Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Il capo dell'esercito è positivo al coronavirus
Il comandante di corpo Thomas Süssli si trova in isolamento
BERNA
11 ore
Quasi 600 ricoverati, un centinaio in cure intense
In totale i posti letto ancora liberi nelle strutture sanitarie erano 6353.
BERNA
11 ore
Cadavere a Interlaken: la polizia pensa a un atto violento
L'identificazione formale della vittima non è ancora avvenuta
LUCERNA
11 ore
Voleva pulire un serbatoio: operaio perde la vita
Un collega è stato soccorso e si è salvato
FRIBURGO
11 ore
Allievo conducente ruba l'auto e finisce tra i binari
Il bilancio è di due persone arrestate e una ragazza ferita
URI
12 ore
Non rispettano i tempi di riposo, smascherati due camionisti
In tutte e due le situazioni sono emersi anche difetti sui veicoli.
VALLESE
12 ore
Albinen fra i belli di Svizzera
Il villaggio potrà vantarsi di essere "uno dei Borghi più belli della Svizzera".
VIDEO
LUCERNA
12 ore
Non voleva indossare la mascherina, immobilizzato a terra e arrestato 
È accaduto sabato in un ristorante. L'uomo è stato portato via con la forza e ammanettato dagli agenti della polizia.
SVIZZERA
13 ore
Il Cancelliere della Confederazione è in quarantena
Walter Thurnherr ha avuto contatti con un famigliare risultato positivo al coronavirus.
SOLETTA
13 ore
Prova a far esplodere un bancomat, ma arriva la polizia
Nonostante l'intervento degli agenti, il ladro è riuscito a fuggire
SVIZZERA
14 ore
Tre milioni di persone utilizzano Twint
In Svizzera il 50% dei detentori di smartphone utilizza l'app
ZURIGO 
14 ore
Mascherina e telelavoro, ecco come operano 15 grandi aziende
Da Novartis a Lonza, passando dai principali istituti bancari.
BASILEA CITTÀ
14 ore
La St. Jakobshalle non si chiamerà Federer Arena
I promotori del progetto non sono riusciti a raccogliere le 3'000 firme necessarie per la votazione.
SVIZZERA
17 ore
8'737 casi e 14 morti nel weekend
I tamponi effettuati nel nostro Paese nelle ultime 72 ore sono 54'185. Il 16,1% ha dato esito positivo.
FOTO
ZUGO
17 ore
Una torta da Guinness dei primati
La pasticceria di Zugo Speck figurerà sul celebre libro dei record grazie alla sua torta gigante.
SVIZZERA
17 ore
Iniziativa biodiversità formalmente riuscita
Le firme valide sono superiori alle 100mila necessarie.
BASILEA CAMPAGNA
18 ore
A Basilea Campagna si cerca B.F.
Dell'uomo non si hanno più notizie dallo scorso giovedì, maniaco-depressivo necessita al più presto i suoi farmaci
SVIZZERA
26.07.2020 - 13:470
Aggiornamento : 21:25

In Svizzera molti più mafiosi di quanto si pensi

Secondo la Fedpol sarebbero almeno 20 le cellule mafiose presenti sul territorio elvetico

Si tratta perlopiù di persone che non danno nell'occhio e con un lavoro, residenti in Svizzera da decenni.

BERNA - «Fate attenzione, dopo il denaro dei mafiosi, arriveranno anche loro». Questo avvertimento di Giovanni Falcone, il procuratore ucciso da Cosa Nostra a Capaci (Sicilia) nel 1992, sembra ormai essersi avverato: secondo l'Ufficio federale di polizia (Fedpol) sarebbero almeno 20 le cellule mafiose attive nella Confederazione, cui fanno capo circa 400 persone.

Una cifra fornita da Fedpol alla "NZZ am Sonntag" e confermata a Keystone-ATS che si basa su stime delle autorità antimafia italiane e di esperti di criminalità organizzata. I Cantoni più toccati dal fenomeno sarebbero il Ticino, il Vallese, i Grigioni, ma anche città e agglomerati di molte località svizzere.

Il rapporto 2019 di Fedpol parla di centinaia di affiliati operativi nella Confederazione, perlopiù persone che non danno nell'occhio e con un lavoro, residenti in Svizzera da decenni. Tutte le maggiori organizzazioni sono presenti sul territorio: dalla mafia siciliana alla Camorra napoletana, fino alla 'Ndrangheta calabrese, forse quella più importante, considerata dal magistrato calabrese Nicola Gratteri la "Deus ex machina" del traffico internazionale di cocaina con ricavi per decine e decine di miliardi di euro l'anno.

Operazione antimafia - Ad aver suscitato clamore negli ultimi giorni e un ritorno del tema "criminalità organizzata" all'attenzione dei media è stata la vasta operazione antimafia organizzata dalle autorità svizzere assieme a quelle italiane il 21 di luglio scorso. Obiettivo: un clan 'ndranghetistico, con arresti e perquisizioni eseguite nei cantoni Ticino, Argovia, Soletta e Zugo. In Svizzera, una persona è stata arrestata, mentre gli inquirenti hanno messo le mani su armi, munizioni e denaro contante.

L'azione è il risultato di un procedimento penale condotto dal Ministero pubblico della Confederazione, in particolare per sospetto di sostegno o partecipazione a un'organizzazione criminale, riciclaggio di denaro, ricettazione, messa in circolazione di monete false, l'importazione, l'acquisizione e deposito di monete false e sospetta violazione della legge federale sugli stupefacenti.

Il procedimento penale è attualmente in corso nei confronti di sei persone di nazionalità italiana, la maggior parte delle quali risiede in Svizzera. Gli imputati vivono nella Confederazione da molti anni e, presumibilmente, all'esecuzione di attività illegali hanno affiancato l'esercizio di attività legali, come investimenti, concessione di prestiti o persino la gestione di un ristorante, attività che costituiscono una sorta di investimento dell'organizzazione criminale in grado di rafforzarne il vigore criminale.

Autorità troppo passive - Secondo l'ex procuratore pubblico Paolo Bernasconi, citato dal domenicale zurighese, per anni mafiosi e loro sodali hanno potuto aprire società bucalettere in Ticino e in Mesolcina, utilizzate per celare le loro attività criminali mentre polizia, procure, autorità comunali e del registro di commercio stavano a guardare.

Insomma, secondo Bernasconi, fattosi un nome a suo tempo per la lotta alla criminalità organizzata, si sta avverando quanto profetizzato da Falcone. Prima arriva il denaro, ma poi anche gli stessi mafiosi.

Abbiamo le mani legate - Quanto alla Mesolcina, stando al settimanale le organizzazioni criminali utilizzano le molte società bucalettere spuntate come funghi per lavare il denaro frutto di attività criminali. Solo nella valle grigione di lingua italiana sono registrate circa 2000 società di questo tipo per una popolazione di 8300 abitanti.

La sindaca di San Vittore, Nicoletta Noi, è consapevole del problema ma dice di avere le mani legate nei confronti di questo modus operandi che contempla anche, oltre alla fondazione di società fittizie, anche l'acquisto di terreni. Gli abitanti sono contenti quando ciò accade, perché almeno qualcuno vuole costruire.

Poca consapevolezza - Per la ricercatrice Madeleine Rossi, autrice di un rapporto sulle mafie in Svizzera, le autorità elvetiche fanno troppo poco per informare la popolazione su questo pericolo. Manca quindi il controllo sociale necessario e le famiglie mafiose possono agire indisturbate, facendo del paese ospite un punto d'appoggio per le loro attività criminose. Le autorità inquirenti hanno poi poca esperienza nel contrasto a questo fenomeno, aggiunge al giornale, tanto che negli ultimi dieci anni sono stati arrestati poche decine di mafiosi.

Secondo il rapporto della Rossi risalente al luglio 2019, la mafia italiana, e il particolare la 'Ndrangheta, ha ormai fatto radici in Svizzera. Anche se non la si vede, la 'Ndrangheta è ben presente in Svizzera, aveva spiegato la ricercatrice e giornalista indipendente al giornale romando "Le Temps". Gli arresti di diversi membri della cellula di Frauenfeld (TG) in questi ultimi anni, ne sono la prova. E si tratta solo di una cellula tra altre in Svizzera, in particolare in Ticino, aveva rincarato.

A suo parere, la presenza della mafia è dovuta a due ragioni principali: per essere dimenticati e riciclare denaro. Alcune persone in fuga riescono persino a ottenere un permesso B, come fu il caso di due mafiosi arrestati in Alto Vallese nel 2016. Queste persone restano molto discrete e vivono come tutti, aveva affermato Madeleine Rossi.

Per quanto riguarda le attività della 'Ndrangheta, il riciclaggio è sempre più difficile, ma sempre possibile in Svizzera. Le grandi banche sono sempre più puntigliose a questo riguardo, ma altre sono meno attente. Inoltre anche il settore della ristorazione e quello alberghiero permettono il riciclaggio, aveva sostenuto.

«In Ticino diversi bar sono vuoti tutto il giorno, ma realizzano un giro d'affari importante»: anche se non è una prova, è un indizio importante, secondo la giornalista.

A suo parere, i politici in Svizzera conoscono bene il tema, ma qualche freno importante sembra impedire loro di passare all'azione. La posta in gioco a livello finanziario è infatti molto elevata e alcune professioni ampiamente rappresentate al Parlamento federale ne approfittano, secondo la specialista.

L'espansione della 'Ndrangheta va aumentando e questo sarà anche il caso in Svizzera, aveva aggiunto la Rossi, secondo cui tuttavia non bisognava cadere nella paranoia né stigmatizzare l'intera comunità calabrese o italiana.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-20 05:27:12 | 91.208.130.87