Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (foto d'archivio)
Per l'infettivologo Andreas Widmer, la regola delle 2G andrebbe applicata in tutti i luoghi chiusi.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / GERMANIA
8 ore
Tappa a Berlino per il presidente Cassis
Il consigliere federale ha incontrato il presidente Steinmeier, il cancelliere Olaf Scholz e la ministra Baerbock
VALLESE
10 ore
Il ristoratore disobbediente contrattacca
L'esercente del Walliserkanne di Zermatt ha presentato una querela contro le autorità che lo avevano arrestato.
SAN GALLO
10 ore
Pena ridotta per l'assassino di Lichtensteig
Una perizia psichiatrica fatta sul 45enne olandese ha attestato una sua scemata responsabilità al momento dei fatti.
SVIZZERA
11 ore
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
12 ore
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
13 ore
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
BERNA
13 ore
Mister Dati raccomanda la pubblicazione dei contratti per i vaccini
L'UFSP si è finora opposto alla pubblicazione affermando che l'approvvigionamento non è ancora stato completato
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
SAN GALLO
15 ore
Con le armi softair, sparavano contro una fermata del bus
Due giovani sono stati denunciati a San Gallo. Mercoledì sera sono stati trovati in possesso di armi e munizioni
GRIGIONI
16 ore
«Solo la variante Delta nelle terapie intensive grigionesi»
Il medico cantonale ha fatto il punto della situazione: «C'è una certa stabilizzazione dei contagi, ma ad alto livello».
BERNA
17 ore
Covid: ottimizzazione della gestione del sostegno allo sport
La Confederazione ha sostenuto lo sport svizzero con diversi pacchetti di aiuti finanziari.
VAUD
18 ore
Il pirata della strada di Ollon si è costituito
Tre giorni dopo l'incidente l'uomo si è presentato spontaneamente alla centrale di polizia con il proprio avvocato.
ZURIGO
18 ore
Più comfort per i passeggeri sugli A320neo di Swiss
La compagnia è pronta a decollare con velivoli dagli spazi interni rinnovati
VALLESE
18 ore
Cade nel frantumatore di rocce e muore
Incidente mortale ieri pomeriggio in una cava di ghiaia a Zermatt. La vittima è un 31enne vallesano.
GINEVRA
18 ore
Croce Rossa nel mirino degli hacker
Nell'ambito di un vasto cyberattacco sono stati rubati i dati di 515'000 persone
SVIZZERA
19 ore
Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»
La questione è poco esplorata in Svizzera. Roman Heggli di Pink Cross: «Servono linee guida precise per le aziende»
SVIZZERA
20 ore
Manutenzione stradale: la Comco indaga in Romandia
Nuovo sospetto di un cartello sugli appalti: quattro imprese sotto inchiesta.
SVIZZERA
04.12.2021 - 10:450
Aggiornamento : 20:55

«Misure tardive, non si eviterà il sovraccarico degli ospedali»

L'infettivologo Andreas Widmer, presidente di Swissnoso: «Servono più restrizioni per i non vaccinati»

BERNA - Il Consiglio federale ha annunciato ieri nuove misure per arginare l'attuale ondata di contagi di Covid-19. L'estensione dell'utilizzo del certificato, l'obbligo diffuso di utilizzo delle mascherine nei luoghi al chiuso, le raccomandazioni sul telelavoro e la possibilità di applicare la cosiddetta regola delle 2G in tutte le strutture pubbliche soggette all'obbligo di certificato. Una stretta che qualcuno considera però troppo blanda per prevenire il sovraffollamento degli ospedali.

Fra queste voci c'è quella dell'infettivologo Andreas Widmer, presidente del centro nazionale per la prevenzione delle infezioni Swissnoso, secondo cui è già troppo tardi per evitare uno scenario di questo tipo. «Le misure annunciate - ha affermato in un'intervista a 20 Minuten - non saranno probabilmente sufficienti a contrastare il sovraccarico del sistema ospedaliero. Siamo diretti verso una catastrofe» e «se non saremo fortunati ci ritroveremo in un parziale lockdown durante il periodo delle feste». Inoltre, non va dimenticato, «anche se le misure dovessero funzionare bene gli effetti si vedranno, al più presto, solo fra tre settimane». E l'esperto non si dice particolarmente fiducioso guardando a questo orizzonte. «Io, al pari di altri, credo che le misure siano arrivate troppo tardi. E probabilmente le unità di terapia intensiva finiranno per riempirsi».

«Stringere la vite, ma per i non vaccinati»
La via maestra per uscire dall'attuale situazione, sottolinea Widmer, resta quella dei vaccini. «Il principale obiettivo delle misure deve essere quello di accrescere il tasso di vaccinazione e di distribuire in modo ampio le terze dosi». Solo in questo modo «il sovraccarico degli ospedali può essere prevenuto», in quanto «i dati sui ricoveri ci mostrano chiaramente che la maggioranza dei pazienti in ospedale e nelle terapie intensive sono non vaccinati». Per questo motivo, l'infettivologo si dice favorevole a un giro di vite a due velocità, ossia più rigido nei confronti di chi non si vaccina.

