Immobili
Veicoli
20min/Simon Glauser
Virginie Masserey
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 min
Cantoni prima “diga” contro la diffusione del coronavirus
Il Governo federale ha adottato un documento che dovrebbe servire da bussola per la fase di transizione fino al 2023
GRIGIONI
9 min
Davos dice si alla protesta contro il WEF
Il Comune grigionese ha approvato gli scioperi per il clima e le manifestazioni contro il forum internazionale.
FOTO
ZURIGO
36 min
Allo Zoo di Zurigo è nato Wakili, un cucciolo di porcospino
È una prima assoluta per il giardino zoologico zurighese,
ZURIGO
44 min
Truffe e pandemia: scovati 334 furbetti
Solo nel canton Zurigo la somma degli illeciti rintracciati ammonta a 53 milioni di franchi.
SVIZZERA
45 min
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
1 ora
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
ZURIGO
2 ore
Notte libera per festeggiare il titolo del FCZ
La Città permetterà a tutti i tifosi dello Zurigo di celebrare la vittoria in campionato il prossimo 22 maggio.
GRIGIONI
3 ore
Anziano si ribalta e si ferisce sull'A13
L'incidente è avvenuto nella notte nei pressi di Rongellen. L'82enne è stato trasportato in ospedale.
SVIZZERA
3 ore
No agevolazioni, trasporti pubblici a pagamento per i profughi
La normativa entrerà in vigore dal primo giugno, rimangono gratuiti invece l'ingresso nel paese e il transito.
FRIBURGO
3 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
4 ore
Espulsione stranieri, Berna aiuterà i Cantoni
Le spese per la gestione degli stranieri che sono in attesa di essere espulsi verranno spartite.
SVIZZERA
4 ore
Da Berna 725 milioni contro la povertà globale
La Svizzera dà il suo contributo per la ripresa post-pandemica nei paesi più in difficoltà
SVIZZERA
4 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
4 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
5 ore
In futuro avremo scarsità d'acqua in estate
A livello regionale bisogna prepararsi a più periodi di siccità, secondo un rapporto adottato dal Governo federale
SVIZZERA
5 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
5 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
18.01.2022 - 14:110
Aggiornamento : 18:54

«Il picco potrebbe essere stato raggiunto»

Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera

Il numero dei ricoveri, fa notare il capo della Sezione malattie infettive dell'Ufsp Virginie Masserey, è «attualmente in diminuzione. In media, ogni giorno, muoiono meno di 20 persone».

BERNA - In attesa di sapere cosa deciderà domani il Consiglio federale in merito all'estensione delle norme anti Covid, come d'abitudine il martedì, gli esperti della Task Force fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera. Presenti oggi da Berna, il capo della Sezione malattie infettive dell'Ufsp Virginie Masserey e il presidente dei medici cantonali Rudolf Hauri.

Nel frattempo l'Ufsp ha comunicato le cifre delle ultime 24 ore: 29'142 nuovi contagi su 76'619 test, 125 nuove ospedalizzazioni e quattordici decessi legati alla malattia.

La prima a prendere la parola è Virginie Masserey: «Il numero di casi probabilmente continuerà ad aumentare, ma più lentamente di prima. Esiste un gran numero di casi non segnalati a causa di persone infette senza sintomi, quindi il numero effettivo di infezioni è ancora più alto», sottolinea. «I nuovi contagi - aggiunge Masserey - continuano a colpire principalmente la parte più giovane e attiva della popolazione. Anche le differenze tra i cantoni restano invariate».

Tuttavia il numero dei ricoveri, fa notare il capo della Sezione malattie infettive dell'Ufsp, è «attualmente in diminuzione. In media, ogni giorno, muoiono meno di 20 persone». «L'88% dei casi è ora riconducibile a Omicron», sottolinea ancora Masserey ricordando ancora una volta l'importanza del booster. «Funziona e protegge dalle infezioni. E se si contrae il virus il decorso è più lieve», aggiunge. Poiché la protezione diminuisce quattro mesi dopo la vaccinazione di base, la Task Force invita quindi a ricorrere al richiamo.

