Cerca e trova immobili

HCAP«Ci auguriamo che Senn possa assumere ad Ambrì il medesimo ruolo che ha avuto Conz»

29.11.23 - 19:00
Il direttore sportivo dell'Ambrì Paolo Duca si è espresso sull'acquisto di Senn e sulla partenza di Conz
TiPress
«Ci auguriamo che Senn possa assumere ad Ambrì il medesimo ruolo che ha avuto Conz»
Il direttore sportivo dell'Ambrì Paolo Duca si è espresso sull'acquisto di Senn e sulla partenza di Conz
Nel 2017 Senn è stato selezionato al quinto turno dai New Jersey Devils, disputando due partite in NHL nella stagione 2019/2020.
HOCKEY: Risultati e classifiche

AMBRÌ - Alla fine ciò che era nell'aria si è materializzato: Benjamin Conz saluterà l'Ambrì a fine stagione e il suo posto nella gabbia biancoblù - da dividere evidentemente con Janne Juvonen - sarà preso da Gilles Senn, con cui i leventinesi si sono legati tramite un accordo biennale.

«In passato Conz aveva già espresso il desiderio di tornare nel Canton Giura, ma allo stesso tempo non ha nemmeno mai escluso di rimanere con noi - ci ha detto il direttore sportivo dell'HCAP Paolo Duca - Con lui i dialoghi sono sempre stati schietti. Ad ogni modo per noi è importante aver messo sotto contratto un portiere come Senn, classe 1996 con davanti a sè - almeno lo speriamo - i migliori anni della sua carriera. Se con Conz ci abbiamo riprovato dopo il suo ottimo avvio di stagione? Le discussioni sono sempre state aperte, ma alla fine si è arrivati a questa conclusione».

Con Senn - che nel 2019/20 aveva pure assaggiato la NHL - giunge ad Ambrì un portiere che sembra avere ancora tanto potenziale da esprimere.
«Evidentemente ce lo auguriamo. A Davos in questi anni si è trovato davanti a sé un Sandro Aeschlimann strepitoso. Da parte nostra, auspichiamo che Senn possa assumere ad Ambrì il medesimo ruolo che ha avuto Conz nel suo periodo in Leventina».

Visto l'importante valzer delle ultime settimane, Senn era sicuramente uno dei portieri migliori che il mercato offriva...
«Da un punto di vista anagrafico Gilles è chiaramente un'ottima alternativa. Inoltre è cresciuto in Vallese ed ha giocato sempre a Davos, in un contesto montanaro come il nostro. Alla luce di ciò crediamo che non avrà problemi di ambientamento. Confidiamo dunque che possa avere la stoffa per ricoprire un ruolo determinante. Lo ribadiamo: la strategia è quella di avere due portieri forti, pronti per giocare ogni sera».

Un plauso a Conz, che in Leventina ha sempre accettato il suo ruolo...
«Assolutamente sì. Conserverò sempre un ottimo ricordo di lui, visto che è stato il primo portiere che abbiamo portato ad Ambrì nella nostra gestione. Lo stesso sono sicuro che valga per lui, dato che un periodo molto importante della sua carriera l'ha vissuto con noi. Sono dunque certo che ci sarà sempre riconoscenza reciproca».

COMMENTI
 

adri57 2 mesi fa su tio
Conz, nelle interviste rilasciate ai microfoni, non l’ho mai sentito esprimersi in italiano. Peccato! Per il resto grazie e auguri per il futuro.

Luag 2 mesi fa su tio
Grande Conz! E complimenti alla Società per sincerità, per la doverosa riconoscenza a Conz e per la nuova scelta tecnica!
NOTIZIE PIÙ LETTE