Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
41 min
Occhio, quando si corre sui sentieri
La Suva avverte: «Infortuni sempre più frequenti»
SVIZZERA/RUSSIA
2 ore
«A malincuore, vendiamo tutto in Russia»
Il gruppo elvetico ha deciso di lasciare il territorio del Paese in guerra, dove è presente da diversi decenni
SAN GALLO
14 ore
Cerca di sfuggire al ricovero, cade dal tetto e muore
Un 35enne con problemi psichici ha perso la vita questo pomeriggio ad Altstätten.
LOSANNA
15 ore
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
15 ore
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
BERNA
16 ore
Sommozzatore scomparso ritrovato privo di vita
Il sommozzatore era dichiarato disperso da metà maggio, il corpo è stato recuperato venerdì pomeriggio nel lago di Thun.
GRIGIONI
17 ore
Appartamento in fiamme: un morto
La polizia grigionese ha trovato il corpo di un 50enne nella sua abitazione a Lenzerheide.
FOTO
ZURIGO
17 ore
Incendio su un camion carico di merci pericolose
Il conducente ha notato le fiamme mentre stava circolando e si è messo in salvo.
GINEVRA
18 ore
Tentano la rapina in una boutique, arriva la polizia
Gli agenti, intervenuti nella lussuosa Rue du Rhône, hanno arrestato uno dei presunti autori.
ARGOVIA
18 ore
Frontale sul confine: un morto e quattro feriti
Questa mattina un'auto ha perso il controllo colpendo un pedone e un veicolo che viaggiava in senso opposto.
SVIZZERA
18 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
19 ore
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
SVIZZERA
21 ore
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
SVIZZERA
22 ore
Peggioramento delle disuguaglianze di genere durante la pandemia
Uno studio ha analizzato le conseguenze delle misure restrittive sull'occupazione di uomini e donne.
SVIZZERA
22 ore
Donazione organi: gli anziani saranno seguiti e consigliati
Pro Senectute continuerà a sostenere i futuri donatori attraverso una consulenza personale.
ARGOVIA
23 ore
Cade da una parete rocciosa, 14enne perde la vita
Il giovane stava effettuando una passeggiata assieme a un amico. Inutili i tentativi di soccorso.
BERNA
23 ore
Uccise 15 animali, Berna dà l'ok all'abbattimento di una lince
Le autorità cantonali hanno identificato il felino in questione.
SVIZZERA
23 ore
Gli svizzeri hanno fatto migliaia di buone azioni
La terza «Giornata della buona azione» di Coop ha dato vita a un'ondata di sostegno in tutta la Svizzera.
SVIZZERA
1 gior
Martore, occhio alle macchine
Il bilancio dell'assicuratore AXA, che ha pubblicato dei consigli per evitare i rosicchiamenti
SVIZZERA
26.01.2021 - 14:000
Aggiornamento : 17:31

«È inevitabile: il virus mutato sarà presto quello principale»

Così Martin Ackermann, che ha parlato nell'ambito del consueto punto informativo sulla pandemia

L'obiettivo è comunque di vaccinare il più possibile e di tornare sotto i trecento contagi al giorno

BERNA - I contagi sono in calo in tutta la Svizzera. Oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ne ha segnalati 1'884 in ventiquattro ore. E si contano anche 92 ospedalizzazioni e 57 decessi. Nel frattempo prosegue la campagna di vaccinazione contro il coronavirus, nonostante il ritardo delle forniture del preparato di Pfizer/BioNTech. Sinora in tutto il paese sono state vaccinate 197'368 persone (di cui 11'815 in Ticino).

Oggi ha avuto luogo il consueto punto informativo, in cui gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto della pandemia in Svizzera. All'odierno appuntamento hanno preso parte Patrick Mathys (capo della Sezione gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell’UFSP), Martin Ackermann (capo della task force nazionale Covid-19), Christoph Berger (presidente della Commissione federale per le vaccinazioni), Nora Kronig (vicedirettrice della Divisione affari internazionali dell’UFSP) e Rudolf Hauri (presidente dell’Associazione dei medici cantonali).

Ancora molti pazienti in cure intense - «La situazione attuale: la direzione è quella giusta, ma il ritmo può migliorare» ha esordito Patrick Mathys. Si tratta di una buona notizia, «ma non bisogna lasciarsi andare». Mathys osserva che - a livello nazionale - il 73% dei posti letto nelle cure intense è ancora occupato. «Il calo dei contagi non si è ancora fatto sentire sull'occupazione delle strutture sanitarie». Il tasso di positività è attualmente dell'11% per i test PCR e dell'8,9% per i test rapidi.

