Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
7 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SVIZZERA
8 ore
Premi cassa malati, i Cantoni siano coinvolti
Il Consiglio degli Stati ha accettato la mozione Lombardi e altre quattro iniziative
ZURIGO
8 ore
«Il Böögg brucerà lo stesso», nonostante il Covid-19
La tradizione popolare sarà mantenuta, ma senza la presenza di pubblico e senza la festa delle corporazioni di Zurigo.
VALLESE
9 ore
Sospetta frode nell'elezione del Parlamento
Ieri i cittadini di Briga hanno eletto 11 rappresentanti in Gran Consiglio: un socialista, un verde, tre UDC e sei PPD
SAN GALLO
9 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
TURGOVIA
10 ore
Una manovra errata e l'automobile finisce di sotto
L'incidente è avvenuto oggi a mezzogiorno in un parcheggio di Rickenbach bei Wil.
SVIZZERA
10 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
GRIGIONI
10 ore
Brienz “scivola” sempre più velocemente
La montagna che sovrasta il paesino si sposta fino a 8 metri all'anno. I residenti non sono però a rischio
SVIZZERA
10 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
SVIZZERA
11 ore
Tassazione individuale, lanciata un'iniziativa
Il testo chiede che le coppie non vengano più considerate in modo congiunto.
NEUCHÂTEL
12 ore
Sommozzatore muore in immersione
Un 55enne neocastellano è deceduto mentre si trovava nelle acque del lago di Neuchâtel
SVIZZERA
12 ore
Gli svizzeri sono d'accordo con le misure anti-coronavirus
È quanto emerge da un sondaggio. Oltre la metà degli intervistati si dice soddisfatta delle disposizioni
SVIZZERA
22.01.2021 - 11:270

Armi nucleari: trattato di proibizione in vigore senza la Svizzera

L'accordo vieta l'uso, lo sviluppo, la produzione, i test. Ma anche di assistere chiunque in queste attività

GINEVRA - Le armi nucleari sono ormai proibite da un trattato internazionale. Ma l'accordo, entrato in vigore oggi, non verrà applicato dagli Stati nucleari né dai loro alleati e, per il momento, neppure dalla Svizzera che prolunga il processo di riflessione al riguardo sino alla fine del 2021.

In totale 51 Stati si sono già associati a questo trattato (TPNW), a lungo sostenuto dalla società civile. L'accordo vieta l'uso, lo sviluppo, la produzione, i test, lo stazionamento, lo stoccaggio e la minaccia di utilizzo di tali armi. Ma anche di assistere chiunque in queste attività.

Un altro aspetto è che le vittime devono essere sostenute con cure e un'assistenza economica. L'accordo era stato approvato dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel luglio 2017, con il sostegno di 122 Paesi. Ed è stato successivamente firmato da diverse decine di loro, ma non dalla Svizzera.

Dopo aver inizialmente sostenuto il TPNW, Berna si è astenuta, temendo che l'accordo indebolisse il trattato di non proliferazione nucleare (TNP). Quest'ultimo ha fornito un quadro per la questione nucleare per 50 anni e riunisce le maggiori potenze.

Le due Camere del Parlamento nel 2018 avevano adottato una mozione del consigliere nazionale Carlo Sommaruga (PS/GE) che invitata il Consiglio federale a firmare e ratificare il TPNW senza esitazioni. Temporeggiando il Governo aveva allora promesso che avrebbe eseguito un'analisi della situazione entro la fine del 2020.

Analizzato impatto sul TNP - Ma la pandemia, che ha causato il rinvio della conferenza di revisione del TNP dal maggio scorso al prossimo agosto, ha spinto il Consiglio federale a prolungare questa riflessione sino alla fine del 2021. Essa è diretta da un gruppo di lavoro interdipartimentale, «è condotta in modo aperto» con esperti esterni, ha spiegato a Keystone-ATS l'ambasciatore svizzero alla Conferenza sul disarmo (CD) a Ginevra, Felix Baumann.

Oltre all'impatto del TPNW sul TNP, vengono prese in considerazione anche le discussioni di politica estera e di sicurezza. «Così come le implicazioni dell'adesione sul fronte interno, compresi gli aspetti economici», ha precisato Baumann. Secondo alcuni esperti, uno degli effetti potrebbe essere quello di proibire alle banche e alle imprese di uno Stato parte di contribuire alla fabbricazione di armi nucleari.

Un'altra ragione è che «i Paesi neutrali come la Svizzera non hanno attualmente una posizione comune», ha aggiunto l'ambasciatore. L'astensione svizzera ha scandalizzato alcune Ong come l'International Campaign to Abolish Nuclear Weapons (ICAN), con sede a Ginevra, che ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 2017 per aver portato i negoziati a una conclusione positiva, e l'associazione romanda "Sortir du nucléaire".

Berna segue anche la situazione internazionale del disarmo, dal programma nucleare dell'Iran alle tensioni tra gli Stati Uniti e la Russia. Diversi accordi di limitazione del loro armamento tra questi due Paesi, che insieme posseggono il 90% delle scorte di armi nucleari globali, sono stati sospesi. Il nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden avrà tempo fino al 5 febbraio per cercare di ottenere il rinnovo del trattato di riduzione delle armi strategiche con Mosca.

Per il presidente del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) Peter Maurer, l'entrata in vigore del TPNW è un successo «per l'umanità» e un «passo avanti storico». L'accordo estende «la delegittimazione di queste armi disumane», ha detto.

Diversi effetti da aspettarsi - Ma il TPNW «è solo l'inizio», sottolinea il presidente Federazione Internazionale della società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (IFRC) Francesco Rocca. «La lotta per un mondo libero dal nucleare è lungi dall'essere terminata».

Ne è prova il fatto che gli Stati dotati di armi nucleari notano che la situazione non cambierà per loro. L'ultimo esempio è il dibattito sui social network tra la direttrice esecutiva di ICAN Beatrice Fihn e il rappresentante russo presso l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) Mikahail Ulyanov.

«Le armi nucleari diventeranno illegali secondo il diritto internazionale», ha detto Fihn. «Questo non è corretto», ha risposto Ulyanov, aggiungendo che i divieti saranno applicati solo agli Stati parte.

Tuttavia, molti esperti si basano sulle esperienze simili delle Convenzioni contro le armi chimiche e biologiche e gli accordi contro le mine antiuomo e le bombe a grappolo. Anche se alcuni Stati non vi aderiscono, questi trattati hanno una portata mondiale.

In totale, i nove Paesi nucleari conosciuti hanno più di 13'000 armi, di cui circa 1'800 sono in stato di allerta operativa elevata. Gli Stati parte del TPNW si incontreranno quest'anno per la prima volta per discutere l'accordo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-09 02:48:35 | 91.208.130.89