Keystone (archivio)
VALLESE
18.02.2020 - 14:180

Un lustro per smantellare la raffineria di Collombey-Muraz

I lavori di bonifica e risanamento dei terreni costeranno circa quattro milioni di franchi a Tamoil

SION - Lo smantellamento della raffineria vallesana di Collombey-Muraz, proprietà di Tamoil, inizierà nel corso del secondo semestre del 2020. Si procederà in due fasi e la durata totale dei lavori dovrebbe essere di cinque anni.

La raffineria fu chiusa nel 2015 e circa 230 persone persero il lavoro. Allora il canton Vallese aveva dato un termine di 5 anni a Tamoil per decidere su un eventuale riutilizzo in ambito petrolifero del sito, ma la società ha stabilito lo scorso anno di non voler più riaprire e ha annunciato lo smantellamento del sito.

«Abbiamo ricevuto una cinquantina di offerte per riavviare le attività petrolifere, ma nessuna di queste è stata ritenuta seria», ha indicato oggi il direttore di Tamoil Svizzera, Stéphane Trachsel, in conferenza stampa.

Inizialmente si procederà allo smantellamento di oltre una cinquantina di serbatoi e cisterne presenti sul sito, che occupano un volume di 461'000 metri quadri. In seguito saranno un altro migliaio di strutture e attrezzature - tra cui tubi e materiali in acciaio - a venir smontate gradualmente. Alcune di queste potrebbero essere acquistate da altre società e trasferite in diverse parti del mondo, ha precisato Trachsel.

«Questo sito non è più un peso ma un'opportunità, considerata la superficie a disposizione (116 ettari in totale) in zona industriale», ha dal canto suo commentato Yannick Buttet, sindaco di Collombey-Muraz ed ex consigliere nazionale (PPD). L'obiettivo, ha aggiunto, è di riportare attività economiche nel comune e creare più posti di lavoro di quanti non ne siano andati persi con la chiusura della raffineria. Tuttavia, rimane ancora da definire l'utilizzo futuro del sito.

I lavori di bonifica e di risanamento dei terreni, già iniziati lo scorso anno, dovranno essere portati a termine da Tamoil entro il 2028. I costi in questo ambito si aggirano attorno ai quattro milioni di franchi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-28 21:33:39 | 91.208.130.85