Keystone
Il Popolo non voterà sul modello. In lizza ci sono anche i Super Hornet della Boeing (foto d'archivio)
BERNA
31.05.2020 - 14:050

Berna assicura: i caccia costeranno meno del previsto

Armasuisse stima spese più basse anche di 6 miliardi rispetto a quanto calcolato dagli oppositori.

BERNA - Il Dipartimento federale della difesa stima costi complessivi di 18 miliardi di franchi per i nuovi aerei da combattimento. Oltre ai costi di acquisto previsti, pari a 6 miliardi di franchi, vi saranno altri 12 miliardi di franchi per l'intera durata di esercizio dei caccia. Lo ha reso noto l'Ufficio federale dell'armamento (Armasuisse) alla SonntagsZeitung.

Il portavoce di Armasuisse Kaj-Gunnar Sievert ha dichiarato a Keystone-ATS, che le ipotesi si basano su dati empirici di oltre vent'anni di attività dell'attuale flotta di F/A-18.

«Come regola generale, i costi di esercizio calcolati su 30 anni dovrebbero essere circa il doppio del prezzo di acquisto», ha detto il portavoce di Armasuisse. Al momento non è ancora possibile effettuare calcoli precisi. Non sono stati determinati né il tipo né il numero dei nuovi aerei. Il Consiglio federale dovrebbe prendere la decisione sul tipo di caccia all'inizio del 2021.

«L'annuncio della stima del governo federale è stato preceduto da discussioni in politica sui costi del ciclo di vita dei jet. In alcuni casi sono stati menzionati importi molto superiori ai 18 miliardi di franchi svizzeri. Gli oppositori all'acquisto di nuovi caccia, a volte, hanno stimato costi di circa 24 miliardi di franchi», afferma Sievert. Una differenza, insomma, di anche 6 miliardi di franchi rispetto a quanto valutato da Berna. «In parte si riferivano a calcoli effettuati dalle autorità in Germania e in Canada», aggiunge. 

Il Popolo vota a fine settembre - Consiglio federale e Parlamento intendono acquistare dal 2025 nuovi aerei da combattimento per sei miliardi di franchi che dovrebbero sostituire l'attuale flotta di F/A-18- e Tiger. Poiché il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSoA), il PS e i Verdi hanno lanciato un referendum che ha raccolto più di 53'000 firme, il popolo sarà chiamato a esprimersi il 27 settembre.

Gli svizzeri non voteranno né sul modello di aereo né sul numero si velivoli, ma solo sul principio dell'acquisto. Attualmente le autorità stanno ancora valutando i vari tipi di jet che dovrebbero sostituire i 26 Tiger e i 30 F/A-18 dell'esercito. In lizza ci sono il francese Rafale (Dassault), l'europeo Eurofighter (Airbus) e due aerei americani: il successore dell'F/A-18, il Super Hornet di Boeing, e l'F-35A di Lockheed-Martin.

Il primo aereo dovrebbe essere consegnato a partire dal 2025. Nel 2030, una volta completata la nuova flotta, i vecchi F/A-18 e i rimanenti Tiger saranno ritirati.
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-02 10:47:57 | 91.208.130.85