Cerca e trova immobili

SVIZZERAPremi malattia 2024: «Fallimento politico, ora riforme»

27.09.23 - 08:30
I media confederati criticano gli aumenti e chiedono riforme urgenti, soprattutto nella politica ospedaliera. Ma non tutti concordano.
Ti-Press
Fonte Ats
Premi malattia 2024: «Fallimento politico, ora riforme»
I media confederati criticano gli aumenti e chiedono riforme urgenti, soprattutto nella politica ospedaliera. Ma non tutti concordano.

BERNA - Dure critiche della carta stampata il giorno dopo l'annuncio degli aumenti dei premi di cassa malati.

Secondo diversi media svizzeri, la politica ha infatti fallito totalmente nel settore sanitario. Soprattutto per quanto riguarda la politica ospedaliera. Sono ora necessarie riforme. «Questo è troppo. Il Consiglio federale e il Parlamento hanno fallito», scrivono oggi le testate dei media confederati dopo che ieri l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) aveva infatti dichiarato un aumento dei premi in media dell'8,7% nel 2024, incremento più alto da oltre dieci anni.

«L'entità dell'aumento dei costi non è stata voluta da Dio, ma è la conseguenza di un'azione antieconomica. La politica ha fallito», si legge nei titoli di Tamedia.

Ora la costernazione è nazionale, scrive il quotidiano della Svizzera occidentale "Le Temps". Il mito secondo cui gli svizzeri di lingua francese corrono dagli specialisti per questioni banali e gli svizzeri di lingua tedesca stringono i denti ha fatto il suo tempo.

NZZ "fuori dal coro".
I giornali concordano sul fatto che le famiglie del ceto medio-basso sono particolarmente colpite dall'aumento dei premi. Tuttavia, l'isteria che si sta diffondendo nel Paese è esagerata, scrive la "Neue Zürcher Zeitung" (NZZ). Si spiega soprattutto con le imminenti elezioni. Secondo la NZZ, la crescita dei costi sanitari non è così fuori controllo come spesso viene dipinta.

Risparmiare sui costi ospedalieri.
Tuttavia, anche per la NZZ è arrivato il momento di cambiare. Il giornale vede il potenziale maggiore di intervento negli ospedali. La Svizzera ha bisogno di meno ospedali, ma più grandi. Se la Svizzera continua a perseguire una politica ospedaliera di lottizzazione da un confine cantonale all'altro, il prossimo «shock da premio è solo questione di tempo», prevede la NZZ.

Alcuni cantoni manterrebbero gli ospedali artificialmente in vita, scrive Tamedia. I direttori cantonali della sanità avrebbero infatti paura di essere cacciati dalle loro cariche se gli ospedali venissero chiusi. Ma questo è un lusso che fa lievitare i costi e che impone a tutti di avere un ospedale a portata di mano, si legge nel commento di Tamedia.

Affrontare i problemi.
«Il tempo delle scuse è finito», titola CH Media e spiega che, nelle commissioni parlamentari per la salute, il numero dei politici stufi del blocco delle riforme sta crescendo.

Nella prossima legislatura il Parlamento dovrà affrontare il contenimento dei costi sanitari con la massima priorità, scrive Tamedia. 

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Nikko 6 mesi fa su tio
Cassa Malati di base, unica e pubblica!!!

falco8 6 mesi fa su tio
liberalizzare totalmente il mercato dei farmaci per poter così importare dall'eu/us a prezzi normali. ed anche finanziamento totale o parziale con le imposte dei costi della salute con la possibilità di utilizzare l'inutile 2° pilastro attuale proprio per finanziare i costi individuali della salute quando superano un % del reddito annuale. ma non c'é nessun partito politico maggiore che propone qualcosa d'altro? tutti vogliono lo status quo con 'correzioni' chissà perché... ve lo dico io, profonda corruzione.

BananaHammock 6 mesi fa su tio
Mi chiedo se è un caso che non si parli degli utili delle casse malati, delle ditte farmaceutiche e dei rispettivi bonus ai dirigenti. Effettivamente è colpa di chi va a farsi curare e degli ospedali che cadono a pezzi.

max222 6 mesi fa su tio
Sul fatto che si va troppo dal medico, secondo me è dovuto a quegli assicurati che non pagano un centesimo o pochi franchi, grazie ai sussidi e ai vari canali assistenziali i cui premi sono pagati dallo stato. Chi paga di tasca propria i premi e la franchigia ci pensa un pochino di più ad andare per niente dal medico.

Koblet69 6 mesi fa su tio
Risposta a max222
Bravo la penso anch io così!!

Mel8811 6 mesi fa su tio
Risposta a max222
Io prendo il sussidio eppure dal medico ci vado solo de strettamente necessario. Non generalizzare

Voilà 6 mesi fa su tio
Risposta a max222
max222, quelli che ricevono sussidi di cassa malati (RIPAM) pagano comunque la maggior parte del premio, la franchigia e il 10%. Credo che la RIPAM la ricevano in maggioranza le famiglie, quindi persone giovani, bambini e ragazzi che raramente hanno bisogno di un medico. Per favore, se non l'hai mai fatto, chiediti perché le casse malati non mollano l'assicurazione di base, sulla quale non dovrebbero guadagnare niente? Potrebbero tenersi solo le complementari.

