Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GIURA
7 ore
Due adolescenti provocano un incendio e fuggono
A Porrentruy è scoppiato un incendio boschivo a causa della negligenza di due adolescenti, tuttora ricercati
FRIBORGO
11 ore
La barca si rovescia, morto uno dei due occupanti
Il cadavere di un 67enne è stato rinvenuto oggi al largo di Môtier.
SVIZZERA
12 ore
Un appello in favore dei disabili
Le associazioni chiedono che i portatori di handicap non vengano dimenticati in questo periodo già difficile.
FRIBURGO
12 ore
Troppo alto, si porta via un pezzo di ponte e poi si schianta
Gravi ferite per un conducente 56enne vittima di un incidente figlio della distrazione
BASILEA CITTÀ
14 ore
I falsi nipoti si intascano 19'000 franchi
Una coppia di malfattori è riuscita ad aggirare due anziani nel Basilese, ma poteva andare anche peggio
SVIZZERA
15 ore
«Svizzera scandalosa»
Medici senza frontiere critica la decisione di Berna di accogliere "solo" 20 minori da Lesbo
URI
15 ore
La fermata "Mohrenkopf" è in partenza
In Svizzera non ci sono solo i celebri dolcetti ad avere questo nome controverso.
SVIZZERA
15 ore
Covid, i "saldi di primavera"
Affitti commerciali, approvato a Berna il messaggio sullo sconto a negozi e ristoranti. Ma il governo è contrario
BERNA
16 ore
Una BMW giù per le scale
Pensava fosse l’uscita del parcheggio, e invece si è ritrovato così
SVIZZERA
16 ore
Migros richiama l'apparecchio per la disinfezione «UV-C Mini 3»
C'è il rischio che possa arrecare danni agli occhi e alla pelle
SVIZZERA
17 ore
In Svizzera 3 morti e 488 nuovi casi di Covid-19
Lo conferma il quotidiano bollettino della Confederazione, sono 1'765 le vittime dall'inizio della pandemia
SVIZZERA
18 ore
Consegna tutto l'anno e firma elettronica: miglioramenti per i clienti della Posta
I quotidiani dovranno inoltre essere consegnati entro le 12.30. Queste le misure prese dal Consiglio federale
TURGOVIA
18 ore
Omicidio di Frauenfeld, il ragazzo soffriva di gravi problemi psichici
Il ministero pubblico ha dunque chiesto una terapia stazionaria e l'espulsione dalla Svizzera.
SVIZZERA
18 ore
Aumento di stipendio? Chiederlo ora è pericoloso
È quanto sostiene l'esperto Urs Klinger. «Il capo potrebbe cercare personale all'estero»
SVIZZERA
18 ore
Il Covid «ha rafforzato» il ruolo delle cure palliative
Il Consiglio federale ha proposto oggi alcune misure per il miglioramento della vita in fase terminale
SVIZZERA
20 ore
Coronavirus: nuovo test e medicamento promettente da Roche
Il preparato è approvato per il trattamento dell'artrite. Ridurrebbe il ricorso ad apparecchiature respiratorie.
BERNA / STATI UNITI
21 ore
«Hezbollah ha movimentato nitrato d'ammonio anche attraverso la Svizzera»
L'antiterrorismo statunitense mette in guardia diversi Paesi europei sul rischio di attacchi terroristici.
SVIZZERA
21 ore
Svizzera nel Consiglio di sicurezza ONU? «È un rischio»
L'ex ambasciatore Jenö Staehelin si dice scettico sull'eventualità: «Per due anni la situazione sarebbe delicata»
ZURIGO
21 ore
Quando la Svizzera si sposta in Oriente: Clariant costruisce in Cina
La struttura dovrà produrre un catalizzatore destinato alla deidrogenazione del propano
ZURIGO
24.01.2020 - 11:010

«I bonus non hanno senso, le banche svizzere sono indietro di anni»

A lanciare l'accusa è un imprenditore olandese di base a Zurigo: «Chi viene per i soldi, se ne va per i soldi»

di Redazione
Ats

ZURIGO - I sistemi retributivi basati sui bonus non hanno senso perché favoriscono una cultura aziendale nociva per l'impresa stessa: lo sostiene Tom van der Lubbe, imprenditore che vive a Zurigo e che accusa anche le banche svizzere di essere indietro di anni.

Per lo specialista che, pur abitando con la famiglia sulle rive della Limmat, dirige una società olandese attiva nel settore ipotecario, la struttura gerarchica degli istituti elvetici è superata. «Tutte le grandi banche olandesi puntano su forme di auto-organizzazione», spiega in un'intervista pubblicata oggi dal Tages-Anzeiger. «Le banche svizzere mi sembrano arrancare indietro di anni».

Anche in materia di remunerazione dalla crisi finanziaria è cambiato parecchio nei Paesi Bassi: confrontati anche con la pressione esercitata dell'opinione pubblica, gli istituti hanno in larga parte eliminato le gratifiche, passando agli stipendi fissi.

«I bonus non funzionano e sono anche controproducenti», sostiene van der Lubbe. «Se in un gruppo di dieci persone quattro ricevono un bonus, quattro invece no e gli altri due alla fine dell'anno devono andarsene si creano presupposti negativi per il team». La cultura del bonus attira inoltre determinati tipi di persone: «Chi viene per i soldi, se ne va anche per i soldi: e fra i due agisce molto pensando ai soldi».

