Immobili
Veicoli

SVIZZERA32'500 ore passate in colonna nel 2021, l'Ustra pensa al limite 60 in autostrada

12.07.22 - 10:45
L'idea è quella di ridurre le code e gli incidenti, abbassando il limite minimo. Ma le critiche non mancano
Depositphotos (taldav68)
32'500 ore passate in colonna nel 2021, l'Ustra pensa al limite 60 in autostrada
L'idea è quella di ridurre le code e gli incidenti, abbassando il limite minimo. Ma le critiche non mancano

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - 32'500 ore passate in colonna nel solo 2021, è questo il bilancio - davvero inclemente - di un sistema autostradale svizzero ormai da tempo al limite estremo. E noi ticinesi lo sappiamo bene.

E oltre ai costi umani, e l'impatto negativo sulle vite di chi si trova imbottigliato, sono ingenti anche quelli materiali (si parla di 1,67 miliardi stando alle stime dell'Ufficio federale dello sviluppo territoriale per il 2019), climatici ed energetici. Per non parlare degli incidenti.

Stando a quanto riportato dal TagesAnzeiger per ovviare a questa situazione ormai critica l'Ufficio federale delle strade (Ustra) starebbe valutando la possibilità di ridurre il limite minimo sulle autostrade a 60 chilometri orari. La velocità ridotta, ne è convinto l'Ustra, potrebbe ridurre i disagi durante le ore di punta nei tratti solitamente più affollati.

Anche in questo caso, come per l'introduzione temporanea del limite 80, verrà utilizzata la segnaletica elettronica che si attiverà solo nei momenti più caldi. A Berna, conferma il quotidiano svizzerotedesco che ha contattato l'Ustra, sono convinti che questa opzione si dimostrerà valida: «Con una velocità meno sostenuta il traffico scorre meglio e ci sono meno incidenti, lo confermano le statistiche che abbiamo estrapolato su segmenti-pilota, prima e dopo l'introduzione del limite», commenta il portavoce Benno Schmid.

Una fase più estesa di testing verrà portata avanti su tutto il territorio elvetico nel corso di quest'anno e riguarderà anche il divieto di circolare a sinistra degli autocarri nelle ore di punta. Entro il 2023 si arriverà a una decisione.

La proposta dell'Ustra non trova però il sostegno delle associazioni di categoria come l'Automobile Club Svizzero (Acs) e l'Associazione svizzera dei trasportatori stradali (Astag). Interpellati, entrambi sono mostrati particolarmente critiche, ritenendo la misura eccessiva e ipotizzando un possibile sverso del traffico autostradale sulle strade cantonali (che diventerebbero più "veloci" dell'autostrada) così in come quelle cittadine.

 

