Keystone
BERNA
14.06.2021 - 22:300
Aggiornamento : 15.06.2021 - 00:01

Scuola reclute estiva: l'esercito punta a vaccinare tutti i soldati che lo desiderino

La speranza di molti è vedere allentate le misure anti Covid: «Anche chi avrebbe voluto aspettare ci sta pensando».

L'immunizzazione sarà proposta a tutti coloro che prestino servizio per più di quattro settimane.

Fonte 20 Minuten/Michelle Muff
elaborata da Dario Ornaghi
Giornalista

BERNA - Sport di squadra vietati, obbligo di portare la mascherina e uscite più rare: da mesi nelle caserme svizzere vigono rigide restrizioni anti Covid. E ora, per contrastare ulteriormente la pandemia, l'esercito si appresta a lanciare una campagna di vaccinazione che partirà in luglio, con l'avvio della scuola reclute estiva.

«A tutti i membri dell'esercito che prestano servizio per più di quattro settimane continuative dovrebbe essere proposta la vaccinazione, che è volontaria», fa sapere a 20 Minuten il portavoce Stefan Hofer. Nella fattispecie, la somministrazione della prima dose è prevista per la seconda settimana di scuola reclute. La seconda inoculazione per la sesta settimana di servizio.

«Per quanto possibile, dovrebbero essere vaccinati tutti coloro che lo desiderano fra i circa 14mila membri dell'esercito della scuola reclute 2-21», afferma Hofer. Il medico in capo dell'esercito consiglia dal canto suo caldamente l'immunizzazione.

«Come per i cantoni, l'approvvigionamento di vaccini avviene tramite la base logistica dell'esercito», continua il portavoce. «Le vaccinazioni sono effettuate dal personale del servizio sanitario dell'esercito», precisa.

Fra i soldati il piano di vaccinazione è già tema di discussione. «La scorsa settimana ci è stata comunicata la novità », conferma per esempio T.M., militare in ferma continuata del settore sanitario. «Da allora si parla molto del piano vaccinale - aggiunge -. Siamo tutti curiosi di sapere come sarà applicato e cosa significherà per le prossime settimane».

I militari sperano in particolare che la campagna permetta presto degli allentamenti delle misure di contenimento anti Covid. «Dobbiamo portare la mascherina ormai da mesi e, durante le uscite, non possiamo lasciare la caserma», lamenta T.M. «Ciò rende sicuramente il servizio ancora più impegnativo - continua -. Sarebbe bello se queste restrizioni fossero presto allentate. Più persone saranno vaccinate, prima si arriverà a quel punto».

Al momento, però, molti s'interrogano ancora sull'opportunità di prendere o meno in considerazione la proposta di vaccinazione. «La grande maggioranza degli altri soldati qui in caserma si farà vaccinare», assicura T.M. «Anche alcuni di coloro che avrebbero voluto aspettare ancora per la vaccinazione ci stanno pensando - aggiunge -. Speriamo semplicemente di poter tornare presto alla normalità».

Hofer ricorda che, anche nell'esercito, gli allentamenti delle restrizioni dipendono dalla situazione epidemiologica e dalle disposizioni dell'UFSP: «Eventuali allentamenti vengono valutati e disposti dai superiori in stretta consultazione con il medico capo», afferma.  Al momento, chi non voglia farsi vaccinare deve continuare a sottoporsi a un test settimanale e, in caso di contatto con una persona positiva al nuovo coronavirus, deve mettersi in quarantena. Altre differenze con chi abbia optato per il siero non ci sono: «Attualmente non esistono altre limitazioni rispetto ai membri dell'esercito vaccinati», sottolinea Hofer.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-03 00:42:39 | 91.208.130.89