Immobili
Veicoli
keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
26 min
Tre voli per portare Cassis al WEF
La partecipazione del presidente della Confederazione al Forum ha prodotto molto CO2. Ecco com'è andata
VALLESE
5 ore
Con il riscaldamento globale «seracchi sempre più instabili»
L'esperto: «Proprio perché i pericoli sono diventati più frequenti, molte vie alpinistiche vengono scartate»
SOLETTA
6 ore
Arrestato un presunto piromane, è un 33enne
La polizia aveva chiesto aiuto alla popolazione per catturare l'autore o gli autori di una decina di roghi
SAN GALLO
7 ore
Rinvenuto un cadavere: è del 74enne scomparso
Lo comunica la Polizia della Città di San Gallo, «non ci sono indicazioni di un coinvolgimento di terzi»
FOTO
VALLESE
7 ore
Due morti e nove feriti sul massiccio del Grand Combin
È il bilancio dell'incidente che si è verificato questa mattina in Vallese
VALLESE
8 ore
Licenziamenti in vista a Crans-Montana
La stazione sciistica perderà posti di lavoro. L'azienda parla di «campagna di sgrassaggio»
SAN GALLO
8 ore
Trovato morto un base jumper
Sono diverse le domande ancora senza risposta: era con qualcuno? Perché è precipitato?
SVIZZERA
9 ore
Vaiolo delle scimmie: «Non stigmatizzate gli omosessuali»
Aiuto Aids Svizzero lancia una campagna di sensibilizzazione sui rischi del contagio
SVIZZERA
9 ore
Dall'Italia alla Svizzera senza stage
Vale per chi termina gli studi di psicologia nella vicina penisola
GRIGIONI
10 ore
Finisce oltre il muro di contenimento con la sedia a rotelle
L'89enne è rimasto ferito ed è stato trasportato in ospedale dalla Rega
SVIZZERA
13.05.2020 - 21:400
Aggiornamento : 14.05.2020 - 09:06

L'influenza spagnola mostra ciò che potremmo dover riaffrontare

In Svizzera la mascherina non è obbligatoria. Ma, dati alla mano, potrebbe proteggere dalla temuta seconda ondata

A dimostrarlo è uno sguardo a quanto accaduto un secolo fa. Città come Filadelfia o San Francisco optarono per allentamenti precoci delle misure che costarono numerose vite

ZURIGO - L'influenza spagnola, che si abbatté nel mondo tra il 1918 e il 1919, uccise tra i 20 e i 40 milioni di persone. Anche se da allora è passato un secolo, alcune delle misure adottate all'epoca sono ancora tutt'oggi: il mantenimento della distanza sociale, ad esempio, ma anche l'uso di mascherine.

Un confronto con quanto accadde allora mostra come un veloce allentamento delle misure di protezione possa essere altamente deleterio. Un caso rilevante è quello di Filadelfia. L'abbandono delle distanze sociali costò un picco vertiginoso di vittime. A San Francisco, l'abbandono della mascherina peggiorò notevolmente la situazione.

«La gente gettò o bruciò con gioia le mascherine. Ma non solo ciò portò a una seconda ondata. Questa fu ancora più devastante, con più vittime della prima», ha dichiarato a SRF News il virologo Stephen Morse, della Columbia University di New York.

Secondo l'epidemiologo, il caso di San Francisco potrebbe ripetersi oggi, ad esempio se «abolissimo tutte le misure in un sol colpo». Dello stesso parere è Heiner C. Bucher, direttore dell'Istituto di epidemiologia clinica di Basilea, che vede come inevitabile una seconda ondata. 

Quasi nessuna nuova infezione nell'ex hotspot - L'esempio degli Stati Uniti mostra quanto possano essere utili le mascherine per contenere una pandemia virale. Uno sguardo alla città tedesca di Jena conferma che può anche aiutare a mantenere basso il tasso di infezione se applicata assieme a misure igieniche e distanze sociali.

La città è stata la prima in Germania a introdurre l'obbligo della mascherina all'inizio di aprile, passando da hotspot a zona quasi priva di nuovi casi di coronavirus.

Anche quelle di stoffa - Ma non sono solo le mascherine chirurgiche a poter aiutare a trattenere le goccioline espulse quando si respira, si parla, si ride, si starnutisce e si tossisce. Pure quelle di stoffa possono fare la loro parte, come sottolinea Benjamin Cowling dell'Università di Hong Kong all'agenzia di stampa Reuters: «Possono proteggere anche quelle di cotone, nonostante siano un po' meno efficaci di quelle chirurgiche».

Per l'Istituto Robert Koch (organizzazione responsabile per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive in Germania) «si può presumere che le mascherine siano in grado di ridurre il rischio di infettare gli altri. Ma questo vale solo se si osservano le regole sulla distanza, e una buona igiene delle mani».

Il mix di materiali è importante - Se una mascherina di stoffa può avere la sua efficacia, il materiale utilizzato non è da trascurare.

Secondo alcuni ricercatori dell'Università di Chicago, un mix di «cotone a trama fitta e facoltativamente seta, chiffon o flanella» si è dimostrato particolarmente efficace.

Combinati, i materiali filtrerebbero oltre l'80 percento delle particelle più piccole di 300 nanometri e più del 90 percento delle particelle più grandi di 300 nanometri.

C'è però un altro problema: la seta, lo chiffon e la flanella non possono essere portati a 90 gradi, né in lavatrice, né in un forno o sterilizzati tramite bollitura. E secondo gli ultimi risultati dell'Istituto federale tedesco per i farmaci e i dispositivi medici, sono necessarie temperature così elevate per uccidere in modo affidabile il virus.

Ecco perché gli esperti raccomandano che, quando si indossano le maschere, è necessario comportarsi sempre come se non le si indossasse. Ciò significa: tenersi a distanza dalle altre persone, tossire e starnutire sempre nell'incavo del braccio e lavarsi le mani regolarmente.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-28 00:01:13 | 91.208.130.86