Immobili
Veicoli
«Ikea ora fa le vaccinazioni?»

ZURIGO«Ikea ora fa le vaccinazioni?»

02.03.21 - 08:45
Le lunghe code davanti ai negozi evocano reazioni ironiche e indignate.
lettore 20 minuten
«Ikea ora fa le vaccinazioni?»
Le lunghe code davanti ai negozi evocano reazioni ironiche e indignate.
L'associazione di categoria trova le condizioni troppo rigide.

ZURIGO - La riapertura dei negozi dopo il lockdown è stata accolta positivamente dalla clientela svizzera. Almeno stando alle lunghe
code che si sono formate ieri davanti ai negozi Ikea, allo Shoppi Tivoli di Spreitenbach o all'H&M sulla Bahnhofstrasse di Zurigo.

Ironia e critiche sul web - La calca, immortalata dalle fotocamere dei telefonini e affidata al giudizio della rete, ha ovviamente generato commenti ironici sui social media. Memore di quanto sta avvenendo in Israele presso le filiali del gigante svedese del mobile, un utente di Twitter ha scherzato chiedendo se anche in Svizzera Ikea fosse partita con le vaccinazioni. «Si potrebbe presumere che le persone a casa non indossino nulla e non abbiano mobili», sottolineava invece, amaro, il commento di un altro utente.

Naturalmente c'è pure chi si è semplicemente indignato: «Come puoi fare una cosa simile a te stesso?», si legge su Facebook. «Molti non hanno ancora imparato nulla», risponde un altro. «Se non fosse così triste, sarebbe ridicolo», replica ancora un utente.

Spaventati e sostenitori - Oltre agli ironici e gli indignati ci sono poi i preoccupati, coloro che temono una terza ondata. Tra questi c'è chi sottolinea la volontà di non farsi contagiare dalla corsa allo shopping: «Il mio lockdown personale resta tale, indipendentemente dalle prime aperture di ristoranti, stadi e qualsiasi altra cosa ordineranno i dittatori economici».

Tuttavia, alcuni utenti difendono i fan dello shopping. «Lasciate vivere la gente. Se siete così spaventati, restate a casa e fate acquisti online», scrive un lettore di 20 Minuten.

«Sabato la prova del fuoco» - Va detto, le code si sono andate formando anche in conseguenza delle restrizioni poste dal Governo federale. «Ci sono regole più severe nei negozi e nei centri commerciali», ha fatto notare Hans-Ulrich Bigler, direttore dell'Unione svizzera delle arti e mestieri. «Se nei prossimi giorni dovesse confermarsi il trambusto davanti ai negozi mentre all'interno non succede nulla, i limiti di capacità dovrebbero diventare un po' meno rigidi».

Per Dagmar Jenni, direttrice della Federazione svizzera del commercio al dettaglio, la prova del fuoco sarà sabato. «Poiché la maggior parte delle persone ha il fine settimana libero, staremo a vedere se i flussi nei negozi aumenteranno».

Non appena si formano lunghe code, i proprietari dei negozi dovrebbero chiedere ai clienti di tornare più tardi o persino un altro giorno, spiega Jenni. «È quindi auspicabile una comunicazione attiva durante le ore più tranquille». In questo modo, le code potrebbero essere evitate. «Credo che non siano ben accolte dal grande pubblico in tempi di Covid».

COMMENTI
 
ciapp 1 anno fa su tio
eh sicuramente farebbe meglio del nostro consiglio federale !!!! magari il patron di ikea i vacini li troverebbe
GreenPick 1 anno fa su tio
Che senso ha chiedere di aprire i commerci e poi non andarci? Se sono aperti è ovvio che la gente ci va... smettetela di rompere per ogni cosa... fino a qualche settimana fa tutti si lamentavano che erano chiusi...
stefanobig 1 anno fa su tio
Indipendentemente dalle misure di protezione o meno una terza ondata ci sarà, infatti come tutti gli anni ci sarà un picco influenzale col cambio di stagione, solo che quest 'anno sarà chiamato con un altro nome...
ceresade36@gmail.com 1 anno fa su tio
Gente ridicula🤑👎👎👎
egi47 1 anno fa su tio
Ma il lunedì non é un giorno lavorativo?
streciadalbüter 1 anno fa su tio
E intanto il virus,contento,si frega le mani.
Luca 68 1 anno fa su tio
mi sembra evidente che se i negozi sprono la gente ci va, come mi sembra evidente che se la gente non rispetta le misure poste, in particolare mascherine e distanziamento ci sarà una terza ondata. la cosa più importante sarebbe la responsabilità individuale, ma sappiamo che troppa gente sé né frega
saetta 1 anno fa su tio
già... perché chi ha scattato foto con il telefonino cosa era lì a fare....una passeggiata davanti al supermercato? Ma fatemi il piacere! almeno un po' di coerenza non guasta
Ro 1 anno fa su tio
Perché stupirsi ? Se la gente esce di casa, gioco forza, si “ incontra “ da una quale altra parte. L’importante è indossare la mascherina e tenere, se possibile, la distanza. Non ci sono altre soluzioni se non il restare tutti a casa. Vaccinazione per tutti è la parola magica
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA