Cerca e trova immobili

IL SORPASSO A... DUE RUOTEMarquez-Honda, matrimonio ai titoli di coda

28.09.23 - 17:32
La bomba potrebbe scoppiare al Motegi
Imago
Marquez-Honda, matrimonio ai titoli di coda
La bomba potrebbe scoppiare al Motegi
Lo spagnolo è pronto a firmare per la Ducati.
SPORT: Risultati e classifiche

MOTEGI - Lo scenario impossibile, il divorzio sul quale un tempo nessuno avrebbe mai scommesso, l’addio fino a pochi mesi fa considerato più improbabile che mai. Al di là del logoramento dettato dalla mancanza di risultati, dalla frustrazione di non essere più il pilota di riferimento della griglia, dell’incapacità di reagire con inventiva ed efficacia da parte del maggior costruttore di moto del mondo e delle minacce di cambiare aria proferite sempre più spesso, l’idea che Marquez a un certo punto della sua carriera dicesse davvero addio a mamma Honda sembrava quasi fantascienza. Anche tenendo conto di quei 25 milioni di ingaggio annuale che fanno di Marc il Paperone indiscusso del Motomondiale.

E va bene che in questi anni di soldi lo spagnolo ne ha guadagnati tantissimi e lui e i suoi discendenti avranno di che vivere senza problemi per qualche generazione, ma rinunciare così facilmente a un contratto del genere non rappresenta comunque una decisione facile. E invece, con grandissima probabilità, in quel di Motegi, nel fine settimana del GP del Giappone, si consumerà il grande divorzio. 

Stufo di mille promesse mai concretizzate e, soprattutto, di non riuscire più a vincere – la vera droga per uno sportivo di alto livello – l’iberico darà l’addio alla HRC per passare alla grande rivale delle ultime stagioni, quella Ducati dove era già andato in avanscoperta in questa stagione il fratellino Alex.

ImagoAl di là del logoramento dettato dalla mancanza di risultati, dalla frustrazione di non essere più il pilota di riferimento della griglia...

Un anno di contratto, il massimo per cui Marquez ha voluto impegnarsi, nel team Gresini, prima di traslocare ancora nel 2025, questa volta verso la KTM, il vero (e sempre meno segreto) punto di arrivo nei piani originali. Un anno di contratto che per la Ducati rischia di rivelarsi un autogol. Perché mettersi in casa un pilota sopportato a fatica da tutti gli altri, uno che non ha mai dimostrato di saper fare altro oltre a pensare a sè stesso, rischia davvero di distruggere quella armonia che oggi, con tre piloti di tre squadre a giocarsi il Mondiale (Francesco Bagnaia, Jorge Martin e Marco Bezzecchi), sembra inscalfibile.

È una situazione win-win per Marquez, che potrà studiare a fondo i punti di forza della Desmosedici. È un disastro per la Honda, che perde la stella più luminosa del suo firmamento e, con tutti i piloti ormai già accasati per la prossima stagione, si trova con un vuoto enorme nel box impossibile da colmare.

Al posto di Marc, molto probabilmente arriverà Johann Zarco, il francese oggi in Pramac che fino a un mese fa era già felice di correre per le prossime due stagioni con la squadra di Lucio Cecchinello e che adesso, come in una favola a lieto fine, vedrà srotolato davanti a sé il tappeto rosso che vale il team ufficiale. Mentre in LCR sembra destinato dalla Superbike Iker Lecuona. Con buona pace del povero Cecchinello, che dopo avere dovuto fare a meno per quasi tutta la stagione di Alex Rins, infortunatosi al Mugello, in questi giorni probabilmente sta versando le ultime lacrime che gli sono rimaste.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

F/A-19 8 mesi fa su tio
E se invece diventa un pilota Ducati e ricomincia a vincere? Poi qualcuno dovrà rivedere certe dichiarazioni......., staremo a vedere.

comp61 8 mesi fa su tio
ma ragazzi.... Se dovete scrivere un articolo almeno informatevi!!! MM non rilascerà dichiarazioni in merito. Non qui a motegi almeno.

Mrdyd 8 mesi fa su tio
Che delusione la Ducati! Il pilota più scorretto di sempre spero sia una notizia fake

cle72 8 mesi fa su tio
Sinceramente non capisco la scelta di Ducati. Avrei puntato su Bezzecchi. Ha fatto vedere di che pasta è fatto con la Ducati 2022. Marquez non merita la Ducati.

Righe76 8 mesi fa su tio
Che sfortuna! Unica nota positiva è che si tratta di un passaggio « obbligato » e che speriamo appunto non duri più di 1 anno! Invece in KTM sarebbe proprio interessante..stiamo a vedere…
NOTIZIE PIÙ LETTE