20 Minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SONDAGGIO
ZURIGO
53 min
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
1 ora
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
VALLESE
2 ore
Lonza crea 1200 nuovi posti di lavoro a Visp
Assunte già 650 persone. Nell'impianto vallesano sono in funzione tre linee di produzione per il vaccino di Moderna
SVIZZERA
3 ore
La prima ondata è costata 160 milioni alle case anziani
Alcuni cantoni stanno preparando un piano di sostegno, altri no.
SVIZZERA
5 ore
«Il centro asilanti ci tratta come degli animali»
Sono tre i tentati suicidi registrati negli ultimi otto mesi nella struttura sangallese Sonneblick
SAN GALLO / ZURIGO
13 ore
San Gallo, un arresto e vari controlli
La polizia ha giocato d'anticipo, dopo gli appelli alla rivolta circolati sui social, con una massiccia presenza
GIURA
14 ore
I cavalli in volo nel cielo del Giura
È stato un successo l'esperimento compiuto giovedì e venerdì da veterinari e dall'esercito
SVIZZERA
15 ore
30mila casi al giorno «sarebbero accettabili»
L'importante è vaccinare le persone a rischio, secondo Valentin Vogt. Le cui argomentazioni non convincono tutti
SVIZZERA
15 ore
A caccia di guadagni su OnlyFans, anche a causa della crisi
Una disoccupata, un'assistente di farmacia e un'assistente di cura raccontano la loro esperienza sul social network.
SVIZZERA
19 ore
Vaccino anti-Covid: effetti collaterali in 1'174 casi
Sinora in Svizzera sono state somministrate 1,6 milioni di dosi. Nessuno ha corso pericoli
URI
20 ore
Covid: situazione preoccupante nel Canton Uri
Il Governo locale ha annunciato che potrebbe adottare nuove misure per contenere il virus
BASILEA
10.08.2020 - 11:280
Aggiornamento : 18:23

A processo la 76enne che ha accoltellato un bimbo per strada

In aula anche i genitori del bambino. La donna: «Mi pento ogni giorno di quello che ho fatto»

BASILEA - Al Tribunale penale di Basilea, è iniziato stamane il processo contro una 76enne che nel marzo del 2019 ha ucciso a coltellate un bimbo di sette anni che tornava da scuola, a lei sconosciuto. La donna è stata dichiarata incapace di intendere. L'accusa ha chiesto l'internamento. I dibattimenti dureranno verosimilmente tre giorni.

L'aggressione è avvenuta il 21 marzo verso le 12.45 a poche centinaia di metri di distanza dalla scuola, sul St. Galler-Ring, nel quartiere Gotthelf. Lo scolaro stava rientrando a casa ed era solo sul marciapiede quando è stato accoltellato e gravemente ferito alla gola. La sua insegnante, che stava pure rientrando in bicicletta dopo le lezioni, lo ha trovato a terra e ha immediatamente avvertito i soccorsi. Il bambino è stato sottoposto ha un intervento chirurgico d'emergenza, ma è morto. Poco dopo i fatti l'anziana si è presentata in procura e ha confessato il delitto.

Secondo l'atto d'accusa, l'imputata soffre di disturbo delirante in forma grave e cronica, in particolare di querulomania (o paranoia querulante). Il soggetto si sente continuamente vittima di soprusi ed ingiustizie e pertanto ricorre ripetutamente a varie autorità per ottenere giustizia, spesso con rivendicazioni infondate.

In base a tre perizie, il disturbo si è sviluppato progressivamente dal 1977. Per oltre 42 anni la donna ha scritto lettere sempre più numerose e virulente a diverse autorità. La sue missive riempirebbero almeno dieci scatole di banane. La situazione si aggravata nel 1992 con lo sfratto forzato dall'appartamento di Allschwil (BL) dove viveva con il suo compagno, morto nel 1999, e con la conseguente serie di controversie di diritto civile che l'hanno vista coinvolta.

Dal 2002 in poi, le lettere della donna facevano spesso riferimento all'assassinio. Dal 2016 sono diventate più frequenti le minacce di un non specificato atto di violenza che ci si poteva aspettare in qualsiasi momento se le sue richieste non fossero state soddisfatte e i suoi beni non le fossero stati restituiti. Nell'ultima lettera al Tribunale federale - del 15 marzo 2019, sei giorni prima del delitto - l'anziana scriveva che la Corte suprema voleva che l'atto di violenza richiesto fosse soddisfatto e comprovato.

Oggi in aula la settantaseienne ha ammesso l'uccisione, ma non ha potuto dire perché proprio un bambino dovesse morire. Parlando delle sue decennali controversie con le autorità ha affermato che queste ultime "avrebbero dovuto smettere di darci fastidio e sedersi con noi" per discutere e risolvere il problema.

Ha poi aggiunto che darebbe qualsiasi cosa per poter annullare ciò che ha fatto. E che non ha mai pensato di essere capace di un atto del genere. Era "disperata, sull'orlo di un abisso" e ha agito nella foga del momento. Sono state le autorità a portarla a questo punto, che l'hanno trattata come "selvaggina indifesa". "Me ne pento ogni giorno. Mi dispiace per la famiglia", ha concluso.

Nell'udienza odierna è anche venuto alla luce che la donna aveva già commesso altri reati in passato. Ad esempio, decenni fa era stata condannata per piccoli furti e appropriazione indebita di 80'000 franchi svizzeri - sua madre l'aveva portata davanti al tribunale civile.

Anche i genitori del piccolo ucciso erano presenti in aula. Il loro legale ha chiesto una riparazione morale di 180'000 franchi e un risarcimento di circa 18'700 franchi per le spese di funerale.

Il pubblico ministero di Basilea ha accusato la donna di assassinio e ne ha richiesto l'internamento. L'uccisione del ragazzo è avvenuta per "motivi del tutto egoistici", e l'imputata ha agito con una freddezza quasi insopportabile, ha detto il primo procuratore di Basilea, Alberto Fabbri.

La difesa ha chiesto di respingere le richieste dei genitori e si è pronunciata per una misura di ricovero stazionaria invece dell'internamento. L'imputata rifiuta però il trattamento con i farmaci. "Questo è il mio corpo" e decido io, ha detto. E quando la giudice ha osservato che anche il ragazzo ucciso non ha potuto decidere in merito al proprio corpo, la settantaseienne si è scusata ancora una volta per quanto compiuto, aggiungendo: "Quello che ho fatto è sbagliato, e su questo non dobbiamo discutere".

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-10 13:25:33 | 91.208.130.86