Vadis 6 mesi fa su tio
Fate un'inchiesta per sapere quanto viene versato dalle casse malati ai diversi componenti politici dei CA, completate per sapere qual'è la fortuna delle casse malati in stabili e ricette locative.

A850 6 mesi fa su tio
la politica odierna è un fallimento... popolazione aprite gli occhi!

Keope1963 6 mesi fa su tio
Risposta a A850
Ok e una volta aperti gli occhi ?

Ciulindo.47 6 mesi fa su tio
Il motto della Confederazione dal 1848: "unus pro omnibus, omnibus pro uno"

Keope1963 6 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
Uno per tutto e tutto per uno

LoveYourCountry 6 mesi fa su tio
Alla fine è colpa della società nel suo insieme… troppe fisioterapie inutili, troppe terapie inutili, troppi medicamenti inutili… però si sa, ognuno pensa a se stesso e vuole “sfruttare al massimo”… quante volte ho sentito persone che fanno test o controlli giusto per, “tanto ho già superato la franchigia quindi ne approfitto”. Anche se in realtà i veri costi esagerati e non essenziali sono quelli per anziani… non è normale che un anziano va 3-4 volte a settimana dal fisioterapista pagato dalla cassa malati… che si paghi tutto da solo! Secondo me dovrebbe aumentare quel 10% di costi sui servizi usufruiti e diminuire la somma mensile che paghiamo a prescindere! Così si da un inventivo a chi effettivamente dal medico va pochissimo e si da un incentivo a chi ci va inutilmente di diminuire.

cane_disperato 6 mesi fa su tio
Risposta a LoveYourCountry
La salute È in gran parte fortuna, la cassa malati funziona proprio come un assicurazione normale, tutti pagano perché non puoi sapere se la sfortuna colpisce te. È anche una cosa sociale, chi ha la salute (io sono stato dal dottore 1 volta in 10 anni) può essere contento di pagare per niente.

Voilà 6 mesi fa su tio
Risposta a LoveYourCountry
LoveYourCountry, questo è quello che ci hanno inculcato da anni, colpevolizzandoci fino a farci vergognare di ammalarci o solo di invecchiare e provocare costi. Sono d'accordo che bisogna agire sui costi delle cure, ma è ora di guardare anche dall'altra parte. Le casse malati non fanno la carità, quindi non ti chiedi perché non mollano la LAMAL, sulla quale non dovrebbero guadagnare nulla? Se i costi amministrativi a carico delle cm sono sempre del 5%, come dichiarano loro, significa che aumentano di 100 milioni l'anno! Ti lascia indifferente il fatto che abbiano perso 2 miliardi di riserve in borsa e che ora debbano recuperarli aumentando i premi? Sai che costringendo gli assicurati a cambiare cassa alla ricerca della meno costosa si provocano costi per 2 miliardi di Franchi? Ora dimmi se è il caso di accanirsi contro l'anziano che fa fisioterapia per alleviare dei dolori artritici o per mantenere una buona mobilità.

Tao2023 6 mesi fa su tio
Risposta a cane_disperato
LoveYourCountry: si vede che non sei anziano e sei benestante altrimenti non scriveresti certe cose, sono anziano e ogni 4/5 mesi devo fare delle visite specialistiche.

Equalizer 6 mesi fa su tio
Beh anche noi in Ticino facciamo la nostra parte, 360'000 abitanti e 4 Ospedali attivi, bello e pratico, lo ammetto, ma sicuramente costosissimo, e questo senza considerare le Cliniche che si possono tranquillamente definire come para-ospedaliere. Non abbiamo pari in Svizzera come densità di prestazioni per abitanti.

Koblet69 6 mesi fa su tio
Risposta a Equalizer
Vero ma considera che nei 360.000 abitanti ci sono molti anziani confederati (molti benestanti) che hanno preso domicilio in Ticino e con loro hanno portato anche tutte le prestazioni mediche che un anziano necessita

cane_disperato 6 mesi fa su tio
Risposta a Equalizer
la popolazione aumenta, gli ospedali no non vedo come questo possa aumentare i costi.

nec 6 mesi fa su tio
Purtroppo sì va dal medico/fisioterapista/psicologo per ogni ogni stupidata

F/A-19 6 mesi fa su tio
Risposta a nec
Fisioterapia a gogo....., al posto di farsi qualche esercizio a casa si inventano sedute su sedute ed inoltre anche assenze dal lavoro.

Trizi 6 mesi fa su tio
al posto di salvare il CS porevano pensare alle cassemalati

francox 6 mesi fa su tio
Delle perdite in borsa della casse malati, non se parla.
NOTIZIE PIÙ LETTE