In altre parole, meno vincoli per chi si vaccina e più restrizioni per chi non lo fa. Ma in che modo? Secondo Widmer, la regola delle 2G «andrebbe estesa a tutte le aree al chiuso». La misura, secondo le decisioni di Berna, può già essere adottata da bar, ristoranti e discoteche, per consentire ai propri avventori di non dover indossare la mascherina all'interno. Una regola che «piace» al presidente di Swissnoso, che però suggerisce «per i club, dove i sistemi di ventilazione sono spesso inadeguati» anche di dover effettuare un test rapido antigenico, gratuitamente, da poter "allegare" al certificato Covid.

Anche la decisione di abolire l'obbligo di quarantena per chi arriva dai Paesi in cui è stata registrata la presenza della variante Omicron è positiva secondo Widmer, dato che «la diffusione della variante, ormai certificata anche in Europa, non può essere più prevenuta» in questo modo. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gippy79 1 mese fa su tio
bisogna capire cosa intendono per sovraccarico degli ospedali, oggi in ticino ci sono 77 ricoverati e nelle altre due ondate erano oltre 400 . nelle due precedenti ondate è stato faticoso ma ce l'abbiamo fatta, ne deduco quindi che abbiamo ancora margine per arrivare al limite. o sbaglio?
Gippy79 1 mese fa su tio
propongo una soluzione: per due settimane i vaccinati hanno il via libera in tutto e i non vaccinati chiusi in casa. Dopo due settimane tiriamo le somme
Zuma 1 mese fa su tio
Certo che ridurre del 45% i letti in terapia intensiva nel 2020 nel Bel mezzo di una pandemia é segno di lungimiranza!!! E poi siamo così sovraccarichi che prendiamo anche i pazienti Germanoci! Ma per favore!! Basta bugie!!
Dalu 1 mese fa su tio
Noooo, serve un obbligo!!!! non ce ne tiriamo più fuori!!!! E ricordiamo agli ipocriti che parlano di libertà: la libertà personale si ferma quando lede quella altrui! Voi no-vax avete rotto ed è ora che anche noi pro vax alziamo la voce!!!
Thinks 1 mese fa su tio
@Dalu Cioè quella che per un scarso 10% di problematici a questa schifezza, si "obbliga" la vaccinazione a oltre il 90% che manco si accorge di averla già presa? Fammi capire, ma se sei vaccinato ma sembri ancora terrorizzato, di cosa hai paura?
Gippy79 1 mese fa su tio
@Thinks tutti questi vaccinati aggressivi secondo me hanno paura,.hanno fatto un vaccino e non si fidano di ciò che hanno fatto, e se la prendono con chi ha più coraggio di loro. Veramente pensiamo che con l'obbligo di vaccino, soprattutto in un paese con un via vai di frontalieri , possa risolvere tutto? che me lo mettano nero su bianco!
pag 1 mese fa su tio
@Gippy79 Veramente mi pare che quelli aggressivi sono i no vax che da mesi vanno in giro a distruggere vetrine e menare le mani contro la polizia e chi nn la pesa come loro.. e comunque vorrei farti notare che in Italia il tasso di vaccinazione e' dell'85% per cento quindi al massimo devono aver paura i frontalieri di essere contagiati qui in Svizzera.
Coerenza 1 mese fa su tio
Fomentatori di odio criminali
seo56 1 mese fa su tio
Esattamente. Oltre che tardive anche insignificanti!!
franco1956 1 mese fa su tio
Un grazie di cuore ai NOVAX del piffero
S.S.88 1 mese fa su tio
Avete annoiato con la storia dei non vaccinati, informatevi da fonti sicure… la nuova variante l’hanno portata qui persone completamente vaccinate. Dunque non mi sembra il caso di continuare la storia dei non vaccinati, perché chi nom vuole farsi vaccinare non si farà vaccinare con nuove restrizioni
Dalu 1 mese fa su tio
@S.S.88 Hai ragione, aspetta che vado su Facebook a leggere, da tuttologo ti saprò dare dati e fonti esatte😂😂
Princi 1 mese fa su tio
@S.S.88 hai perfettamente ragione , aggiungo anche che buona parte dei contagi sono vaccinati e adolescenti , che la smettano di creare panico !!!
Thinks 1 mese fa su tio
@S.S.88 ...non preoccuparti, la capiranno solo quando avranno segregato tutti gli "appestati", ma la schifezza continuerà a fare il suo corso fino ad auto estinguersi naturalmente....
lollo68 1 mese fa su tio
@S.S.88 In Austria il lockdown per i non vaccinati ha portato AD un aumento dei contagi e all'annuncio delle dimissioni del cancelliere.
pag 1 mese fa su tio
@lollo68 Le notizie le leggi sul corriere di topo Gigio? il Cancelliere Austriaco ha rassegnato le dimissioni in favore del prossimo eletto a capo del partito di maggioranza, nn certo per la pandemia o il lock down....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 04:38:06 | 91.208.130.85