Presso la sua azienda - l'olandese Viisi - il tema delle remunerazione viene affrontato in modo definito «semplice»: «Nel colloquio di assunzione il dipendente viene informato sul suo stipendio e su come questo evolverà nei successivi 40 anni». Secondo l'imprenditore questo è in fondo il modello classico, semplice e trasparente, che permette al singolo di avere una sicurezza nel pianificare il futuro.

«Abbiamo analizzato innumerevoli certificati di stipendio nel settore finanziario, per sapere quanto guadagna una persona sulla base della formazione e dell'esperienza. Tenendo conto di questi dati abbiamo creato curve di sviluppo medio delle retribuzioni e ci siamo orientati al 25% superiore», spiega il 51enne, che ha fondato la sua impresa nel 2010. «L'obiettivo era di pagare stipendi superiori alla media e nel contempo eliminare tutte le forme di incentivo finanziario».

Concretamente ciascun collaboratore riceve un aumento di stipendio annuo indipendentemente da come viene valutato il suo lavoro. Non vi sono colloqui sulle remunerazioni, anche perché questi vengono percepiti in generale come poco corretti dai dipendenti stessi: un uomo estroverso ottiene di più di una sua collega timida. «Noi non assumiamo nessuno al di fuori della fascia retributiva stabilita, né versiamo partecipazioni agli utili».

Ma questo approccio - chiede l'intervistatore - non rischia di svantaggiare chi ha prestazioni migliori? «Sono spesso confrontato con questo timore, quasi che l'essere umano corra solo se si trova una carota davanti al naso. Abbiamo 40 dipendenti divisi in cinque team che si organizzano da soli e assumono in autonomia nuovi collaboratori. Il controllo sociale è forte. Tutti vedono come ciascuno lavora e nessuno deve impressionare il capo».

Secondo van der Lubbe quello dei salari diventa un tema di discussione solo quando la distribuzione degli stipendi è ingiusta e quando la dirigenza proibisce al personale di parlarne. «Da noi vi è stato un piccolo caso solo quando una donna assunta come segretaria con il trascorrere del tempo ha assunto compiti sempre più importanti e per questo veniva considerata chiaramente sottopagata: abbiamo corretto la situazione».

«Con il nostro modello retributivo segnaliamo in primo luogo che tutti sono importanti per lo sviluppo dell'azienda: il consulente, che genera il fatturato, l'informatico e anche l'ex maestra di greco e di latino che si occupa della formazione continua», continua l'imprenditore.

Secondo van der Lubbe nemmeno chi comanda deve incassare. «Perché una persona che assume un ruolo dirigenziale dovrebbe guadagnare di più? Affinché tutti, per avere più soldi, vogliano diventare capi, anche se non ne hanno il talento? Non ha senso». Presso Viisi si lavora con il sistema del primus inter pares: ogni sei mesi qualcun altro assume il ruolo di coordinamento.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Meck1970 7 mesi fa su tio
Ticino ... è diventato un mo4ndo di Tasse..... L'importante per le banche, assicurazioni, ..... è di fare miliardi di utili sulle spalle della gente.
Meck1970 7 mesi fa su tio
Ticino ... è diventato un mondo di Tasse..... L'importante per le banche, assicurazioni, ..... è di fare miliardi di utili sulle spalle della gente.
Canis Majoris 7 mesi fa su tio
Una volta i manager avevano bonus perché dovevano assumersi i rischi... oggi prendono i bonus anche se fanno fallire o quasi le aziende... é uno schifo pazzesco! Questo liberismo sta rovinando il mondo!
Maurizio Roggero 7 mesi fa su fb
Uff per fortuna ha visto solo le banche e non i sistemi retributivi in Ticino....
daniele77 7 mesi fa su tio
si, talmente specialisti che la prima bolla finanziaria è anta con i tulipani ;-) https://it.wikipedia.org/wiki/Bolla_dei_tulipani a parte questo quando dice il tipo lo trovo corretto e ammirevole
Tarok 7 mesi fa su tio
ma gli olandesinon erano specialisti in tulipani?
gmogi 7 mesi fa su tio
Raggiungere gli obiettivi personali andava anche bene, ma poi quando hanno aggiunto gli obiettivi del team è diventato una lotta interna. Tutti contro tutti. Ma alla fine i capetti ti spostavano i risultati per tenersi il gruzzolo da spartirsi ai piani sopra. I bonus sono stata la rovina del lavoro
Bayron 7 mesi fa su tio
Vero e adesso?? La casta andrà avanti a percepire i buonus e la base ad essere licenziata... vedi UBS!!!
pontsort 7 mesi fa su tio
A non aver senso è dare il bonus a uno per il lavoro di tutti
andrea28 7 mesi fa su tio
I bonus ai dirigenti spingono solo a spremere i collaboratori e licenziamenti per ottenere il massimo rendimento a breve termine. Poi quando la ditta rallenta il manager se ne va e incassa il bonus. È la nuova forma di schiavitù moderna.
GI 7 mesi fa su tio
wow ha scoperto l'acqua calda !
demon631 7 mesi fa su tio
Evviva l'Olandese di turno,ci voleva proprio lui ??
Mario Guglielmoni 7 mesi fa su fb
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 05:49:45 | 91.208.130.85