Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
14 min
Orientamento sessuale: un'aggressione ogni settimana
Sono 61 le violenze, tra fisiche e verbali, registrate lo scorso anno in Svizzera.
SVIZZERA
43 min
Morta nel Reno per colpa di una mail
Accusa di omicidio colposo per l'organizzatore dell'immersione costata la vita a una sub 29enne
SVIZZERA
1 ora
Telecamere nei centri d'asilo per scongiurare le violenze
I dispositivi saranno installati all'esterno e interno delle strutture per migliorare la sicurezza dei richiedenti.
FOTO
TURGOVIA
1 ora
Stalla distrutta, ma i cavalli sono in salvo
Nell'incendio di questa notte ad Andwil nessuno è rimasto ferito e anche gli animali - una dozzina - sono stati salvati.
BERNA
2 ore
Covid, parte la campagna #iomifacciovaccinare
Il concetto che vuole passare con l'iniziativa dell'UFSP è che immunizzarsi aiutera a tornare alla normalità.
BERNA
2 ore
Un burger su sei è vegetale
Il commercio al dettaglio ha quasi raddoppiato la cifra d’affari relativa a preparati a base di soia e ad altri prodotti
BERNA
3 ore
Assicurazione di base: dominano Helsana e CSS
La prima ha guadagnato quasi 300'000 assicurati dal 2016.
BERNA
3 ore
La pandemia frena le condanne
La contrazione maggiore riguarda le violazioni alla legge sugli stranieri e la loro integrazione.
SVIZZERA
3 ore
200 nuovi impieghi per Decathlon
Entro la fine del prossimo anno la forza lavoro supererà le 1000 unità
ARGOVIA
3 ore
Ristorante avvolto dalle fiamme
Nonostante l'intervento dei pompieri l'edificio è andato distrutto
GINEVRA
15 ore
La piattaforma per il test del Covid "spiffera" i dati personali: a rischio migliaia di assicurati
La falla è stata identificata a Ginevra, ma tocca potenzialmente tutti i residenti in Svizzera.
SVIZZERA
20 ore
L'estate porterà il vaccino agli adolescenti
Sembra essere imminente l'approvazione del preparato Pfizer/BioNTech per i giovani tra i 12 e i 15 anni
FRIBURGO
20 ore
Incidente al passaggio a livello, 26enne in ospedale
La donna è finita contro il palo della barriera del passaggio, che in quel momento era alzata.
LE REAZIONI
07.03.2021 - 14:350
Aggiornamento : 16:10

«Il no alla legge E-ID è un sì all'identificazione gestita dallo stato»

Il popolo ha sonoramente bocciato la legge federale sui servizi d'identificazione elettronica.

Il progetto non ha convinto il popolo: «Una nuova soluzione potrebbe essere lanciata tra un paio d'anni». L' Alleanza per un'eID svizzera: «Perso un'opportunità». USAM: «Un passo indietro».

di Redazione
Keystone-Ats

BERNA - «Il "no" alla legge E-ID è un "sì" all'identificazione gestita dallo Stato», ha detto Erik Schönenberger, uno dei responsabili della campagna contro l'E-ID, alla televisione svizzera tedesca SRF. Mentre per i fautori  del progetto è stata «persa un'opportunità».

Tutti i partiti e i comitati referendari concordano sulla necessità di una soluzione statale praticabile in tempi relativamente brevi, in cui il popolo possa avere fiducia. Secondo Schönenberger, è possibile lanciare una nuova identità elettronica fra due anni. «Se necessario, potrebbe essere integrata con un chip, una soluzione sicura e conveniente», ha aggiunto.

«Il netto "no" popolare all'E-ID dimostra che i compiti sovrani devono essere mantenuti in mani pubbliche», secondo il Sindacato dei servizi pubblici (VPOD-SSP). L'aspetto della sicurezza dei dati ha avuto un grande peso nella scelta dell'elettorato. «Gli svizzeri sanno a chi possono affidare un compito delicato», precisa un comunicato. Il fatto che qualcuno potesse trarre profitto utilizzando i dati dei cittadini è stato determinante per la bocciatura del progetto.

«Stupita del netto no» - La consigliera agli Stati Andrea Gmür (PPD/LU) alla televisione svizzera tedesca SRF ha detto di essere sorpresa dal chiaro "no" all'E-ID. A suo parere la denominazione ha avuto un ruolo nella bocciatura: sarebbe stato meglio chiamare l'identità elettronica "Log-In qualificato", ha detto la presidente del gruppo parlamentare del Centro.

«Padroni dei propri dati» - Da parte sua il presidente dei Verdi Balthasar Glättli ritiene che la bocciatura odierna del progetto d'identità elettronica apra «una porta per una soluzione sostenibile».  È importante che ognuno possa essere «padrone dei propri dati», ha aggiunto. L'identificazione elettronica è necessaria, ma è giunto il momento anche per la firma elettronica. E ci sarebbero molti altri campi di applicazione, anche per l'economia e le PMI, ha detto Glättli alla televisione svizzera tedesca SRF.

«Persa un'opportunità» - Bocciando la legge sull'identità elettronica, la Svizzera ha perso "l'opportunità di fare un grande passo avanti nello sviluppo tecnologico", secondo i sostenitori del progetto. Ora tocca ai politici trovare una nuova soluzione. L' Alleanza per un'eID svizzera chiede quindi un dialogo rapido e costruttivo. L'Alleanza nota con rammarico che le riserve dell'elettorato hanno prevalso, afferma un comunicato. La Svizzera sta così perdendo l'opportunità di un «E-ID autodeterminato e di una maggiore sicurezza giuridica nell'identificazione digitale».Purtroppo, non è stato possibile far capire l'importanza di una «digitalizzazione di successo» alla maggioranza della popolazione. Le preoccupazioni sull'E-ID richiedono ora un'analisi approfondita. Occorrerà vedere quanto velocemente una nuova soluzione capace di ottenere il sostegno della maggioranza possa essere sviluppata e adottata.Nicolas Bürer, direttore esecutivo di Digitalswitzerland, ha fatto appello ai politici affinché riprendano in mano rapidamente il dossier. «Dobbiamo andare avanti nell'interesse di tutti e non perdere altro terreno a favore di altri paesi», si legge nella nota.

Delusione anche da parte di USAM: «Il No all'e-ID rappresenta un passo indietro per l'ulteriore sviluppo dell'e-government e della digitalizzazione». Respingendo la legge, gli oppositori non hanno guadagnato nulla, la Svizzera invece ha perso molto tempo nel processo di digitalizzazione. La Confederazione è già in ritardo rispetto ai paesi che hanno la propria e-ID da anni, afferma un comunicato. Ora c'è bisogno di «una nuova soluzione per regolare le condizioni quadro per l'introduzione dell'e-ID», perché questo è un elemento importante per l'innovazione nell'economia sempre più digitalizzata.

Lo Stato "non è bravo" a gestire la tecnologia - La bocciatura dell'identità elettronica è un segno di sfiducia della popolazione nelle grandi aziende, secondo la presidente del PLR Petra Gössi. Non è un voto generale contro l'E-ID e il risultato dimostra quanto sia importante la questione della sicurezza dei dati. Una soluzione "statale" però non sarà immediata. Durante la crisi pandemica, infatti, sono emersi problemi legati alle soluzioni informatiche gestite dallo stato, ad esempio per quanto riguardale vaccinazioni, ha detto Gössi a Blick TV. Anche la App Swisscovid «non funziona molto bene», ha aggiunto. Per questo lo stato non potrà proporre velocemente una nuova soluzione per l'identità elettronica.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 12:08:41 | 91.208.130.87