Immobili
Veicoli

SVIZZERALa distensione sui mercati? «È una pia illusione»

23.04.22 - 16:40
Secondo il presidente di Swissmem la pandemia e la guerra in Ucraina hanno enormi ripercussioni sull'industria.
Swissmem
La distensione sui mercati? «È una pia illusione»
Secondo il presidente di Swissmem la pandemia e la guerra in Ucraina hanno enormi ripercussioni sull'industria.
Martin Hirzel: «Abbiamo tantissime richieste ma non possiamo consegnare. Le catene di approvvigionamento sono infatti interrotte». Parlare di deglobalizzazione? «Impossibile. Il mercato cinese rimarrà sempre interessante».

Una distensione sui mercati mondiali è solo una pia illusione: lo sostiene il presidente di Swissmem Martin Hirzel, il quale tuttavia non crede in una deglobalizzazione dell'economia nonostante le persistenti situazioni di crisi.

L'industria metalmeccanica ed elettrica (MEM) in Svizzera va effettivamente bene. I portafogli di commesse sono pieni, la domanda è alta, «ma non possiamo consegnare», si rammarica Hirzel alla trasmissione "Samstagsrundschau" della Radio svizzera tedesca SRF. Le catene di approvvigionamento sono interrotte a causa della pandemia di coronavirus e della guerra in Ucraina.

Di fronte a queste crisi, un allentamento dei mercati è una pia illusione. Purtroppo, il nuovo lockdown per il Covid a Shanghai porterà a una nuova «perturbazione totale». Nelle prossime settimane, quasi nessuna merce sarà esportata attraverso tale porto cinese e ciò creerà ulteriore subbuglio.

Tuttavia Hirzel non crede nella deglobalizzazione. La vicinanza geografica dei fornitori ha vissuto una certa rinascita: i membri di Swissmem ricevono sempre più richieste di agire come fornitori secondari o di emergenza. Il mercato cinese rimarrà comunque interessante ed eccitante.

Politicizzazione del commercio preoccupa
Hirzel è tuttavia preoccupato per la politicizzazione del commercio. Il fenomeno della formazione di blocchi era già evidente prima della pandemia. Il riconoscimento reciproco degli standard nell'industria è rimesso in questione dall'introduzione di diversi mondi tecnologici. L'importazione e la consegna sono gravemente ostacolate. Qui esiste un potenziale per uno scenario peggiore.

Gli imprenditori devono chiedersi se saranno ancora in grado di rifornire tutti i mercati se le catene di approvvigionamento sono interrotte. Le aziende svizzere semplicemente non possono permettersi un tale scenario. "Spero che non si arrivi a questo", ha detto dice Martin Hirzel.

Tuttavia, è fiducioso che le aziende rimarranno flessibili e troveranno soluzioni, come in passato. Ma per questo hanno bisogno del libero scambio e dei mercati aperti.

In questo senso, è di nuovo più ottimista di qualche mese fa sulle relazioni con l'Unione europea (Ue). Swissmem sostiene l'approccio settoriale con cui il Consiglio federale vuole portare avanti la questione.

Centrali nucleariGli scenari presentati di recente dalla Confederazione riguardo a una possibile carenza di elettricità sono stati uno shock per le aziende della sua associazione con alti livelli di consumo, ha continuato il presidente di Swissmem. Tuttavia, non dovremmo perseguire una strategia d'importazione, ma piuttosto espandere più rapidamente le energie rinnovabili. Allo stesso tempo, le centrali nucleari con basse emissioni di CO2 dovrebbero essere gestite fino a quando sono sicure.

In questo contesto, Hirzel precisa che l'economia chiede sovvenzioni pubbliche per la continuazione del funzionamento delle centrali nucleari. Se un gestore è costretto a chiudere un impianto semplicemente perché le norme di sicurezza diventano troppo costose, lo Stato in casi eccezionali deve intervenire. Le centrali nucleari non dovrebbero essere chiuse solo perché non sono più redditizie.

Per quanto riguarda la richiesta dell'Unione sindacale svizzera (USS) di aumenti salariali generali vista l'inflazione, Hirzel ha detto di comprendere l'insicurezza. Tuttavia, fa riferimento ai «generosi negoziati salariali del 2022» nelle industrie MEM. Ma se l'inflazione dovesse raggiungere il 4% o il 5%, sarebbe ovviamente necessario intervenire.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA