Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VAUD
3 ore
Caduta mortale nella gola del Chauderon
Una 62enne è precipitata per una cinquantina di metri
URI
3 ore
In retromarcia sull'A2 per evitare controlli
Pericolosa manovra di tre autotrasportatori, che volevano sottrarsi a un controllo perché i loro veicoli presentavano difetti tecnici
FOTO
TURGOVIA
5 ore
Scoppia la polemica su questo cartellone elettorale
La decisione di una candidata al Gran Consiglio turgoviese di farsi ritrarre con un fucile d'assalto ha riportato alla mente la strage avvenuta a Zugo
VIDEO
BERNA
5 ore
Quando l'acqua anziché cascare... risale
Curioso fenomeno quello immortalato nell'Oberland bernese. Ma c'è una spiegazione
SVIZZERA
6 ore
Quasi 90enne, il Glacier Express è sempre più amato
Il caratteristico treno rosso ha registrato un +10% di passeggeri: «Continua a essere una delle esperienze ferroviarie di maggior richiamo del mondo»
LUCERNA
8 ore
Beccato con la targa contraffatta e senza patente
Il 32enne polacco è stato fermato ieri nei pressi di Triengen
SVIZZERA
8 ore
Feriti sulle piste: 140 interventi in un weekend
È stato un fine settimana intenso per la Rega. Numerosi gli sciatori soccorsi per infortuni
ARGOVIA
8 ore
Trovata morta una donna scomparsa a fine dicembre
Il corpo della 64enne è stato rinvenuto a pochi chilometri di distanza dal suo domicilio
SVIZZERA
8 ore
Il cervo dello Jägermeister ha perso il suo significato cristiano
Il TAF ha stabilito che il logo del noto digestivo, un cervo con una croce, può essere commercializzato senza ferire i sentimenti religiosi
LUCERNA
9 ore
Arrestati dopo una folle sfida notturna
Gara automobilistica ad alta velocità, in pieno centro di Lucerna, fra due giovani. Uno di loro si trovava pure in stato d'ebbrezza
SVIZZERA-CINA
10 ore
Gli svizzeri in Cina: «Abbandonati da Berna»
Il DFAE afferma di essere in contatto con i confederati che si trovano nel paese asiatico. Ma molti dicono di non essere mai stati contattati
GINEVRA
10 ore
I frontalieri arrivano da sempre più lontano
Lo storico Claude Barbier mette in guardia su un possibile problema culturale: «Spesso questi lavoratori non comprendono gli usi e i costumi locali»
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
11 ore
«Ogni tre giorni c'è un'auto in contromano sulle autostrade»
Quello avvenuto sabato nel canton Berna è solo l'ultimo caso di una lunga serie. Via Suisse: «15 conducenti contromano da inizio 2020»
SVIZZERA
14 ore
Quando gli apprendisti sono costretti a portare il caffè
Ai giovani in formazione vengono spesso affidati compiti non previsti nella loro funzione. I sindacati chiedono più controlli
BERNA
20 ore
«Abbiamo suonato il clacson per avvisare i conducenti»
Parla il testimone dell'incidente avvenuto questo fine settimana sull'A6
VAUD
22 ore
Uscito dall'ospedale, non si hanno più notizie di Nexhit
L'uomo è psicologicamente fragile
SVIZZERA
22 ore
Trump: «Ho reso gli svizzeri ancora più ricchi». Aveva ragione
Gli Stati Uniti rappresentano il secondo mercato di esportazione per la Svizzera
SVITTO
1 gior
Incidente mortale per un centauro
Il 59enne ha perso il controllo della sua moto cercando di evitare un ciclista
SVIZZERA
1 gior
Fine settimana da record: 21,2 gradi a Delémont
Temperature da primato nel Giura, nelle Alpi vodesi e nell'Oberland bernese
ZURIGO
24.01.2020 - 11:010

«I bonus non hanno senso, le banche svizzere sono indietro di anni»

A lanciare l'accusa è un imprenditore olandese di base a Zurigo: «Chi viene per i soldi, se ne va per i soldi»

di Redazione
Ats

ZURIGO - I sistemi retributivi basati sui bonus non hanno senso perché favoriscono una cultura aziendale nociva per l'impresa stessa: lo sostiene Tom van der Lubbe, imprenditore che vive a Zurigo e che accusa anche le banche svizzere di essere indietro di anni.

Per lo specialista che, pur abitando con la famiglia sulle rive della Limmat, dirige una società olandese attiva nel settore ipotecario, la struttura gerarchica degli istituti elvetici è superata. «Tutte le grandi banche olandesi puntano su forme di auto-organizzazione», spiega in un'intervista pubblicata oggi dal Tages-Anzeiger. «Le banche svizzere mi sembrano arrancare indietro di anni».

Anche in materia di remunerazione dalla crisi finanziaria è cambiato parecchio nei Paesi Bassi: confrontati anche con la pressione esercitata dell'opinione pubblica, gli istituti hanno in larga parte eliminato le gratifiche, passando agli stipendi fissi.

«I bonus non funzionano e sono anche controproducenti», sostiene van der Lubbe. «Se in un gruppo di dieci persone quattro ricevono un bonus, quattro invece no e gli altri due alla fine dell'anno devono andarsene si creano presupposti negativi per il team». La cultura del bonus attira inoltre determinati tipi di persone: «Chi viene per i soldi, se ne va anche per i soldi: e fra i due agisce molto pensando ai soldi».

