ha votato si , contro il servizio pubblico ..... Purtroppo.
Mattiatr 2 sett fa su tio
@sctaquet La Confederazione è azionista unica della Posta Svizzera SA (DATEC). Quindi de facto è un servizio e una società pubblica, ergo non c'è stata nessuna privatizzazione.
Mag 2 sett fa su tio
La Posta è un servizio pubblico che viene gestito economicamente come se fosse privato. Questo potrebbe anche andare bene se tutti i nuovi servizi (digitali o meno) venissero AGGIUNTI, senza eliminare neanche un servizio già esistente; ma non mi sembra sia cosi'. Quindi, il fatto che sia gestito come se fosse un servizio privato (cioè per fare utili per gli azionisti) va eliminato!
Bandito976 2 sett fa su tio
Privatizzandola? Più posti di lavoro? Per i frontalieri! È proprio vero che più andiamo avanti e sempre peggio diventa
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-31 02:29:55 | 91.208.130.87