Continua a preoccupare la diffusione delle varianti: sono al momento 1'126 i casi accertati in Svizzera, di cui oltre la metà riconducibile a quella inglese.  «Ma sinora in Svizzera non è stata riscontrata la presenza della variante brasiliana».

Per tornare rapidamente a un livello che permetta al contact tracing di interrompere le catene di contagio, ha detto ancora Mathys, è ancora necessario l'impegno di tutti quanti. L'obiettivo è di arrivare sotto i trecento contagi al giorno.

Anche Martin Ackermann ha parlato della situazione epidemiologica, osservando che dopo i giorni di festa non c'è stato il notevole peggioramento della situazione che si temeva: «I cittadini hanno adottato un comportamento responsabile». E ha spiegato che attualmente sono molti gli interrogativi sulla diffusione delle nuove varianti (si parla di quella britannica e quella sudafricana). Al momento preoccupa il fatto che sono più contagiose. Non è chiaro quali siano gli effetti sul decorso della malattia. Si prevede comunque che a marzo oltre il 50% dei casi sarà riconducibile al virus mutato. E si potrebbe assistere a un'inversione della tendenza, con un nuovo aumento dei casi. Ackermann ha sottolineato che al momento non è ancora possibile valutare gli effetti delle misure adottate lo scorso 18 gennaio.

La campagna di vaccinazione - Nora Kronig ha fatto il punto della situazione sulla campagna di vaccinazione, ricordando che sono quasi 200'000 le persone a cui sono stati somministrati i preparati. «Stiamo facendo il possibile per affrontare il rallentamento delle forniture». Tra qui e marzo dovrebbero comunque arrivare in Svizzera tutte le dosi previste, «ci saranno delle oscillazioni». Ora tra gli obiettivi si conta inoltre il fatto di assicurare la seconda dose del vaccino a chi ha già ricevuto la prima. Spetta comunque ai singoli cantoni decidere se trattenere delle dosi in vista della seconda somministrazione.

Si tratta quindi di gestire le previste «oscillazioni» delle forniture. Ma Ackermann ha aggiunto, da parte sua, che dal punto di vista scientifico «è importante somministrare le dosi disponibili il più rapidamente possibile. Ogni giorno che ci permettere di avvicinarci ulteriormente alla normalità è importante».

Sarà però possibile vaccinare tutti coloro che lo desiderano entro la prossima estate? Kronig ha soltanto ricordato che la Confederazione «ha acquistato 15 milioni di dosi» presso diversi produttori. «Ma non posso dire nulla su preparati che non sono ancora stati autorizzati in Svizzera».

Col vaccino non saltano le disposizioni - «Il vaccino è un elemento che fa parte dei concetti di protezione contro il coronavirus. E non permette di allentare le altre misure» ha ricordato Christoph Berger. E per quanto riguarda la decisione dei gruppi a cui dare la priorità, ha sottolineato che «chi prende un vaccino, lo toglie a un'altra persona a rischio». Ma è comunque possibile somministrarlo al personale sanitario, «valutando l'importanza sistemica o il grado di esposizione al virus della persona».

Si parla anche della somministrazione del vaccino alle donne in gravidanza: per entrambi i preparati attualmente in circolazione, l'impiego non è raccomandato. Questo perché non si hanno dati su eventuali effetti collaterali. «Ma se una donna in gravidanza rientra in una categoria a rischio, con il medico si può valutare se si possa comunque procedere con la somministrazione del vaccino».

Il presidente dell’Associazione dei medici cantonali, Rudolf Hauri, ha sottolineato che in tutti i cantoni la campagna di vaccinazione procede bene. E si sta gestendo il ritardo della fornitura di dosi.

Test di massa e mascherine FFP2 - A livello cantonale si valutano al momento misure quali testi di massa per scuole, istituzioni sociali o altre aziende che prevedono contatti con i clienti. E - lo ha detto ancora Hauri - si valuta anche la possibilità di un obbligo di mascherina FFP2 in determinate circostanze.

La mobilità «è un problema» - Nonostante i provvedimenti scattati lo scorso 18 gennaio (tra cui si conta l'obbligo di telelavoro), sono ancora molti i pendolari che quotidianamente affollano i mezzi pubblici. «La mobilità è un problema, si tratta di una situazione in cui si entra in contatto con altre persone e che rende difficile il contact tracing» ha detto Ackermann. «Non è ancora chiaro se le recenti misure siano sufficienti» 

E per quanto riguarda la sicurezza sanitaria dei passeggeri (in particolare per quanto riguarda i treni FFS), Mathys ha sottolineato che non spetta alla Confederazione stabilire i piani di protezione «Vengono elaborati dalle aziende».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-24 10:04:00 | 91.208.130.87