lettore 20 minuten
+5
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 ora
Decolla per Johannesburg ma dopo due ore riatterra a Zurigo
Problemi tecnici ieri notte per un Airbus che ha volato in tondo sopra alla città prima di tornare sulla pista
SAN GALLO
1 ora
Svolta, ma non vede un ragazzino sui pattini
È successo ieri sera a Grabs (SG), l'11enne è rimasto ferito ed è stato portato via in ambulanza
GRIGIONI
10 ore
Festeggiamenti senza distanze in una scuola grigionese
L'evento con 200-300 allievi ha avuto luogo venerdì mattina nell'aula magna di un istituto di Coira
SVIZZERA
11 ore
Cassis ha messo gli occhi sul vertice Biden-Putin
Il ministro vorrebbe organizzare in Svizzera il possibile incontro tra il presidente americano e quello russo
SVIZZERA
13 ore
Ecco perché all'improvviso il Canada è un paese a rischio
La decisione è stata comunicata dall'UFSP mezz'ora prima che entrasse in vigore
VALLESE
14 ore
Il Barry avrà il suo parco a tema
Uno spazio di 20'000 metri quadri che sarà un luogo per conoscere i cani San Bernardo
SVIZZERA
14 ore
I test fai da te potrebbero salvare gli eventi estivi
Nonostante i previsti allentamenti, il settore chiede una maggior sicurezza per pianificare il proprio futuro.
OBVALDO
15 ore
Sottraevano nottetempo auto e moto: adolescenti nei guai
La polizia ha scoperto che i giovani hanno percorso indisturbati centinaia di chilometri
SVIZZERA
15 ore
Aggiunto il Canada alla lista dei paesi a rischio
Le restrizioni sono in vigore dalle 18 di oggi. L'UFSP lo ha comunicato mezz'ora prima
SVIZZERA
16 ore
Moderna conferma la “versione Lonza” di Berset
ll vicepresidente della società: «Vendiamo dosi di vaccino, non linee di produzione»
SVIZZERA
16 ore
«Nella gestione della crisi vanno coinvolti i giovani»
È quanto chiede la Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale
ZERMATT
16 ore
Precipita in montagna, muore un 17enne
Il giovane stava aggiustando gli attacchi dei suoi ramponi, quando ha perso l'equilibrio ed è caduto nel vuoto.
SONDAGGIO
SVIZZERA
16 ore
È ora di passare a un Consiglio federale con nove membri?
In questo modo sarebbe possibile includere adeguatamente nel Governo tutte le forze politiche
ZURIGO
02.03.2021 - 08:450
Aggiornamento : 12:14

«Ikea ora fa le vaccinazioni?»

Le lunghe code davanti ai negozi evocano reazioni ironiche e indignate.

L'associazione di categoria trova le condizioni troppo rigide.

ZURIGO - La riapertura dei negozi dopo il lockdown è stata accolta positivamente dalla clientela svizzera. Almeno stando alle lunghe
code che si sono formate ieri davanti ai negozi Ikea, allo Shoppi Tivoli di Spreitenbach o all'H&M sulla Bahnhofstrasse di Zurigo.

Ironia e critiche sul web - La calca, immortalata dalle fotocamere dei telefonini e affidata al giudizio della rete, ha ovviamente generato commenti ironici sui social media. Memore di quanto sta avvenendo in Israele presso le filiali del gigante svedese del mobile, un utente di Twitter ha scherzato chiedendo se anche in Svizzera Ikea fosse partita con le vaccinazioni. «Si potrebbe presumere che le persone a casa non indossino nulla e non abbiano mobili», sottolineava invece, amaro, il commento di un altro utente.

Naturalmente c'è pure chi si è semplicemente indignato: «Come puoi fare una cosa simile a te stesso?», si legge su Facebook. «Molti non hanno ancora imparato nulla», risponde un altro. «Se non fosse così triste, sarebbe ridicolo», replica ancora un utente.

Spaventati e sostenitori - Oltre agli ironici e gli indignati ci sono poi i preoccupati, coloro che temono una terza ondata. Tra questi c'è chi sottolinea la volontà di non farsi contagiare dalla corsa allo shopping: «Il mio lockdown personale resta tale, indipendentemente dalle prime aperture di ristoranti, stadi e qualsiasi altra cosa ordineranno i dittatori economici».

Tuttavia, alcuni utenti difendono i fan dello shopping. «Lasciate vivere la gente. Se siete così spaventati, restate a casa e fate acquisti online», scrive un lettore di 20 Minuten.

«Sabato la prova del fuoco» - Va detto, le code si sono andate formando anche in conseguenza delle restrizioni poste dal Governo federale. «Ci sono regole più severe nei negozi e nei centri commerciali», ha fatto notare Hans-Ulrich Bigler, direttore dell'Unione svizzera delle arti e mestieri. «Se nei prossimi giorni dovesse confermarsi il trambusto davanti ai negozi mentre all'interno non succede nulla, i limiti di capacità dovrebbero diventare un po' meno rigidi».

Per Dagmar Jenni, direttrice della Federazione svizzera del commercio al dettaglio, la prova del fuoco sarà sabato. «Poiché la maggior parte delle persone ha il fine settimana libero, staremo a vedere se i flussi nei negozi aumenteranno».

Non appena si formano lunghe code, i proprietari dei negozi dovrebbero chiedere ai clienti di tornare più tardi o persino un altro giorno, spiega Jenni. «È quindi auspicabile una comunicazione attiva durante le ore più tranquille». In questo modo, le code potrebbero essere evitate. «Credo che non siano ben accolte dal grande pubblico in tempi di Covid».

lettore 20 minuten
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ciapp 1 mese fa su tio
eh sicuramente farebbe meglio del nostro consiglio federale !!!! magari il patron di ikea i vacini li troverebbe
GreenPick 1 mese fa su tio
Che senso ha chiedere di aprire i commerci e poi non andarci? Se sono aperti è ovvio che la gente ci va... smettetela di rompere per ogni cosa... fino a qualche settimana fa tutti si lamentavano che erano chiusi...
stefanobig 1 mese fa su tio
Indipendentemente dalle misure di protezione o meno una terza ondata ci sarà, infatti come tutti gli anni ci sarà un picco influenzale col cambio di stagione, solo che quest 'anno sarà chiamato con un altro nome...
ceresade36@gmail.com 1 mese fa su tio
Gente ridicula🤑👎👎👎
egi47 1 mese fa su tio
Ma il lunedì non é un giorno lavorativo?
streciadalbüter 1 mese fa su tio
E intanto il virus,contento,si frega le mani.
Luca 68 1 mese fa su tio
mi sembra evidente che se i negozi sprono la gente ci va, come mi sembra evidente che se la gente non rispetta le misure poste, in particolare mascherine e distanziamento ci sarà una terza ondata. la cosa più importante sarebbe la responsabilità individuale, ma sappiamo che troppa gente sé né frega
saetta 1 mese fa su tio
già... perché chi ha scattato foto con il telefonino cosa era lì a fare....una passeggiata davanti al supermercato? Ma fatemi il piacere! almeno un po' di coerenza non guasta
Ro 1 mese fa su tio
Perché stupirsi ? Se la gente esce di casa, gioco forza, si “ incontra “ da una quale altra parte. L’importante è indossare la mascherina e tenere, se possibile, la distanza. Non ci sono altre soluzioni se non il restare tutti a casa. Vaccinazione per tutti è la parola magica
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-17 10:00:07 | 91.208.130.85