Immobili
Veicoli
Angela e Hassan "incastrati" dal blitz nello stabile pieno di bosniaci
La stanza dove dormivano Angela e Hassan - fonte Carabinieri
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
BASILEA CAMPAGNA
1 ora
Ciclista in stato di ebbrezza cade e si ferisce
L'uomo aveva un tasso alcolemico nel sangue dello 0,96 per mille
SVIZZERA
3 ore
Uno svizzero su tre non intende donare gli organi
Con la nuova legge sui trapianti, saranno tutti donatori. Il 36% dei cittadini vuole dichiarare di rifiutare l'espianto
SVIZZERA
13 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
14 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
VALLESE
15 ore
Ha sbranato 28 animali: ordinato l'abbattimento di un lupo
L'animale si aggira nell'Alto Vallese, fra i comuni di Ergisch e Unterbäch.
ZURIGO
16 ore
Nessuna bomba all'aeroporto di Zurigo
Nel velivolo di Helvetic Airways non è stato trovato nulla di sospetto.
VALLESE
17 ore
In Vallese il «più grande campo scout» della Svizzera
Oltre trentamila giovani pianteranno le loro tende nella Valle di Goms quest'estate.
FOTO
URI
17 ore
"Ucrainizzato" il monumento a Aleksandr Suvorov
L'opera si trova nelle Gole della Schöllenen e dal 1899 ricorda l'alto ufficiale russo.
SVIZZERA
17 ore
Sono quasi 50'000 i profughi ucraini giunti in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «402 iscrizioni nelle ultime 72 ore».
SAN GALLO
18 ore
Lamborghini troppo veloce e rumorosa, fermato un 19enne
Domenica sera a San Gallo la polizia ha sequestrato l'auto sportiva a causa dell'eccessiva velocità.
ITALIA/SVIZZERA
25.03.2016 - 14:440
Aggiornamento : 18:16

Angela e Hassan "incastrati" dal blitz nello stabile pieno di bosniaci

Si erano rifugiati in una palazzina in provincia di Bergamo. Erano tutti stranieri. Nessun contatto con gli altri inquilini. Tutti i dettagli del loro ritrovamento

MILANO - Due mesi in fuga. Questa mattina, attorno alle 3.00 la parola fine. Non ci credevano nemmeno loro, la secondina Angela Magdici e il carcerato Hassan Kiko, quando hanno visto i carabinieri fare irruzione nell'abitazione in cui si erano rifugiati, a Romano di Lombardia in provincia di Bergamo.
Attimi concitati quelli del blitz, che sono stati ricostruiti oggi, nel corso di una conferenza stampa, dal Comando Provinciale Carabinieri di Milano.

La fuga, passando dal Ticino - Prima di arrivare a Romano di Lombardia, i due fuggitivi hanno attraversato il Ticino a bordo dell'auto appartenente ad Angela, e dopo aver superato la frontiera hanno fatto una prima tappa a Como. In seguito si sono spostati in provincia di Bergamo. L'intenzione era di andare a Romano di Lombardia. Qui hanno preso in affitto un appartamento situato in una palazzina di 9 piani. Un intero stabile abitato da stranieri, quasi tutti di origine balcanica. Angela e Hassan hanno soggiornato al settimo piano.

Una vita spartana - «Non avevano contatti con gli altri inquilini. Uscivano pochissimo. E anche le telefonate erano ridotte al minimo essenziale» è stato spiegato durante la conferenza stampa. Non poteva essere diversamente. I due si erano resi conto della vasta eco mediatica che la loro fuga aveva originato alle nostre latitudini. Sapevano che i telefonini erano sotto stretto controllo, ma non immaginavano che sarebbero state proprio quelle poche telefonate a permettere agli inquirenti di arrivare alla loro cattura.

Incastrati dai cellulari - «Siamo riusciti a localizzarli grazie ai telefonini e soprattutto grazie a un lavoro di stretta collaborazione con le autorità svizzere che sin dal primo giorno osservavano ogni minimo segnale telefonico. Non è stato facile da parte nostra individuare che la coppia si trovava al settimo piano». Una volta localizzata l'esatta posizione dei due, i carabinieri del Raggruppamento operativo speciale (Ros) hanno fatto irruzione nell'appartamento. Sono stati impiegati anche alcuni elicotteri. Sul posto al momento dell'operazione tra i 40 uomini delle forze dell'ordine erano presenti anche agenti zurighesi, ha detto Daniel Schndyer, portavoce della polizia cantonale.

Resistenza all'arresto - Angela e Hassan hanno cercato di porre resistenza all'arresto. Secondo quanto reso noto dai carabinieri, ci sono voluti quattro agenti per bloccare la donna, che è una esperta di karaté e che non ha mostrato di voler collaborare. «È stata una resistenza passiva, non hanno collaborato» spiegano dal Comando dei Carabinieri. Dunque non c'è stata collutazione e i due hanno parlato pochissimo. «La donna non ha mostrato pentimento, sposando invece pienamente la causa siriana» spiegano gli inquirenti.

Il progetto di andare in Medio Oriente - Nell'appartamento non sono state trovate armi, bensì lettere che testimoniavano la loro relazione sentimentale. Ma anche un progetto: quello di lasciare al più presto l'Italia per recarsi in Medio Oriente. « Alcune telefonate fatte dalla donna in Austria e Germania fanno pensare che i due volessero tornare nella terra d'origine dell'uomo", ha aggiunto il comandante del Ros (Raggruppamento operativo speciale) di Milano, Paolo Storoni. Non si sa se la destinazione fosse la Siria.

Angela Magdici e Hassan Kiko sono ora a disposizione delle autorità italiane e restano in attesa della richiesta di estrazione da parte della Svizzera.

È una vicenda sentimentale - "Questo non è un caso di terrorismo, ma piuttosto una vicenda sentimentale", ha precisato il portavoce dei carabinieri citato dai media. Sui due amanti pendeva un ordine di cattura internazionale, dopo l'evasione nella notte tra l'8 e il 9 febbraio dalla prigione di Dietikon (ZH), dove il siriano scontava una pena a quattro anni di carcere per stupro.

 

Lo stabile dove hanno vissuto Angela e Hassan- fonte Carabinieri
Guarda le 2 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-17 09:54:34 | 91.208.130.87