Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
16 min
Nel 2020 è aumentato l'aiuto pubblico allo sviluppo
Solo lo scorso anno sono stati stanziati oltre 3 miliardi di franchi.
GLARONA
53 min
Operaio si ferisce al collo con la smerigliatrice
È successo nella località glaronese di Mollis. L'uomo è stato portato all'Ospedale universitario di Zurigo
BASILEA CITTÀ
1 ora
Investita da un camion mentre andava in bicicletta
La vittima è una donna di 50 anni
LUCERNA
2 ore
Sorpassi a oltre 200 all'ora sull'A2
I due conducenti, che guidavano sotto l'influsso della droga, sono stati fermati il 9 aprile nei pressi di Schenkon.
SVIZZERA
3 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
3 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
3 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
3 ore
Col covid gli adolescenti hanno riscoperto la TV
Per il 61% di loro la "vecchia" televisione è stata fra le principali fonti d'informazione.
FOTO
SVIZZERA
4 ore
Due monete svizzere nel Guinness dei primati
La Zecca federale Swissmint ha portato a casa due record mondiali per la numismatica.
BERNA
5 ore
Indice di attività economica vicino al livello pre-crisi
Così stando ai calcoli della Segreteria di Stato dell'economia.
ZURIGO
5 ore
Non tutti i medici di famiglia vogliono vaccinare, si rischiano ritardi
Pesa, da una parte, la retribuzione forfettaria garantita a ogni dose somministrata.
BERNA
7 ore
Protezione contro il terrorismo, in attesa del referendum
Nel settembre 2020 il Parlamento ha adottato la legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT).
FOTO E VIDEO
BASILEA CITTÀ
7 ore
«Ma quale Banksy, siamo stati noi»
Il movimento Sciopero per il clima rivendica l'apparizione del "Banker with Cigar" all'esposizione presso la Halle 5
FOTO
ARGOVIA
7 ore
Violento rogo in una scuderia, salvi tutti i cavalli
A prendere fuoco è stata la paglia presente in una struttura equestre di Würenlos.
SVIZZERA
8 ore
La pandemia tocca i giovani, che si buttano in politica
Incrementi significativi per Gioventù socialista, Alleanza del Centro, PLR e UDC e Verdi
SVIZZERA
9 ore
AI e reinserimento nel mondo del lavoro: troppe differenze tra cantoni
Nella Svizzera romanda e in Ticino la quota di rendite accordate supera di almeno il 27% la media nazionale.
SVIZZERA
9 ore
«La politica ordini subito il farmaco di Roche»
Berna sta attualmente negoziando una fornitura, mentre la Germania si è già assicurata l'accesso al medicamento.
GRIGIONI
17 ore
La Posta “perde” un Rolex da 8.000 franchi
Un appassionato ha acquistato l'orologio tramite Ricardo. Ma non l'ha mai ricevuto.
FOTO
SCIAFFUSA
18 ore
Con la gru “irrompe” negli uffici della polizia
Un curioso incidente si è verificato a Sciaffusa. Non si registrano fortunatamente feriti
SVIZZERA
26.01.2021 - 14:000
Aggiornamento : 17:31

«È inevitabile: il virus mutato sarà presto quello principale»

Così Martin Ackermann, che ha parlato nell'ambito del consueto punto informativo sulla pandemia

L'obiettivo è comunque di vaccinare il più possibile e di tornare sotto i trecento contagi al giorno

BERNA - I contagi sono in calo in tutta la Svizzera. Oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ne ha segnalati 1'884 in ventiquattro ore. E si contano anche 92 ospedalizzazioni e 57 decessi. Nel frattempo prosegue la campagna di vaccinazione contro il coronavirus, nonostante il ritardo delle forniture del preparato di Pfizer/BioNTech. Sinora in tutto il paese sono state vaccinate 197'368 persone (di cui 11'815 in Ticino).

Oggi ha avuto luogo il consueto punto informativo, in cui gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto della pandemia in Svizzera. All'odierno appuntamento hanno preso parte Patrick Mathys (capo della Sezione gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell’UFSP), Martin Ackermann (capo della task force nazionale Covid-19), Christoph Berger (presidente della Commissione federale per le vaccinazioni), Nora Kronig (vicedirettrice della Divisione affari internazionali dell’UFSP) e Rudolf Hauri (presidente dell’Associazione dei medici cantonali).

Ancora molti pazienti in cure intense - «La situazione attuale: la direzione è quella giusta, ma il ritmo può migliorare» ha esordito Patrick Mathys. Si tratta di una buona notizia, «ma non bisogna lasciarsi andare». Mathys osserva che - a livello nazionale - il 73% dei posti letto nelle cure intense è ancora occupato. «Il calo dei contagi non si è ancora fatto sentire sull'occupazione delle strutture sanitarie». Il tasso di positività è attualmente dell'11% per i test PCR e dell'8,9% per i test rapidi.

