Cerca e trova immobili

SVIZZERACasse malati: in arrivo un aumento dei premi del 5%

05.05.22 - 00:30
Per ora si tratta di una stima, effettuata dal sito di confronti Comparis. Per alcuni esploderanno anche oltre il 10%.
deposit
Fonte ats
Casse malati: in arrivo un aumento dei premi del 5%
Per ora si tratta di una stima, effettuata dal sito di confronti Comparis. Per alcuni esploderanno anche oltre il 10%.
Il cospicuo rialzo sarebbe dovuto anche alla decisione politica di ridurre le riserve degli assicuratori malattia.

BERNA - I premi dell'assicurazione malattia di base dovrebbero aumentare in media del 5% nel 2023. È la stima elaborata dal servizio di confronti Internet Comparis, secondo cui questo cospicuo rialzo si riallaccia alla riduzione delle riserve delle casse malati voluta dalla politica.

Numerosi assicuratori non dispongono più delle riserve necessarie per ammortizzare le fluttuazioni dei costi, scrive in un comunicato Comparis. In caso contrario avrebbero potuto ottenere rendimenti elevati sui mercati dei capitali e coprire i passivi delle attività d'assicurazione, viene spiegato nella nota.

Modificando la relativa ordinanza l'anno scorso, prosegue Comparis, il Consiglio federale ha incrementato la pressione sugli assicuratori per fare in modo che diminuissero le loro riserve, sebbene si profilasse all'orizzonte un forte aumento dei costi. Diverse casse malati hanno fatto così e hanno fissato i loro premi a un livello troppo basso. Ora bisogna quindi attendersi un rialzo medio nell'ordine del 5% per l'assicurazione di base. Tuttavia, per molti assicurati i premi, rispetto a quelli attuali, esploderanno anche oltre il 10%.

Tra il 2020 e il 2022 i costi del sistema sanitario hanno vissuto notevoli fluttuazioni, si legge inoltre nel comunicato, un fenomeno da far risalire in parte alla pandemia e ai cambiamenti nell'offerta e nella domanda. Comparis prevede che tali oscillazioni si attenueranno e che la crescita delle spese per le prestazioni mediche nell'ambito dell'assicurazione di base si stabilizzerà nei prossimi anni attorno al 2-3%.

NOTIZIE PIÙ LETTE