Il problema del tracciamento dei contatti - Rudolf Hauri affronta l'attuale situazione dei test. «I contact center sono stati rafforzati», spiega. «Questo perché ci sono tante richieste e problemi con il tracciamento dei contatti». Accade quindi che le persone infette debbano informare loro stesse le persone con cui sono entrate in contatto non essendoci al momento altre opzioni.

«È un sollievo per le persone isolate e asintomatiche che la quarantena sia ora più breve. Il numero di casi è complessivamente molto alto e sta diventando sempre più difficile determinare le connessioni tra le infezioni», afferma Hauri.

La percentuale di vaccinati tra coloro che sono risultati positivi è alta, ma molto bassa tra i ricoverati. «È quindi importante una buona protezione vaccinale», conclude il presidente dei medici cantonali.

È il momento delle domande

Stanno diminuendo le quarantene e gli isolamenti?
Hauri: «Alcune segnalazioni sono state ricevute in ritardo o sono state completamente dimenticate».

La proporzione di Omicron negli ospedali è in aumento?
Hauri: «I dati a livello nazionale non sono ancora disponibili».

Secondo i modelli della Task Force era previsto un andamento molto più grave.
Masserey: «È troppo presto per dire se la situazione non è andata come presentata dalla Task Force la scorsa settimana».

Cosa si intende quando ci si riferisce a "dubbie promesse di salvezza"?
Hauri: «È inaccettabile che medici e "guaritori" lodino i singoli rimedi elevandoli a cure miracolose contro il Coronavirus. Non è lecito sostenere che questo o quel rimedio curi il Covid. Tali casi dovrebbero essere segnalati alle autorità».

Bastano cinque giorni di isolamento?
Masserey: «Le persone vaccinate tendono a essere infettive per un periodo più breve».
Hauri: «Esiste il rischio che persone ancora infettive vengano "liberate" dalla quarantena».

Non è il caso di abolire il certificato Covid?
«Siamo effettivamente in una nuova situazione, ma sono contraria all'abolizione del certificato. Il futuro è difficile da prevedere, quindi per il momento è giusto mantenere le misure in atto».

L'importanza dell'app Covid?
Hauri: «Poiché il tracciamento dei contatti è al collasso, l'app sta attualmente perdendo efficacia».

Abbiamo raggiunto il numero massimo di casi?
Masserey: «Lo zenit potrebbe essere stato raggiunto. In Gran Bretagna la curva è attualmente di nuovo in discesa». Tuttavia, Masserey non osa fare previsioni. «Per il momento assistiamo ancora a grandi differenze persino tra i singoli cantoni».

Presto possibili booster per ragazzi dai 12 ai 15 anni?
Masserey: «La decisione sulla vaccinazione di richiamo per i ragazzi dai 12 ai 15 anni arriverà per la fine della settimana. La Commissione federale per le vaccinazioni, pertanto, adeguerà presto la raccomandazione corrispondente».

Numero di casi in quarantena molto alto?
Sebbene il periodo di quarantena sia ora molto più breve, le quarantene sono praticamente raddoppiate. «Il numero si stabilizzerà», prevede Masserey.

Quali effetti collaterali può avere il booster?
Masserey e Hauri affermano che gli effetti collaterali delle vaccinazioni di richiamo sono gli stessi della prima e della seconda dose.

È più protetto ci ha ricevuto le due dosi e si è infettato o chi ha fatto il booster?
Masserey: «Un'infezione agisce come un richiamo. Gli studi effettuati fino ad ora lo dimostrano, ma è ancora difficile fare affermazioni certe».

L'UFSP è ottimista?
«Diciamo che il nostro umore è migliore. Questo perché stiamo osservando sviluppi positivi anche in altri Paesi».

È stata pianificata una campagna per promuovere il richiamo vaccinale?
Masserey conferma che l'UFSP sta attualmente pianificando una campagna per motivare le persone a sottoporsi al booster.

Quanto sono occupati gli ospedali?
Hauri: «La nostra unità di terapia intensiva (fa riferimento al canton Zugo n.d.r.) si è svuotata quasi del tutto». Attualmente nel canton Zugo c'è solo un paziente Covid nei reparti di terapia intensiva a causa della variante Delta.

 

screenshot
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-18 15:15:35 | 91.208.130.86