COMMENTI
 
volabas56 2 mesi fa su tio
Certo come no, un'idea geniale, poi gia' che ci siamo, nei centri abitati spingiamo l'auto, ma attenzione a non superare i 5 km orari .Il caldo si sa, puo' creare problemi al cervello, specialmente ai fenomeni della nostra politica,per quelli dell'Ustra poi, meglio stendere un velo pietoso.
Fafner 2 mesi fa su tio
Ma facciamo anche 20, le statistiche dicono che gli incidenti diminuiscono ulteriormente e la probabilità di incidenti gravi praticamente si azzera.
MammaLalla 2 mesi fa su tio
Scusate... non ricordo il senso di avere delle AUTOSTRADE ! ! ! L'unico piccolo deterrente che forse migliorerebbe la situazione potrebbe essere il costo. È davvero impensabile che i non residenti (cioè chi già non paga le tasse in Svizzera) debba pagare un po' di più per transitare sulle nostre AUTOSTRADE peggiorando la nostra qualità di vita?
Mattiatr 2 mesi fa su tio
La situazione evolverebbe in un probabile nulla di fatto ad un maggior traffico sulle cantonali, in pratica gioco a somma 0.
francox 2 mesi fa su tio
Ma che favoriscano i trasporti pubblici! Che vergogna, uno dei paesi più ricchi del mondo che si comporta come uno struzzo.
Gus 2 mesi fa su tio
Fate circolare a 60 rossi e verdi. Se fossero coerenti dovrebbero farlo già adesso
Donatofiorella 2 mesi fa su tio
Tutti bla bla bla.... tanto non possiamo fare nulla, sono i bravi che sono seduti a scaldare le sedie che ci pensano a mettere i 60 come limite...e sicuramente lo faranno....
Andy 82 2 mesi fa su tio
APPUNTO é x questo motivo che buona parte delle votazioni sono INUTILI...alla fine fanno come vogliono
gigipippa 2 mesi fa su tio
Basterebbe dare un abbonamento generale a buon prezzo e pensione anticipata a tutti quelli del baby- boom.
Mattiatr 2 mesi fa su tio
La pensione anticipata a quelli del baby boom è un buon sistema per distruggere il sistema pensionistico svizzero ed aumentare l'onere sulle spalle dei giovani. In Italia ci sono gli effetti di quello che proponi, in pratica una follia.
S.S.88 2 mesi fa su tio
Iniziamo a diminuire i frontalieri e il traffico dei mezzi pesanti!!!
pardo54 2 mesi fa su tio
Cominciamo a togliere il traffico pesante dalle autostrade e portarlo sulle rotaie come era nelle intenzioni di Alptransit.
seo56 2 mesi fa su tio
Fuori di melone!!
F/A-19 2 mesi fa su tio
Siamo passati da 30 mila frontalieria quasi 100 mila in pochi anni e senza eseguire nuove strade o nuove strategie di mobilità, tutti i giorni in entrate alla mattina ed idem a fine giornata, è un semplice effetto dei bilaterali, uno dei tanti. Poi c’è l’inquinamento, più rumori, aumento spesa pubblica, qualità di vita sotto ai piedi, fallimenti, aumento delle truffe e dei reati in generale, concorrenza sleale, infiltrazioni malavitose di cui il nostro territorio è oramai impregnato in ogni settore, distruzione della nostra sana economia, emigrazione definitiva di tanti nostri connazionali e buoni contribuenti in quanto arrivati al limite della sopportazione, 10 mila appartamenti vuoti ma avanti a pieno regime con le costruzioni a mi di caserme/ scatole di lusso per persone con paraocchi montati di serie, va beh, potrei continuare a lungo ma più o meno ci siamo capiti.
Mattiatr 2 mesi fa su tio
Non sono cresciuti solo i frontalieri, pure i ticinesi (o residenti), aggiungi qualche camion, qualche zuchino, qualche olandese, tedesco, ... e il gioco è fatto. Mi pare ridicolo buttar tutto sui bilaterali, in fondo ci sono da anni, eppure non mi risulta che la politica abbia saputo far altro oltre a lagnarsi e piangere, quindi direi proprio che il problema non è quello. Il traffico è sempre un problema politico, il DT non ha ampliato di molto l'infrastruttura stradale, USTRA pure, ogni volta che fanno finta di provarci salta fuori un qualche sindaco o municipale a piangere e bloccar tutto, quindi direi proprio che la causa del nostro male non sono i frontalieri. Forse è un caso, però in altri posti in Svizzera dove sono state fatte le stesse lagne sul fatto che le strade portano traffico, oggi sono imbottigliati, mentre in altri hanno aggiornato le infrastrutture e stanno meglio di prima. Nel Luganese e nel Mendrisiotto dovrebbero girare un po' per la nostra nazione per capire perché il Ticino è mal governato, dopo tutto la politica è espressione del desiderio del popolo.
F/A-19 2 mesi fa su tio
Escludo che la nostra popolazione indigena è aumentata di settantamila unità in pochi anni, anzi. Forse abbiamo qualche residente in più, stranieri facoltosi, malavitosi non esclusi, gente problematica, ricongiungimento di familiari a residenti problematici, rifugiati di guerra, asilanti, beneficiari di prestazioni sociali dopo aver lavorato fittiziamente per parenti gabole i, si sì, un bel quadretto.
