Immobili
Veicoli

MERCATOChelsea in pole per Ronaldo? Tuchel non fa salti di gioia

10.07.22 - 15:35
Cristiano Ronaldo al Chelsea? Solo perché il patron Boehly desidera una figurina
Imago
Chelsea in pole per Ronaldo? Tuchel non fa salti di gioia
Cristiano Ronaldo al Chelsea? Solo perché il patron Boehly desidera una figurina
Niente tournée asiatica con il Manchester United per il portoghese.

MANCHESTER - È rimasto in famiglia al posto di partecipare alla (milionaria) tournée asiatica del Manchester United e in più sta facendo litigare almeno un paio di allenatori: Cristiano Ronaldo sta vivendo da protagonista, non certo positivo, il luglio pallonaro.

Alla base di ogni peripezia, c’è la decisione del portoghese di cambiare aria: di chiudere la sua seconda avventura con i Red Devils nemmeno dodici mesi dopo averla cominciata dopo aver salutato in fretta e furia la Juventus. Questo perché, agli sgoccioli della carriera, il campione di Madeira vuole giocare la Champions League e desidera muoversi in un contesto in cui possa sentirsi ancora una prima donna.

Comprensibile, per certi versi, nonostante il contratto ancora in essere con lo United impegnatosi a versargli 26 milioni di sterline fino al prossimo giugno.

E per una volta i soldi non sono il problema. Per l’assenza dal giro promozionale tra Thailandia e Australia, un affronto nell’era di marketing e fidelizzazione, CR7 non vedrà infatti il proprio conto corrente piangere. E non lo vedrà intristirsi nemmeno nel caso di cambio squadra: il suo (enorme) stipendio sarà garantito anche dall’eventuale nuovo club. Il problema è il campo, è tecnico. 

Erik ten Hag, che su Ronaldo contava pur senza considerarlo centrale nei nuovi Red Devils, si è detto infastidito per non essere stato avvisato della richiesta di cessione. Thomas Tuchel, mister di quel Chelsea in corsa per assicurarsi i servigi del lusitano, si è invece mostrato incerto. Secondo i media britannici, per i suoi Blues il tecnico tedesco vorrebbe impostare un gioco flessibile ispirato a quello del Liverpool di Klopp. Una manovra nella quale i tre lì davanti possano muoversi con fluidità andando a occupare, a seconda dello sviluppo dell’azione, zone diverse di campo. E con CR7 in rosa, totem inarrestabile ma anche ingombrante, questo non sarebbe possibile.

Perché allora la società di Stamford Bridge si è messa sulle tracce del 37enne? 

Niente che c’entri con il pallone: si tratta di visibilità, di affari. Todd Boehly, il nuovo proprietario del club, punta infatti molto sulla “spendibilità” del marchio-Chelsea. E quale testimonial migliore di Cristiano Ronaldo potrebbe trovare sul mercato?

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT