Immobili
Veicoli

SVIZZERAServe una soluzione per il denaro dei rifugiati

08.04.22 - 23:56
Chi è arrivato in Svizzera con qualche risparmio non ha la possibilità di convertire la grivnia con il franco.
20min/Simona Ritter
Fonte 20Minuten/Fabien Pöschl
Serve una soluzione per il denaro dei rifugiati
Chi è arrivato in Svizzera con qualche risparmio non ha la possibilità di convertire la grivnia con il franco.
Di conseguenza, nonostante abbiano contanti con loro, devono essere assistiti finanziariamente. Una situazione che crea disagio e che va risolta.

BERNA - La guerra tiene banco in Ucraina da un mese e mezzo. Più di 4 milioni di rifugiati hanno già lasciato il Paese e ogni giorno circa mille profughi cercano protezione in Svizzera. Il loro bagaglio spesso si compone solo di qualche vestito e qualche soldo.

Ma la moneta ucraina, la grivnia, è inutile. I rifugiati possono infatti prelevare denaro dai loro conti ai bancomat con carte internazionali come Visa o Mastercard, ma non possono cambiare i contanti. La banca centrale ucraina ha sospeso il cambio per proteggere le riserve di valuta estera del paese. 

Hanno soldi ma non possono usarli - Coloro che non hanno un conto bancario e una carta di credito sono di conseguenza in difficoltà. I rifugiati con lo status di protezione S devono dipendere dall'assistenza sociale dei cantoni. E questo nonostante avessero teoricamente (almeno per qualche tempo) la possibilità di farne a me. Ancor più difficile è la situazione per le persone che sono venute in Svizzera solo con un visto turistico, i quali non hanno diritto ad alcuna assistenza finanziaria.

Soluzione entro la fine di aprile - Il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale delle finanze di trovare una soluzione al problema insieme alla Banca nazionale e alle banche commerciali. Secondo un portavoce, l'opzione numero 1 è quella di consentire il cambio di una quantità limitata di contanti attraverso banche selezionate. L'importo non è ancora chiaro. Il Consiglio federale dovrebbe decidere in merito entro la fine di aprile. 

I rifugiati si sentono a disagio - Katja Meier di Terranea sarebbe felice se ci fosse presto una soluzione per i rifugiati ucraini. L'organizzazione no-profit aiuta a collocare i rifugiati nelle famiglie ospitanti e li sostiene finanziariamente fino a quando non accedono ai fondi pubblici. Meier è quindi a stretto contatto con i rifugiati. «La maggior parte di loro non ha soldi. Ma quelli che hanno contanti sono molto a disagio nel chiedere un aiuto finanziario solo perché non possono usare i loro soldi», spiega Meier.

Il Governo creda nell'Ucraina - Anche il consigliere nazionale dei Verdi Gerhard Andrey vorrebbe una soluzione più rapida. «Tutto ciò che può essere fatto rapidamente è positivo per queste persone», sottolinea il deputato. Inoltre, Andrey pensa che sarebbe un segnale importante se il Consiglio federale dicesse di credere nella ripresa dell'Ucraina e permettesse rapidamente lo scambio di valute. Anche il consigliere nazionale socialista Roger Nordmann vorrebbe vedere le banche muoversi più velocemente. «Una soluzione è urgentemente necessaria per il popolo ucraino. Ma è anche nell'interesse della Svizzera che i rifugiati possano sostenere rapidamente alcuni costi da soli, se sono in grado di farlo», evidenzia.

Serve pazienza - Il consigliere nazionale PLR Hans-Peter Portmann mostra comprensione per la difficile situazione dei rifugiati. Ma dal canto suo chiede pazienza: «Il cambiamento non avviene da un giorno all'altro. Nessuno poteva aspettarsi una situazione del genere», dice Portmann. Spera in una soluzione condivisa a livello europeo e raccomanda che tutti i rifugiati richiedano lo status di protezione S. In modo da ricevere supporto.

 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA