Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
20.11.2020 - 17:330

Il traffico frontaliero con la Germania rimane aperto

Svizzeri esonerati dall'obbligo di quarantena e tampone se non vi restano più di 24 ore. Il motivo del viaggio non conta

AARAU - Contrariamente alla prima ondata di coronavirus in cui la frontiera era rimasta chiusa per diverse settimane, durante la seconda ondata il traffico frontaliero tra la Svizzera e la Germania rimarrà aperto. Lo hanno ribadito in una dichiarazione congiunta i cantoni elvetici di Argovia, Basilea Campagna, Basilea Città, Sciaffusa, San Gallo, Turgovia e Zurigo e il land tedesco del Baden-Württemberg. Nel contempo la cooperazione regionale nella lotta al Covid-19 verrà rafforzata.

L'obiettivo è di trarre degli insegnamenti dalla prima ondata e di proporre un modo di procedere coordinato e mirato tra i due lati della frontiera. È quanto è emerso da un incontro di lavoro online tra una delegazione dei cantoni frontalieri elvetici e il ministro-presidente del land tedesco Winfried Kretschmann (Verdi). Responsabile della delegazione svizzera è stato il consigliere di Stato argoviese Urs Hofmann (PS), indica oggi in una nota la Cancelleria di Stato del canton Argovia.

Va ricordato che anche dopo la decisione di Berlino di inserire, a fine ottobre, l'intera Svizzera sulla lista dei Paesi a rischio coronavirus della Germania, per i cantoni di confine sono state previste deroghe. Ciò significa che le persone provenienti dai sette cantoni di frontiera (AG, BL, BS, SH, SG, TG e ZH) sono esonerate dall'obbligo di quarantena e tampone all'arrivo in Germania se non vi soggiornano più di 24 ore. I motivi del viaggio sono irrilevanti.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-02 19:29:16 | 91.208.130.89