Continua a preoccupare la diffusione delle varianti: sono al momento 1'126 i casi accertati in Svizzera, di cui oltre la metà riconducibile a quella inglese.  «Ma sinora in Svizzera non è stata riscontrata la presenza della variante brasiliana».

Per tornare rapidamente a un livello che permetta al contact tracing di interrompere le catene di contagio, ha detto ancora Mathys, è ancora necessario l'impegno di tutti quanti. L'obiettivo è di arrivare sotto i trecento contagi al giorno.

Anche Martin Ackermann ha parlato della situazione epidemiologica, osservando che dopo i giorni di festa non c'è stato il notevole peggioramento della situazione che si temeva: «I cittadini hanno adottato un comportamento responsabile». E ha spiegato che attualmente sono molti gli interrogativi sulla diffusione delle nuove varianti (si parla di quella britannica e quella sudafricana). Al momento preoccupa il fatto che sono più contagiose. Non è chiaro quali siano gli effetti sul decorso della malattia. Si prevede comunque che a marzo oltre il 50% dei casi sarà riconducibile al virus mutato. E si potrebbe assistere a un'inversione della tendenza, con un nuovo aumento dei casi. Ackermann ha sottolineato che al momento non è ancora possibile valutare gli effetti delle misure adottate lo scorso 18 gennaio.

La campagna di vaccinazione - Nora Kronig ha fatto il punto della situazione sulla campagna di vaccinazione, ricordando che sono quasi 200'000 le persone a cui sono stati somministrati i preparati. «Stiamo facendo il possibile per affrontare il rallentamento delle forniture». Tra qui e marzo dovrebbero comunque arrivare in Svizzera tutte le dosi previste, «ci saranno delle oscillazioni». Ora tra gli obiettivi si conta inoltre il fatto di assicurare la seconda dose del vaccino a chi ha già ricevuto la prima. Spetta comunque ai singoli cantoni decidere se trattenere delle dosi in vista della seconda somministrazione.

Si tratta quindi di gestire le previste «oscillazioni» delle forniture. Ma Ackermann ha aggiunto, da parte sua, che dal punto di vista scientifico «è importante somministrare le dosi disponibili il più rapidamente possibile. Ogni giorno che ci permettere di avvicinarci ulteriormente alla normalità è importante».

Sarà però possibile vaccinare tutti coloro che lo desiderano entro la prossima estate? Kronig ha soltanto ricordato che la Confederazione «ha acquistato 15 milioni di dosi» presso diversi produttori. «Ma non posso dire nulla su preparati che non sono ancora stati autorizzati in Svizzera».

Col vaccino non saltano le disposizioni - «Il vaccino è un elemento che fa parte dei concetti di protezione contro il coronavirus. E non permette di allentare le altre misure» ha ricordato Christoph Berger. E per quanto riguarda la decisione dei gruppi a cui dare la priorità, ha sottolineato che «chi prende un vaccino, lo toglie a un'altra persona a rischio». Ma è comunque possibile somministrarlo al personale sanitario, «valutando l'importanza sistemica o il grado di esposizione al virus della persona».

Si parla anche della somministrazione del vaccino alle donne in gravidanza: per entrambi i preparati attualmente in circolazione, l'impiego non è raccomandato. Questo perché non si hanno dati su eventuali effetti collaterali. «Ma se una donna in gravidanza rientra in una categoria a rischio, con il medico si può valutare se si possa comunque procedere con la somministrazione del vaccino».

Il presidente dell’Associazione dei medici cantonali, Rudolf Hauri, ha sottolineato che in tutti i cantoni la campagna di vaccinazione procede bene. E si sta gestendo il ritardo della fornitura di dosi.

Test di massa e mascherine FFP2 - A livello cantonale si valutano al momento misure quali testi di massa per scuole, istituzioni sociali o altre aziende che prevedono contatti con i clienti. E - lo ha detto ancora Hauri - si valuta anche la possibilità di un obbligo di mascherina FFP2 in determinate circostanze.

La mobilità «è un problema» - Nonostante i provvedimenti scattati lo scorso 18 gennaio (tra cui si conta l'obbligo di telelavoro), sono ancora molti i pendolari che quotidianamente affollano i mezzi pubblici. «La mobilità è un problema, si tratta di una situazione in cui si entra in contatto con altre persone e che rende difficile il contact tracing» ha detto Ackermann. «Non è ancora chiaro se le recenti misure siano sufficienti» 

E per quanto riguarda la sicurezza sanitaria dei passeggeri (in particolare per quanto riguarda i treni FFS), Mathys ha sottolineato che non spetta alla Confederazione stabilire i piani di protezione «Vengono elaborati dalle aziende».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 17:39:51 | 91.208.130.85