Gus 2 mesi fa su tio
Cresciuti i Ticinesi? Non è vero. Sono cresciuti frontalieri e NATURALIZZATI (che NON SONO TICINESI)
F/A-19 2 mesi fa su tio
Esatto!
Mattiatr 2 mesi fa su tio
Caro mio se ho scritto fra parentesi residenti è proprio per intendere la gente che vive, consuma e lavora in canton Ticino. Poi se i ticinesotti delle generazioni precedenti non hanno ''consumato'' abbastanza per mantenere il saldo naturale positivo io non ne posso niente. Fatto rimane che le persone che usano strade e autostrade sono aumentate, e il cantone non ha adattato l'infrastruttura e quando ci ha provato il popolo ha bocciato tutto il bocciabile. In sintesi puoi dare la colpa a chi vuoi, ma se vuoi sistemare la questione traffico raccogli firme per aumentare le cantonali nel tuo comune e nel tuo distretto. Pensa te, sono anni che il tema è sempre lo stesso, hai visto un politico di quelli che sostiene il tuo tema fare qualcosa a riguardo? (io no, quindi o sono cialtroni o non gli conviene perdere un tema da campagna elettorale, ovviamente parlo di Lega, UDC, Liberali, PPD, Socialisti, ... in pratica tutti)
Mattiatr 2 mesi fa su tio
La popolazione ticinese è aumentata dai ''90 ad oggi di circa 70'000. Fra questi come dici ci sono asilanti ma non dimenticare i lavoratori, imprenditori e via dicendo, ovviamente è un mix eterogeneo. Il Ticino è un cantone di sindacalisti e boicottatori, con costi e tassazione elevata (paragonato ad altri cantoni, internazionalmente siamo anche competitivi), è quindi naturale che ci vogliano venire quasi solo lavoratori a bassa formazione dall'Italia, forse se le condizioni del mercato lavorativo fossero un po' più dinamiche, con qualche bell'azienda multinazionale, verrebbero più professionisti ad alto valore aggiunto (invece piangiamo per la chiusura di un dettagliante informatico a Lugano). Fatto rimane che non è dovere né di asilanti, né d'immigrati e via dicendo adattare le infrastrutture di trasporto in base alla domanda, ma a politici e ai tecnici impiegati nei vari uffici competenti. Il Ticino è il cantone dove si impiegano 2-3 decenni per fare un progetto per poi farlo deragliare al primo ricorso (vedi ex. variante 95). Te lo ripropongo, cerca su google andamento popolazione ticinese, guarda il bellissimo grafico, poi vai su map.geo.admin, vai sulla cartina di 30 anni fa e poi dimmi se noti qualcosa che non va.
Andy 82 2 mesi fa su tio
a questo punto vado a piedi...ma che c......o
Rusky 2 mesi fa su tio
un‘idea assurda
Viperus 2 mesi fa su tio
A che serve ridurre a 60 se poi siamo fermi e la velocità media é ancora più bassa?
Milite Ignoto 2 mesi fa su tio
Il problema è come guida la gente mica la velocità😂
emibr 2 mesi fa su tio
Perché non 30? O, ancora meglio, aboliamo subito le auto e gli autocarri, solo cavalli o carri trainati da buoi, gli asini essendo già impegnati a Berna.
Aka05 2 mesi fa su tio
… di questo passo dovremo pure scendere a spingere..
Markinoooo 2 mesi fa su tio
Ti sorpassa una e-bike
resiga 2 mesi fa su tio
Semplice pazzia e ulteriore aborto che ci regala Berna ! Governo da destituire ! Abbiamo buttato miliardi per l'alptransit che doveva caricare tutte le merci e invece abbiamo le strade intasate di auto ma soprattutto di autocarri ! Come mai ? Prezzi di trasporto troppo alti ? O quale altra scusa ? Povri nüm che conscia !
Mattiatr 2 mesi fa su tio
Dall'Italia arrivano i camion (oppure dalla Svizzera centrale), quindi bisogna caricarli, oppure trasferire i container. Che io sappia in Ticino non ci sono centri logistici sufficientemente grandi per fare questa operazione su tutti i mezzi pesanti (non sembra ma sono molti). Aggiungiamo al disegno il fatto che né Germania, né Italia hanno adempiuto ai loro doveri accordati al momento della progettazione di Alp Transit, la linea veloce doveva estendersi in Europa per permettere quello che dici te, caricare un po' di più sui treni. Pare che agli europei rispettare gli accordi non piaccia, sia con la Svizzera che con gli altri (a volte addirittura con sé stessi). Inoltre la Svizzera ha peccato del solito errore, sottodimensionare le infrastrutture, difatti personalmente ritengo che un'autostrada, come le cantonali, debbano evolvere assieme alla popolazione, guarda l'andamento demografico e la struttura stradale ticinese durante gli ultimi 30 anni, un dato cresce, l'altro è lì fermo,
Lux Von Alchemy 2 mesi fa su tio
Il motivo per cui le autostrade furono costruite: favorire il traffico veloce. Oggi, il motivo per cui si va a rilento in autostrada, è l’aumento del traffico di passaggio e dello spostamento di merci. Lí vanno elaborate regole.
SO2 2 mesi fa su tio
Non 60, solo in retromarcia!
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA