Immobili
Veicoli
TiPress/archivio
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
SERIE A
6 ore
Cagliari in B, ma quanti rimpianti. Si salva la Salernitana
I sardi non sono riusciti ad andare oltre lo 0-0 a Venezia.
TAMPERE & HELSINKI
7 ore
La Svizzera fa sei su sei: Francia ribaltata
Continua il percorso netto dei rossocrociati, che hanno piegato 5-2 i francesi di Philippe Bozon.
TENNIS
9 ore
Roland Garros, Bencic detta legge
Netta vittoria della sangallese, che nei 1/64 si è sbarazzata dell'ungherese Jani in due set.
SERIE A
9 ore
Milan campione d'Italia, non succedeva da undici anni
Milano è rossonera: con il 3-0 di Reggio Emilia la squadra di Pioli ha potuto festeggiare la conquista del titolo
PREMIER LEAGUE
10 ore
Folle finale in Premier: il City è campione
La squadra di Guardiola rimonta dallo 0-2 al 3-2 tra il 76' e l'81'. Vano il successo del Liverpool.
TAMPERE & HELSINKI
11 ore
La Germania vince ancora
I tedeschi piegano il Kazakistan (5-4) e piazzano il quinto successo filato. Martedì c'è la sfida con la Svizzera.
CICLISMO
12 ore
Giro d'Italia, 15esima tappa: trionfo di Giulio Ciccone
Grande prova di forza dell'abruzzese nei 178 km fra Rivarolo e Cogne
FORMULA 1
12 ore
Verstappen vince e balza in vetta al Mondiale: fuori Leclerc
Il pilota della Red Bull trionfa al Montmeló e approfitta del ritiro di Leclerc per problemi alla sua Ferrari.
TENNIS
12 ore
Teichmann travolgente al Roland Garros
La rossocrociata vola agevolmente al secondo turno
SERIE A
14 ore
Il Napoli chiude con un tris allo Spezia
Gli uomini di Spalletti passano al Picco (3-0) e chiudono a quota 79 punti.
HCL
31.03.2020 - 13:010
Aggiornamento : 22:00

«Julien Vauclair lasciava il segno. Non ricordo nemmeno un Lugano senza di lui»

Vicky Mantegazza, presidente del Lugano: «Doveroso ritirare la maglia numero 3. Coronavirus? Dura fermarsi di colpo»

LUGANO - Conclusa in maniera brusca e inaspettata la sua 20esima stagione in riva al Ceresio, Julien Vauclair è arrivato anche al termine della sua carriera, vissuta tra mille emozioni e tutta a tinte bianconere. Autentica bandiera entrata nel cuore dei tifosi, “Julio” verrà omaggiato dalla società, che ieri ha comunicato una notizia attesa. «Sarà strano non vedere più il numero 3 caracollare con energia da un lato all’altro della pista, ma la sua maglia resterà per sempre appesa alla Cornèr Arena e nessun altro giocatore potrà mai più indossarla». 

Insomma il giurassiano entra ancor di più nella schiera degli indimenticabili del mondo bianconero, in attesa che la vita torni alla normalità e si possa celebrare l’evento come si deve. «Esattamente, organizzeremo qualcosa all'altezza - interviene Vicky Mantegazza, presidente del Lugano - Mi fa male al cuore pensare a come ha finito un giocatore come lui, con un derby a porte chiuse e i playoff giustamente cancellati per l’emergenza coronavirus».

Ritirare il numero 3 è stata una decisione semplice.
«Se non si ritira una maglia così… allora non se ne ritirano più (ride, ndr). Julio è diventato la bandiera bianconera per eccellenza. Non ha raggiunto le 1000 presenze anche per i tanti infortuni, ma ha giocato una vita con noi. Faccio fatica a immaginare il Lugano senza di lui e, in realtà, non ricordo nemmeno com’era».

Julien Vauclair è stato “adattato” dal nostro Cantone. Con il Lugano ha giocato 939 partite condite da 291 punti (115 gol): 2 i titoli messi in bacheca.
«È arrivato a 16 anni e, come dice sempre, ha vissuto più in Ticino che nel canton Giura… ormai si sente ticinese al 100%. Siamo felici che adesso potrà rimanere nella famiglia bianconera come responsabile per lo scouting». 

Tante vittorie, tante soddisfazioni: c’è un momento particolare nei ricordi di Vicky Mantegazza?
«Su tutti il gol nel 2006 che lanciò la nostra rimonta nei quarti di finale contro l’Ambrì. Capovolta quella serie, andammo a vincere il titolo. Di lui ricordo anche un gran gol nei playout contro il Rapperswil, in un momento di difficoltà. Ci aveva tolto un peso dallo stomaco. Ci ha sempre deliziato con reti importanti, che lasciano il segno. Questo fa anche la differenza tra i giocatori “normali” e i campioni. Era sempre pronto a dare qualcosina in più». 

Tornando alla stretta attualità, Vicky Mantegazza come sta vivendo la lotta al Covid-19?
«Mentalmente e moralmente sono momenti anche difficili. Sono abituata ad andare a cento all’ora, fermarsi di colpo è stato complicato. Non sono abituato a questo genere di vita. Ho dormito i primi due-tre giorni… ma ora non sono neanche più stanca. Lavoro da casa e guardo qualche serie tv, poi mi diletto con i Lego Technic (ride, ndr). Quando è bel tempo sfrutto il giardino per stare all’aperto e curare un po’ l’orto. Una serie da consigliare ai lettori? Direi “Suits”, in questo momento la sto guardando e mi piace».

HOCKEY: Risultati e classifiche

TiPress/archivio
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zarco 2 anni fa su tio
Hai dato molto (preso anche molto, sia chiaro), ma il ritiro logico e forse un po’ in ritardo ....
polonord 2 anni fa su tio
Grazie Julien. Ci hai fatto vivere grandi emozioni !
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-23 05:25:36 | 91.208.130.86