Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (PETER KLAUNZER)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
24 min
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
1 ora
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
1 ora
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
BERNA
2 ore
Mister Dati raccomanda la pubblicazione dei contratti per i vaccini
L'UFSP si è finora opposto alla pubblicazione affermando che l'approvvigionamento non è ancora stato completato
SVIZZERA
3 ore
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
SAN GALLO
4 ore
Con le armi softair, sparavano contro una fermata del bus
Due giovani sono stati denunciati a San Gallo. Mercoledì sera sono stati trovati in possesso di armi e munizioni
GRIGIONI
4 ore
«Solo la variante Delta nelle terapie intensive grigionesi»
Il medico cantonale ha fatto il punto della situazione: «C'è una certa stabilizzazione dei contagi, ma ad alto livello».
BERNA
6 ore
Covid: ottimizzazione della gestione del sostegno allo sport
La Confederazione ha sostenuto lo sport svizzero con diversi pacchetti di aiuti finanziari.
VAUD
6 ore
Il pirata della strada di Ollon si è costituito
Tre giorni dopo l'incidente l'uomo si è presentato spontaneamente alla centrale di polizia con il proprio avvocato.
ZURIGO
6 ore
Più comfort per i passeggeri sugli A320neo di Swiss
La compagnia è pronta a decollare con velivoli dagli spazi interni rinnovati
VALLESE
7 ore
Cade nel frantumatore di rocce e muore
Incidente mortale ieri pomeriggio in una cava di ghiaia a Zermatt. La vittima è un 31enne vallesano.
ZURIGO
18.11.2021 - 22:210
Aggiornamento : 19.11.2021 - 00:03

I media svizzeri criticano aspramente l'esitazione del Consiglio federale

Mentre la Germania e l'Austria tornano ad applicare misure sempre più restrittive, la Svizzera attende

Diversi quotidiani sospettano ragioni politiche e muovono critiche severe chiedendo un intervento che salvi ospedali e le festività sempre più vicine.

Fonte 20 Minuten/Daniel Graf
elaborata da Davide Milo
Giornalista

ZURIGO - Lo spettro del lockdown si sta riaffacciando sull'Europa. In diverse nazioni la curva dei casi è tornata a salire in modo importante e, con un leggero ritardo, anche i ricoveri stanno iniziando a crescere.

Ciò ha conseguenze drastiche soprattutto per coloro che non sono stati vaccinati: in Austria e in alcune parti della Germania il modello 2G (vaccinato o guarito) sta diventando la regola e si parla nuovamente di chiusure. Le regioni dell'Austria più colpite dalla pandemia, Salisburgo e Alta Austria, hanno deciso di reintrodurre a partire da lunedì un lockdown generale per tutta la popolazione, e non solo per i non vaccinati. Anche la Sassonia ci sta pensando.

Non è molto diversa la situazione in Svizzera, ma al momento non sembrano esserci nuove misure in vista. Non solo, il Consiglio federale, che di norma ogni mercoledì aggiorna sul punto della situazione pandemica, ieri non l'ha fatto. Questo lasciare i cittadini all'oscuro delle proprie decisioni - specie in questa fase delicata e in vista della votazione sulla legge Covid 19 -, è stato criticata da molti dei principali media svizzeri.

«Il Consiglio federale non vuole mettere di cattivo umore le persone» - Così Fabian Renz, che sul TagesAnzeiger e sotto al titolo “Grave silenzio dal Palazzo Federale", scrive: «Ancora una volta sorge il sospetto che il Consiglio federale preferisca lasciare arrivare un'emergenza prima di combatterla». E ancora: «Un altro sospetto (ufficialmente smentito) è ancora più evidente: ovvero che Berset e i suoi co-governanti stiano usando tattiche. Il 28 novembre il popolo voterà la legge sul Covid-19. (...) Da mesi ormai, il Consiglio federale cerca di non compiere alcun passo che possa mettere di cattivo umore le persone».

Sabine Kuster, sull'Aargauer Zeitung, è altrettanto critica. Facendo un paragone con lo scorso autunno sottolinea: «Mercoledì ci sono stati quasi 6.000 nuovi contagi. Abbiamo avuto cifre simili attorno al 20 ottobre 2020. Una settimana dopo, il Consiglio federale aveva decretato una serie di provvedimenti: incontri in privato consentiti a un massimo di dieci persone, la raccomandazione all'home office, chiusura dei locali notturni». Insomma, salvare il Natale non era più possibile.

Se la tendenza rimane la stessa, secondo Kuster, un numero altrettanto elevato di ricoveri potrebbe essere raggiunto anche quest'anno, poco prima di Natale. La giornalista ha un sospetto: «Il Consiglio federale non sembra essere interessato al Natale, ma piuttosto al fatto che il numero di casi possa dare una spinta al voto tra due settimane: più l'onda è impressionante, più è probabile che gli svizzeri troveranno cosa buona e giusta il certificato e la legge sul Covid-19».

«I no vax non possono prendere in ostaggio la società» - Anche l'epidemiologo Christian Althaus, sulla NZZ, non lesina critiche: «In Austria e Germania stiamo vedendo cosa potrebbe succederci: gli ospedali sono di nuovo al limite. Sappiamo che vale la pena reagire presto per poter evitare interventi drastici», aggiunge. Festività in pericolo? «Se si va avanti in questo modo la situazione sarà critica al più tardi entro Natale».

Althaus raccomanda l'obbligo della mascherina all'interno o nuove regole per l'home office. Tuttavia è consapevole di quanto sia difficile attuare nuove misure come fu per lo scorso anno: «Se le persone vaccinate e guarite dovessero essere nuovamente limitate nella loro libertà, ci si chiederà come ciò possa essere giustificato. I non vaccinati non possono prendere in ostaggio la società».

Giovedì pomeriggio il ministro della Salute Alain Berset è apparso davanti ai media. E ancora una volta ha chiarito che la situazione è grave, ma che al momento non sono necessarie ulteriori misure.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 17:18:44 | 91.208.130.85