Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Friborgo
8 ore
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
SVIZZERA
10 ore
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
12 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
13 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
13 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
13 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
GRIGIONI
14 ore
Si ribalta dopo un tamponamento
L'incidente è avvenuto nei pressi dello svincolo di Coira Nord. Lievemente feriti i protagonisti.
SVIZZERA
15 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
15 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
16 ore
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
17 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
SVIZZERA
17 ore
La Posta rafforza le misure anti-Covid
Telelavoro, obbligo di mascherina negli ambienti chiusi e nessun festa di fine anno
SVIZZERA
17 ore
Omicron? Questi test la riconoscono
Le verifiche sono state effettuate sui test PCR, antigenici e degli anticorpi.
LUCERNA
17 ore
Toilette neutre nelle scuole lucernesi
L'Esecutivo cittadina raccomanda di accogliere la relativa proposta della socialista Regula Müller
SVIZZERA
18 ore
«La quarantena non ha senso, puntiamo sui test»
Con la diffusione della variante Omicron, in Svizzera sono scattate norme d'ingresso più severe per 23 paesi
SVIZZERA
09.07.2020 - 14:000
Aggiornamento : 16:12

«Un quarto dei casi è importato dall'estero»

Le autorità sanitarie federali affermano che i contagi si stanno stabilizzando

Salario a rischio per chi rientra da un paese a rischio e deve quindi fare dieci giorni di quarantena

BERNA - Dieci giorni di quarantena per chi rientra in Svizzera da un paese considerato a rischio di contagio. E l'obbligo d'indossare la mascherina quando si viaggia a bordo dei mezzi pubblici. Sono queste le principali misure che le autorità sanitarie federali hanno introdotto la scorsa settimana, dopo che il numero delle persone positive al nuovo coronavirus era tornato a salire. Nelle ultime ventiquattro ore, come si evince dai più recenti dati dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), a livello nazionale i nuovi contagi sono stati 88. In totale dall'inizio dell'emergenza si contano 32'501 casi.

Oggi a Berna ha avuto luogo una conferenza stampa tecnica in cui si è stato fatto il punto sulla situazione. Hanno parlato Stefan Kuster (responsabile della Divisione malattie trasmissibili dell'UFSP), Linda Nartey (medico cantonale di Berna), Michael Schöll (vicedirettore dell'Ufficio federale di giustizia) e Oliver Schärli (capo dl settore Mercato del lavoro/Assicurazione contro la disoccupazione in seno alla Segreteria di Stato dell'economia SECO).

«I casi si stanno stabilizzando» - Dopo l'aumento della scorsa settimana, in questi giorni i contagi si stanno stabilizzando, secondo Kuster. «La speranza è che restino a questi livelli con il rispetto delle disposizioni». Attualmente l'indice R0 è di 1,38: questo significa che una persona infetta trasmette il virus a 1,38 persone.

Più diffuso nei grandi cantoni - Attualmente i casi si registrano in particolare nei grandi cantoni come Zurigo, Vaud, Argovia, Berna e San Gallo. E i contagi avvengono nelle discoteche, ma anche in altre situazioni in cui si verificano degli assembramenti, come funerali o sul posto di lavoro. Un quarto dei casi è importato dall'estero.

Il contact tracing «funziona» - Il medico cantonale bernese, Linda Nartey, ha parlato del contact tracing. «Complessivamente il sistema funziona, ma ci sono situazioni in cui non è abbastanza efficace». Si tratta per esempio di quei casi in cui non sono disponibili i contatti corretti, che portano a un ritardo nella comunicazione. «Inoltre negli ultimi giorni sul fronte del contact tracing è aumentato il carico di lavoro, anche a causa di cittadini che rientrano dall'estero». Non mancano inoltre le situazioni, secondo il medico cantonale, in cui le autorità che si occupano del contact tracing vengono «insultate» dai cittadini. Nartey ha invitato la popolazione a continuare a mantenere le distanze e a seguire le accresciute norme igieniche. E anche di evitare viaggi nei paesi a rischio.

Quarantena e salario: «Una questione da chiarire» - Michael Schöll ha cercato di chiarire alcuni dubbi sulla quarantena e il rapporto con il datore di lavoro. «Se il dipendente è malato o se ha la possibilità di lavorare da casa durante la quarantena, il salario è garantito». Ma se il collaboratore deve per forza essere presente sul posto di lavoro, la questione è più complicata: «C'è chi ritiene che nonostante la quarantena il salario debba essere versato, chi invece ritiene che non sia da versare». Ma allo stato attuale «non è possibile dire quale opinione sia quella corretta».

Viaggi vietati? - E il datore di lavoro può vietare i viaggi in determinati paesi? Schöll ha detto che è una questione privata del dipendente. Ma se ci si reca consapevolmente in un paese a rischio e quindi al rientro bisogna restare in quarantena per dieci giorni, «c'è effettivamente il rischio che il salario non venga versato».

Calo della disoccupazione - Attualmente - lo ha affermato Oliver Schärli della SECO - sul mercato del lavoro ci sono circa 150'000 disoccupati. Sono meno rispetto al mese precedente, ma comunque 53'000 in più rispetto a un anno fa. «È un effetto degli allentamenti delle disposizioni ma anche dell'economia elvetica che sta resistendo». Secondo l'esperto «con cauto ottimismo» si assiste a una ripresa. Per il lavoro ridotto, sinora è stato versato circa un miliardo di franchi a favore delle aziende che ne fanno uso, molto meno del previsto.

Mancato rispetto della quarantena - Per quanto riguarda il rispetto della quarantena al rientro da paesi a rischio, al momento le autorità si rifanno alla responsabilità individuale. E non tutti rispettano la misura. Cambierà qualcosa? «Non è possibile controllare tutte le persone che arrivano in Svizzera, ma sono previsti dei controlli a campione» ha sottolineato Kuster.

Swisscovid: un milione di utenti - Al momento l'app per il tracciamento dei contatti è attiva su circa un milione di smartphone elvetici. Le autorità invitano nuovamente i cittadini a scaricarla e utilizzarla. «Un milione? È un buon numero, ma si può fare meglio» dice Kuster. E aggiunge: «Stiamo facendo tutto il possibile perché gli utenti aumentino». Ogni singolo utente - ha ricordato - si rende utile alla comunità.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 08:06:13 | 91.208.130.86