Presso la sua azienda - l'olandese Viisi - il tema delle remunerazione viene affrontato in modo definito «semplice»: «Nel colloquio di assunzione il dipendente viene informato sul suo stipendio e su come questo evolverà nei successivi 40 anni». Secondo l'imprenditore questo è in fondo il modello classico, semplice e trasparente, che permette al singolo di avere una sicurezza nel pianificare il futuro.

«Abbiamo analizzato innumerevoli certificati di stipendio nel settore finanziario, per sapere quanto guadagna una persona sulla base della formazione e dell'esperienza. Tenendo conto di questi dati abbiamo creato curve di sviluppo medio delle retribuzioni e ci siamo orientati al 25% superiore», spiega il 51enne, che ha fondato la sua impresa nel 2010. «L'obiettivo era di pagare stipendi superiori alla media e nel contempo eliminare tutte le forme di incentivo finanziario».

Concretamente ciascun collaboratore riceve un aumento di stipendio annuo indipendentemente da come viene valutato il suo lavoro. Non vi sono colloqui sulle remunerazioni, anche perché questi vengono percepiti in generale come poco corretti dai dipendenti stessi: un uomo estroverso ottiene di più di una sua collega timida. «Noi non assumiamo nessuno al di fuori della fascia retributiva stabilita, né versiamo partecipazioni agli utili».

Ma questo approccio - chiede l'intervistatore - non rischia di svantaggiare chi ha prestazioni migliori? «Sono spesso confrontato con questo timore, quasi che l'essere umano corra solo se si trova una carota davanti al naso. Abbiamo 40 dipendenti divisi in cinque team che si organizzano da soli e assumono in autonomia nuovi collaboratori. Il controllo sociale è forte. Tutti vedono come ciascuno lavora e nessuno deve impressionare il capo».

Secondo van der Lubbe quello dei salari diventa un tema di discussione solo quando la distribuzione degli stipendi è ingiusta e quando la dirigenza proibisce al personale di parlarne. «Da noi vi è stato un piccolo caso solo quando una donna assunta come segretaria con il trascorrere del tempo ha assunto compiti sempre più importanti e per questo veniva considerata chiaramente sottopagata: abbiamo corretto la situazione».

«Con il nostro modello retributivo segnaliamo in primo luogo che tutti sono importanti per lo sviluppo dell'azienda: il consulente, che genera il fatturato, l'informatico e anche l'ex maestra di greco e di latino che si occupa della formazione continua», continua l'imprenditore.

Secondo van der Lubbe nemmeno chi comanda deve incassare. «Perché una persona che assume un ruolo dirigenziale dovrebbe guadagnare di più? Affinché tutti, per avere più soldi, vogliano diventare capi, anche se non ne hanno il talento? Non ha senso». Presso Viisi si lavora con il sistema del primus inter pares: ogni sei mesi qualcun altro assume il ruolo di coordinamento.
 
 

Commenti
 
Meck1970 3 sett fa su tio
Ticino ... è diventato un mo4ndo di Tasse..... L'importante per le banche, assicurazioni, ..... è di fare miliardi di utili sulle spalle della gente.
Meck1970 3 sett fa su tio
Ticino ... è diventato un mondo di Tasse..... L'importante per le banche, assicurazioni, ..... è di fare miliardi di utili sulle spalle della gente.
Canis Majoris 3 sett fa su tio
Una volta i manager avevano bonus perché dovevano assumersi i rischi... oggi prendono i bonus anche se fanno fallire o quasi le aziende... é uno schifo pazzesco! Questo liberismo sta rovinando il mondo!
Maurizio Roggero 3 sett fa su fb
Uff per fortuna ha visto solo le banche e non i sistemi retributivi in Ticino....
francox 3 sett fa su tio
Amo l'Olanda. Dovremmo imparare da loro e smettere di farci fregare così platealmente dai manager d'aziende, sono un cancro della società moderna. L'ultimo CEO della Boeing conferma che il tempo dei nobili non è finito.
daniele77 3 sett fa su tio
si, talmente specialisti che la prima bolla finanziaria è anta con i tulipani ;-) https://it.wikipedia.org/wiki/Bolla_dei_tulipani a parte questo quando dice il tipo lo trovo corretto e ammirevole
Tarok 3 sett fa su tio
ma gli olandesinon erano specialisti in tulipani?
gmogi 3 sett fa su tio
Raggiungere gli obiettivi personali andava anche bene, ma poi quando hanno aggiunto gli obiettivi del team è diventato una lotta interna. Tutti contro tutti. Ma alla fine i capetti ti spostavano i risultati per tenersi il gruzzolo da spartirsi ai piani sopra. I bonus sono stata la rovina del lavoro
Bayron 3 sett fa su tio
Vero e adesso?? La casta andrà avanti a percepire i buonus e la base ad essere licenziata... vedi UBS!!!
pontsort 3 sett fa su tio
A non aver senso è dare il bonus a uno per il lavoro di tutti
andrea28 3 sett fa su tio
I bonus ai dirigenti spingono solo a spremere i collaboratori e licenziamenti per ottenere il massimo rendimento a breve termine. Poi quando la ditta rallenta il manager se ne va e incassa il bonus. È la nuova forma di schiavitù moderna.
GI 3 sett fa su tio
wow ha scoperto l'acqua calda !
demon631 3 sett fa su tio
Evviva l'Olandese di turno,ci voleva proprio lui ??
Mario Guglielmoni 3 sett fa su fb
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-17 20:50:07 | 91.208.130.85