Cerca e trova immobili

SVIZZERASvizzeri in Giappone: «Sembra di vivere in un mondo parallelo»

21.06.24 - 14:29
Gli abitanti del Paese sono speso ostili nei confronti degli stranieri.
Deposit Photos
Fonte ats awp
Svizzeri in Giappone: «Sembra di vivere in un mondo parallelo»
Gli abitanti del Paese sono speso ostili nei confronti degli stranieri.

ZURIGO - Per molti svizzeri il Giappone è una destinazione da sogno. Secondo esperti, tuttavia, i turisti e gli espatriati hanno spesso un'immagine unilaterale del Paese. Trovare un legame a lungo termine si rivela difficile.

Il Giappone ha una politica di naturalizzazione restrittiva. Anche le regole sociali sono rigide e spesso inusuali per chi viene dall'Occidente.

Ad esempio, non si mangia per strada e si resta in silenzio sui mezzi pubblici. «Tutto il resto è considerato un affronto», afferma il professore David Chiavacci esperto del Giappone in un'intervista rilasciata all'agenzia finanziaria AWP. Le persone che si discostano dalle norme vengono guardate male, soprattutto se riconoscibili come stranieri.

«Molti giapponesi sono diffidenti nei confronti degli stranieri», afferma Andreas Strahm di Zurigo, la cui madre è giapponese. Vicino agli stranieri, chiamati "gaijin" in giapponese, ci sono spesso posti vuoti in metropolitana, anche nelle ore di punta, perché la popolazione locale evita il contatto con loro. Anche come inquilini gli stranieri sono spesso respinti. Oggi in internet esistono forum che li aiutano nella ricerca di un alloggio.

Nonostante ciò, la maggior parte degli stranieri resta aggrappata al suo sogno. «Molti non si rendono conto dei rifiuti quotidiani perché sono sottili», dice Strahm. Questo perché i giapponesi sono sempre educati e confezionano le loro dichiarazioni in modo tale che generalmente i sentimenti negativi non sono percepiti. In privato, tuttavia, parlano spesso in modo denigratorio della gente non del posto.

Anche Matteo Tittone di Soletta, che si è recato in Giappone come turista, ha percepito la separazione dalla gente locale. I tradizionali isakaya, sorta di bar dove i giapponesi si incontrano dopo il lavoro, non sono molto accessibili ai turisti. Alcuni locali di Tokyo hanno cartelli con scritto «gli stranieri sono i benvenuti» o «disponibile menu in inglese», ma in molti posti c'è scritto «solo per i soci». Ciò significa che l'ingresso è consentito solo a connazionali. Pure la disponibilità a parlare inglese è molto bassa rispetto ad altri Paesi.

Anche dopo un soggiorno più lungo, è difficile sentirsi a casa in Giappone, dice da parte sua lo studente di linguistica computazionale Jean Kesselring, che è recentemente tornato da Tokyo dove vi ha trascorso otto mesi. Nonostante abbia studiato un po' di giapponese, a volte è stato respinto nei ristoranti apparentemente senza motivo. In otto mesi, tuttavia, ha vissuto situazioni del genere solo circa cinque volte. Nei luoghi meno turistici le persone sono state molto più disponibili nei suoi confronti e lo hanno spesso invitato a casa loro.

Anonimato come stile di vita - D'altra parte, Strahm, Tittone e Kesselring sottolineano le opportunità dell'anonimato, possibile solo nelle grandi città. «I giapponesi non sentono il bisogno di distinguersi dalla folla, ma si considerano parte dell'insieme».

Per Kesselring, che ha già prenotato il suo prossimo viaggio in Giappone e potrebbe immaginare di vivere lì per un periodo più lungo, le chiare regole di comportamento non sono state restrittive ma liberatorie.

Il professore di iamatologia Chiavacci vede intanto nel turismo anche un'opportunità per un allentamento della società giapponese: «La politica migratoria diventa più indulgente perché c'è una crescente carenza di manodopera nel turismo e nella gastronomia». Questa evoluzione è anche determinata dall'invecchiamento della popolazione e dal basso tasso di natalità in Giappone.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE