Immobili
Veicoli

SVIZZERAIl presidente della CFV teme per l'approvvigionamento del Paese

08.01.22 - 14:18
Christoph Berger, parlando d'immunità, ha rimarcato che la vaccinazione infantile deve essere una decisione individuale
Keystone
Fonte Ats
Il presidente della CFV teme per l'approvvigionamento del Paese
Christoph Berger, parlando d'immunità, ha rimarcato che la vaccinazione infantile deve essere una decisione individuale

BERNA - Secondo il presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) Christoph Berger, la variante Omicron del coronavirus minaccia l'approvvigionamento generale in Svizzera. Non è solo negli ospedali che si profilano problemi, ha detto durante l'emissione Samstagsrundschau della radio della Svizzera tedesca SRF. A suo avviso la crisi non può essere gestita solo con vaccinazioni e dosi di richiamo.

La situazione rischia di sfuggire di mano, ha avvertito Berger. Se il numero di nuove infezioni raddoppiasse ogni due o tre giorni, raggiungeremmo cifre che renderebbero tutto difficile, non fosse altro che per la carenza di personale.

Questa è una nuova dimensione, ha sottolineato. Di conseguenza, il numero di ricoveri non è più l'unico criterio da considerare. La vaccinazione è solo una misura e altri passi sono necessari. Berger, pediatra al Kinderspital di Zurigo, non ha però voluto formulare raccomandazioni politiche concrete. Questo è un compito del Consiglio federale e dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), ha sostenuto.

A livello personale, nella situazione attuale, intende evitare i grandi eventi, ha detto il medico dell'ospedale pediatrico zurighese. Si tratta di una questione di responsabilità individuale: "Non si deve fare solo quello che dice il Consiglio federale". Le misure di protezione come il mantenimento delle distanze o la mascherina protettiva sono sufficientemente note.

Booster per tutti: solo soluzione di emergenza
Berger è stato duramente criticato nelle ultime settimane in relazione alle vaccinazioni di richiamo. Soprattutto perché la raccomandazione per il cosiddetto booster è arrivata più tardi in Svizzera che in Israele, per esempio.

Il presidente della CFV ha spiegato che c'è una grande differenza in questa questione se l'obiettivo è di proteggere l'individuo da un decorso grave della malattia o l'intera popolazione dalla diffusione del virus.

Col senno di poi, la CFV avrebbe potuto raccomandare la vaccinazione di richiamo per la popolazione di oltre 65 anni due o tre settimane prima, ha ammesso Berger. Ma non appena è diventato chiaro in autunno che in questa fascia di età molte persone rimanevano esposte alla malattia malgrado la vaccinazione, la reazione è stata rapida.

Per quanto riguarda il booster per la popolazione generale, secondo il pediatra, bisogna fare una distinzione. Una prima o una seconda dose di richiamo ha senso dal punto di vista epidemiologico. A lungo termine, tuttavia, la vaccinazione dovrebbe servire a proteggere dalle forme gravi di Covid-19, ha affermato.

Speranza per futura immunità collettiva
A un certo punto, nella popolazione apparirà un'immunità collettiva, prevede Berger. Le vaccinazioni di richiamo sarebbero quindi necessarie solo per le persone che sono particolarmente a rischio.

Berger ha ribadito che la decisione di vaccinare i bambini deve essere individuale. Non è possibile colmare le lacune di vaccinazione negli adulti vaccinando i fanciulli e gli adolescenti. In ogni caso, è molto importante per lo sviluppo dei bambini che le scuole rimangano aperte.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA