deposit
SVIZZERA
15.10.2019 - 12:040
Aggiornamento : 13:33

Anche con un pomodorino o un chicco d'uva si può morire

L'Ufficio prevenzione infortuni mette in guarda sul rischio di soffocamento dovuto ad alimenti di piccole dimensioni per i bambini

BERNA - Può un pomodoro ciliegino rappresentare un pericolo mortale? La prima risposta che verrebbe da dare è no. Ed invece il rischio per i bambini piccoli di soffocare con alimenti di questa dimensione è molto reale, mette in guardia l'Ufficio prevenzione infortuni (Upi). 

Da un sondaggio emerge che circa il 90% della popolazione svizzera è a conoscenza del rischio che rappresentano le biglie o le noccioline per i bambini piccoli. Tuttavia, molti sottovalutano il pericolo di soffocamento costituito da numerosi altri alimenti. Quasi un terzo delle persone intervistate (31%) crede che mangiare un pomodorino ciliegino non sia pericoloso per i bambini nella prima infanzia, mentre il 23% sottovaluta il rischio rappresentato da un chicco d’uva.

Pomodorini e uva, ma non solo - Chi ha bambini o si occupa spesso di bambini non necessariamente possiede una maggiore consapevolezza del pericolo. Se nelle economie domestiche senza bambini il 61% delle persone giudica i pomodorini ciliegini pericolosi per i bambini piccoli, nelle economie domestiche con bambini sotto i 6 anni il tasso corrispondente non è molto più alto (64%). Gli esperti mettono in guardia anche da wienerli, croste di pane, carote o piccoli pezzetti di mela.

Due morti all'anno - In Svizzera ogni anno due bambini sotto i cinque anni muoiono a causa di un soffocamento, una media invariata da anni. L’UPI raccomanda quindi di conservare fuori dalla portata di mano dei bambini piccoli gli oggetti e gli alimenti di dimensione inferiore a una pallina da ping pong. Inoltre, i bambini più grandi andrebbero resi attenti al fatto che i piccoli non devono ricevere questo tipo di alimenti né giocare con oggetti piccoli.

Attenzione alla vasca da bagno - Per quanto riguarda gli incidenti mortali per annegamento nei bambini, questi si verificano con una frequenza del tutto simile. Anche questo rischio viene spesso sottovalutato dagli adulti, visto che un terzo di loro è convinto che un bambino piccolo possa essere lasciato da solo nella vasca da bagno in presenza di fratelli più grandi. In acqua i piccoli devono tuttavia essere sotto la sorveglianza permanente di un adulto nell’immediata vicinanza. I bambini possono infatti scivolare nell’acqua in modo del tutto inaspettato, e annegare silenziosamente nell’arco di pochi secondi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-29 04:07:19 | 91.208.130.86