Keystone
SVIZZERA
08.06.2021 - 12:570

«Un soldo più ricco per i militari»

La richiesta di aumentare la rendita dei soldati è stata approvata oggi dal Consiglio nazionale.

Una mozione di David Zuberbühler richiede che l'importo venga adeguato al potere d'acquisto. Ma la Consigliera federale Viola Amherd frena: «Il soldo militare ha un valore più simbolico che finanziario».

BERNA - Il soldo versato ai militi dell'esercito svizzero va aumentato. Lo chiede il Consiglio nazionale che ha approvato oggi, con 117 voti contro 67 e 4 astenuti, una mozione di David Zuberbühler (UDC/AR).

L'appenzellese, constatando che l'ultimo adeguamento risale al 1987, ha chiesto di adeguare al potere d'acquisto il soldo versato ai militari. Da allora il prezzo di numerosi prodotti è considerevolmente aumentato, ha sottolineato Zuberbühler, che ha fatto l'esempio del costo di una birra al bar. Per il futuro, il democentrista chiede che il governo ne verifichi periodicamente l'importo.

«Il soldo militare ha un valore più simbolico che finanziario», ha replicato la consigliera federale Viola Amherd ricordando che da quando nel 1940 è stata introdotta l'indennità per perdita di guadagno il soldo ha di fatto perso il suo significato intrinseco.

Adeguare il soldo all'evoluzione del potere d'acquisto significherebbe inoltre per l'esercito un aumento delle uscite per circa 15 milioni di franchi. Dal momento che occorrerebbe adeguare il soldo anche per i militi della protezione civile e i civilisti, la Confederazione, i Cantoni e gli istituti d'impiego del servizio civile dovrebbero sostenere spese pari a circa 5 milioni di franchi all'anno, ha ricordato, invano, la ministra della difesa.

L'ammontare del sondo dipende dal grado. Le reclute, per esempio, ricevono attualmente quattro franchi al giorno, i soldati cinque e i caporali sette.

L'atto parlamentare, sostenuto in aula dall'UDC e dalla sinistra, passa ora al vaglio del Consiglio degli Stati.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-28 00:09:36 | 91.208.130.85