20min
SVIZZERA
25.11.2021 - 16:070
Aggiornamento : 16:56

Cosa rischia chi compra un certificato falso?

Centinaia di persone lo hanno fatto, pensando di farla franca. Da Ginevra a Sciaffusa. Ora se la vedono con la Procura

SCIAFFUSA - Ha emesso diverse centinaia di certificati Covid falsi per persone che non erano mai state vaccinate. Un traffico di attestazioni che è stato di recente sgominato, nel Canton Sciaffusa, con il fermo di diverse persone, ha fatto sapere ieri la polizia sciaffusana

La vicenda è andata in scena nel periodo tra la fine di settembre e metà ottobre 2021. Le autorità cantonali sono state informate dalla Polizia federale sull'emissione delle attestazioni presso il centro cantonale di vaccinazione. Ed è proprio un collaboratore della struttura che, durante lo scorso mese, è finito in manette per la vendita delle attestazioni. Le manette sono scattate anche per altri collaboratori, che intermediavano la vendita o che rivendevano attestazioni false.

Non è la prima volta che succede. Casi simili sono stati scoperti nello stesso periodo a Ginevra e Losanna, per un totale di oltre 400 certificati falsificati. L'inchiesta romanda aveva portato all'arresto di cinque persone, tra cui un funzionario della protezione civile. 

Ma cosa rischiano le persone - diverse centinaia - che hanno acquistato i pass illegalmente? Secondo l'avvocato Martin Steiger, anche gli acquirenti possono essere perseguiti per falsificazione di documenti. «Attestare falsamente un fatto giuridicamente rilevante è un reato penale di per sé, a prescindere dal fatto che il certificato sia stato poi utilizzato o meno». 

La falsificazione dei documenti può essere punita con una pena detentiva fino a cinque anni o una multa, ha spiegato Steiger a 20 Minuten. Nel caso di condanne con la condizionale, la decisione viene comunque inserita nel casellario giudiziale. «In caso di una condanna successiva, le spese del procedimento e della difesa si aggiungeranno alla pena pecuniaria cumulativa».

Ma non è tutto. A seconda dell'uso che gli acquirenti hanno fatto del certificato, sono passibili anche di una denuncia penale per aggressione o diffusione di malattie. In caso di infezioni da Hiv, il Tribunale federale ha applicato una giurisprudenza rigorosa. 

Il principale sospettato è in detenzione preventiva da un mese, ha fatto sapere la Procura di Sciaffusa. Il giovane è stato identificato grazie a una soffiata anonima. «Ha venduto i certificati a caro prezzo, fino a 400 franchi l'uno a seconda del grado di amicizia con gli acquirenti» ha spiegato il procuratore sciaffusano Peter Sticher.

Altre cinque persone, due delle quali sono ancora in custodia cautelare, avevano un ruolo di intermediari. «Facevano da tramite tra i potenziali acquirenti e il giovane che lavorava al centro vaccinale. E hanno guadagnato dei piccoli importi in base al numero di clienti procacciati» ha detto Sticher. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 16:15:13 | 91.208.130.89