Immobili
Veicoli
20min/Celia Nogler
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
4 ore
Il 2G in pista non ferma gli sciatori
La regola vale nel comprensorio internazionale di Samnaun. E le presenze non mancano
ZURIGO
5 ore
Investì una poliziotta, 11 anni di carcere per un 20enne
L'intenzionalità, nella manovra, ci sarebbe stata, ha stabilito il Tribunale distrettuale zurighese.
SVIZZERA
9 ore
La donazione di organi ha un problema di sicurezza
Chiunque può iscrivere altre persone al registro nazionale di Swisstransplant. Avviata una procedura di accertamento
ZURIGO
9 ore
Il booster funziona bene
Nuovi dati mostrano come la terza dose garantisca tassi di mortalità e ospedalizzazione significativamente inferiori
BASILEA CITTÀ
10 ore
Un'altra lettera sospetta al dipartimento della Sanità di Basilea
L'intervento degli specialisti (bardati di tutto punto) ha escluso la presenza di materiali pericolosi.
BERNA
10 ore
Tifosi senza mascherina, nessun aumento dei contagi
È quanto constatano le autorità sanitarie cantonali di Berna dopo la Coppa del Mondo di sci ad Adelboden
NEUCHÂTEL
12 ore
Rapina a La-Chaux-de-Fonds, arrestati due sospettati
I due presenti autori del colpo avvenuto lo scorso 18 ottobre sono stati posti in detenzione preventiva.
SVIZZERA
13 ore
Tutto tranquillo nelle centrali atomiche elvetiche
Sono ventidue gli eventi nucleari o radiologici di lieve entità segnalati nel 2021.
SVIZZERA
13 ore
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
SVIZZERA
16.11.2021 - 17:300

In futuro in Svizzera il clima sarà più secco e caldo

Una serie di scenari mostra come cambierà il clima nei prossimi trenta-settant'anni

BERNA - Entro la fine del secolo la Svizzera sarà confrontata con un clima più secco e caldo, con meno neve e un aumento delle forti piogge. È quanto emerge da una serie di scenari realizzati sotto l'egida del National Centre for Climate Services (NCCS). Le conseguenze del cambiamento si faranno però sentire in modo diverso a seconda dei cantoni e delle stagioni.

Gli scenari descrivono come può cambiare il clima in tutto il paese nei prossimi trenta-settant'anni, in funzione dei provvedimenti di protezione che verranno adottati, si legge in una nota odierna di MeteoSvizzera, che ha guidato la ricerca. Quelli riguardanti il Ticino «ci consentono di prepararci in modo ancora più mirato» spiega Roland David, presidente della Commissione cantonale pericoli naturali, citato nel comunicato.

La banca dati online è interattiva, e permette di scegliere i dati e le rappresentazioni grafiche in funzione degli scenari di emissione, degli intervalli temporali e dei parametri a cui si è interessati. Tutti i dati e le rappresentazioni grafiche possono essere scaricati gratuitamente.

Caldo e asciutto in estate - A lungo termine in estate i quantitativi medi di precipitazione diminuiranno in tutti i cantoni. A cambiare non saranno solo i quantitativi medi, ma anche la frequenza dei giorni di pioggia. I periodi estivi asciutti diventeranno più lunghi.

Le temperature massime aumenteranno in modo molto più marcato di quelle medie. Le giornate estive più torride saranno di 2-5,5 gradi più calde di quelle attuali. Le estati canicolari come quelle da primato degli anni 2003 e 2018 potranno quindi diventare la norma.

Le ondate di caldo diventeranno più frequenti ed estreme. Lo stress da caldo interesserà soprattutto le regioni urbane alle basse quote. Ad esempio nei cantoni di Zurigo, Ginevra e in Ticino, se non saranno adottati provvedimenti per proteggere il clima, attorno al 2060 alle quote più basse si potranno avere da 3 a 4 volte più giorni tropicali di oggi.

Piogge più forti - In futuro gli eventi con forti precipitazioni saranno probabilmente molto più frequenti e anche la loro intensità aumenterà notevolmente rispetto a oggi. Questo in tutte le stagioni, ma soprattutto in inverno. Senza provvedimenti per tutelare il clima, entro il 2060 in inverno ad Aadorf (TG) il quantitativo della precipitazione giornaliera più elevata potrà in media essere superiore del 7%. In altre regioni l'aumento potrà essere anche superiore, come ad esempio a Lugano (9%).

Inverno: meno neve e più pioggia - Attorno al 2050 anche gli inverni saranno nettamente più caldi di oggi. Avremo più precipitazioni, ma a causa delle temperature più elevate esse cadranno piuttosto sotto forma di pioggia che di neve. Nei Grigioni, ad esempio, il numero di giorni con neve fresca diminuirà sensibilmente a tutte le quote.

Se non verranno presi provvedimenti per proteggere il clima, attorno al 2060 a quote tra 1'600 e 2'000 metri, i giorni con neve fresca diminuiranno di circa venti unità. Con una protezione del clima tale riduzione sarà inferiore, in media quattordici giorni in meno.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-19 03:50:11 | 91.208.130.87