TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
9 min
I giovani lupi del branco di Stagias non verranno uccisi
L’Ufam ha constatato che i criteri necessari non sono soddisfatti.
SVIZZERA
37 min
Oltre 260'000 firme per mantenere i test gratuiti
Sono state consegnate oggi alla Cancelleria federale a Berna.
SVIZZERA
51 min
«300 franchi a chi fa il vaccino, multa di 100 a chi non lo fa»
L'ex presidente del PS Peter Bodenmann è convinto che i no-vax "duri e puri" siano solo il 10-15% della popolazione.
SVIZZERA
1 ora
Istruzione e lavoro per i rifugiati, oltre 17'000 firme raccolte
Una petizione ritiene «insufficiente» l'integrazione di queste persone e chiede «un accesso semplificato».
SAN GALLO
1 ora
Cade dal primo piano, muore un operaio
Incidente sul lavoro ieri pomeriggio a San Gallo: nella caduta un 45enne ha riportato gravissime ferite alla testa.
GINEVRA
1 ora
«Il problema, in Svizzera, è il lassismo»
Stéphane Koch, esperto di sicurezza online, giudica «drammatico» il fatto di poter trovare dati personali sul darkweb
GRIGIONI
1 ora
Al via il secondo tour del vaxbus grigionese
Buon risultato della prima tornata: 3'900 persone si sono vaccinate attraverso questa modalità.
ARGOVIA
2 ore
Incendio a scuola, tre bambini ricoverati per intossicazione
Il fumo è fuoriuscito dal sistema di aspirazione presente nel seminterrato dell'edificio.
SVIZZERA
2 ore
Test coatti per gli stranieri espulsi
La misura d'urgenza è stata approvata dalle Camere, nonostante l'opposizione rosso-verde
SVIZZERA / STATI UNITI
11 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
13 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
14 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
14 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA / UNIONE EUROPEA
15 ore
Il dossier Svizzera nelle mani di Maros Sefcovic
Sarà lui l'interlocutore di Ignazio Cassis
SVIZZERA
16 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
16 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
17 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
SVIZZERA
12.01.2021 - 14:440

La Svizzera «piattaforma logistica ideale» per i mafiosi

L'avvertimento di Falcone è sempre attuale: "Fate attenzione, dopo il denaro dei mafiosi, arriveranno anche loro"

Da noi ci sono almeno una ventina di cellule, cui fanno capo circa 400 persone. Domani si apre davanti al tribunale di Vibo Valentia, in una nuova aula bunker allestita a Lamezia Terme, il maxi processo alla 'ndrangheta denominato Rinascita-Scott.

BERNA - Il maxi-processo legato alla 'ndrangheta che prenderà il via domani in Calabria riporta l'attenzione sulla presenza della mafia in Svizzera: le organizzazioni italiane di stampo mafioso sono una realtà e la Confederazione «costituisce una piattaforma logistica ideale per i suoi membri». Lo sostiene l'Ufficio federale di polizia (fedpol), secondo cui il problema non riguarda solo le zone di confine come Ticino, Grigioni e Vallese, ma tutto il territorio elvetico.

Il numero dei membri attivi nel nostro Paese non è noto, scriveva fedpol nel suo ultimo rapporto annuale pubblicato lo scorso aprile. Le autorità sono a conoscenza di un centinaio di individui, per la maggior parte affiliati alla ‘ndrangheta, ma anche a Cosa Nostra e alla Camorra. Potrebbero però essere molti di più.

Cellule mafiose attive in Svizzera - "Fate attenzione, dopo il denaro dei mafiosi, arriveranno anche loro". Questo avvertimento di Giovanni Falcone, il procuratore ucciso da Cosa Nostra a Capaci (Sicilia) nel 1992, sembra ormai essersi avverato: secondo stime delle autorità antimafia italiane e di esperti di criminalità organizzata, sarebbero almeno una ventina le cellule mafiose attive nella Confederazione, cui fanno capo circa 400 persone. La cifra, confermata lo scorso luglio proprio da fedpol, potrebbe comunque essere inferiore rispetto ai numeri reali.

Tra i casi più discussi, negli ultimi anni, figura la cellula di Frauenfeld (TG): nel 2016 le indagini della Divisione distrettuale antimafia di Reggio Calabria - nell'operazione "Helvetia" - avevano individuato una cellula della 'ndrangheta costituita 40 anni prima nel capoluogo turgoviese, collegata alle cosche calabresi.

La scorsa estate - il 21 luglio - aveva invece suscitato clamore la vasta operazione antimafia organizzata dalle autorità svizzere - sulla base di un procedimento penale condotto dal Ministero pubblico della Confederazione - assieme a quelle italiane. Obiettivo: un clan 'ndranghetistico, con arresti e perquisizioni eseguite nei cantoni Ticino, Argovia, Soletta e Zugo. In Svizzera, una persona è stata arrestata, mentre gli inquirenti hanno messo le mani su armi, munizioni e denaro contante.

Riciclaggio di denaro - Secondo fedpol, le organizzazione di stampo mafioso in Svizzera, oltre a dedicarsi al traffico di stupefacenti e armi, «si servono della piazza finanziaria elvetica per riciclare denaro e reinvestire i proventi dei reati commessi perlopiù in Italia, nel settore immobiliare, nella ristorazione o in altre attività minori».

Per la ricercatrice Madeleine Rossi, autrice di un rapporto sulle mafie in Svizzera, la presenza della mafia è dovuta a due ragioni principali: per essere dimenticati e riciclare denaro. A suo parere, le autorità elvetiche fanno troppo poco per informare la popolazione su questo pericolo. Manca quindi il controllo sociale necessario e le famiglie mafiose possono agire indisturbate, facendo del paese ospite un punto d'appoggio per le loro attività criminose.

Le autorità inquirenti hanno poi poca esperienza nel contrasto a questo fenomeno, aveva spiegato Rossi in un'intervista del 2019 a Le Temps, tanto che negli ultimi dieci anni sono state arrestate poche decine di mafiosi. Alcune persone in fuga, secondo la giornalista, riescono persino a ottenere un permesso B. Queste persone restano molto discrete e vivono come tutti, aveva affermato Rossi.

Per quanto riguarda le attività della 'ndrangheta, il riciclaggio è sempre più difficile, ma sempre possibile in Svizzera. Le grandi banche sono sempre più puntigliose a questo riguardo, ma altre sono meno attente. Inoltre anche il settore della ristorazione e quello alberghiero permettono il riciclaggio, aveva sostenuto. «In Ticino diversi bar sono vuoti tutto il giorno, ma realizzano un giro d'affari importante»: anche se non è una prova, è un indizio importante, secondo la giornalista.

Misure amministrative - Dal rapporto dell'Ufficio federale di polizia emerge che dal 2018 sono già stati disposti 15 divieti di entrata - che può essere ordinata anche in assenza di una precedente condanna - nei confronti di individui sospettati di appartenere a organizzazioni di stampo mafioso e di rappresentare una minaccia per la sicurezza interna ed esterna della Svizzera. Nel 2019 fedpol ha inoltre pronunciato due espulsioni.

Il divieto di entrata o l'espulsione sono misure di diritto amministrativo e di per sé , secondo fedpol, «non sono in grado di sradicare le organizzazioni mafiose in Svizzera, ma possono complicare loro la vita e limitarne l'espansione nel territorio svizzero».

Leggi l'approfondimento di Tio.ch

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 11:25:36 | 91.208.130.86