Keystone (foto archivio)
+3
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
HCAP/HCL
10 min
Così non basta, l'Ambrì deve reagire e ripartire
Troppo "vulnerabili", nei Grigioni i biancoblù non hanno convinto. Il Lugano, incerottato, ha mostrato carattere.
NATIONAL LEAGUE
1 ora
Colpo NHL per il Ginevra: ecco Vatanen
Il difensore finlandese si è accordato con le Aquile fino al termine della corrente stagione.
AUTOMOBILISMO
11 ore
Marciello sul podio a Valencia
Ultimo weekend di corse nella serie Sprint del GT World Challenge
TENNIS
12 ore
Il Team Europe domina e stravince la Laver Cup
Tutto troppo facile per Rublev, Zverev&Co, che a Boston hanno travolto il Team World.
SERIE A
13 ore
Il Napoli vola e fa 6 su 6
I partenopei di Spalletti sono da soli in vetta a punteggio pieno.
SERIE A
16 ore
Sarri batte Mou: la Lazio gode nel derby di Roma
Immobile e compagni si sono imposti 3-2.
AUTOMOBILISMO
16 ore
Alex Fontana campione Silver Cup Sprint nel GT World Challenge Europe
Grande gioia per il ticinese: «Ce l'abbiamo fatta»
NUOTO
17 ore
Noè Ponti torna in Ticino
Il nuotatore, bronzo alle recenti Olimpiadi, ha deciso di interrompere il suo percorso in America.
SUPER LEAGUE
17 ore
Il Basilea si aggiudica il big match, Zurigo ko
I renani hanno sconfitto 3-1 i tigurini, ai quali non è bastato il rigore trasformato da Marchesano.
HOCKEY FEMMINILE
17 ore
Eggimann regala il successo alle Ladies
A poche ore dal successo sul Neuchâtel, le ragazze di Benjamin Rogger si sono imposte 5-4 sul ghiaccio di Zurigo
HCAP
18 ore
Ambrì rimontato a Davos: quarta sconfitta di fila
Autori di un’ottima prima frazione, i biancoblù sono affondati nei due terzi successivi.
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
01.04.2020 - 08:000
Aggiornamento : 19:20

Il difensore non si farà (forse) convincere a lasciare il Real

I Blancos e il 34enne trattano il rinnovo.

Arno Rossini: «Un cambio di maglia? Non credo».

MADRID - Lo stop a partite e tornei non ha del tutto azzerato il mondo del pallone. Le trattative – a volte suggestioni, a volte anticipazioni – stanno infatti continuando nonostante molti non possano o vogliano uscire dalle mura domestiche. Una delle più strillate è quella che vede Sergio Ramos trattare il rinnovo con il Real Madrid. A 34 anni (appena) compiuti, il difensore si appresta a firmare l'ultimo grande contratto di una carriera che dovrebbe chiudersi al Santiago Bernabeu. Di certezze però ce ne sono poche. Una di queste riguarda la scadenza dell'attuale accordo, che evaporerà il 30 giugno 2021. Non proprio dietro l'angolo, certo, ma neppure così lontana da non permettere al giocatore di avere il coltello dalla parte del manico. Perché il matrimonio continui toccherà alla dirigenza delle Merengues fare il primo passo...

«Stiamo parlando di un grande giocatore, sicuramente uno dei migliori degli ultimi 20 anni nel suo ruolo – è intervenuto Arno Rossini – Ramos non brilla forse a livello tecnico, però ha un senso della posizione fantastico ed è eccezionale negli inserimenti in attacco. Poi è un leader...».

Uno di quelli capaci di farsi ascoltare da tutti?
«Ne sono sicuro. Nello spogliatoio il suo peso si sente eccome».

Tutti motivi validi per spingere il Real al rinnovo.
«Non credo che a Madrid vogliano privarsi di un calciatore del genere. Questo nonostante Zidane stia portando avanti un programma di ringiovanimento della rosa».

Ma non è Zizou che firma i contratti.
«Questo è vero, anche se credo che si muova in sintonia con la dirigenza. E poi, se sta bene, come fai a lasciare fuori Ramos?».

Non puoi. Ma lui avrà voglia di continuare con i Blancos?
«È lì da 15 anni, è uno dei simboli del club e ha la possibilità - una volta chiusa la carriera - di passare direttamente a condurre una squadra del Settore giovanile o di andare a occupare una poltrona dirigenziale. Magari quella destinata al direttore sportivo. Perché cambiare?».

Per soldi, magari?
«Al Bernabeu ne prende e, penso, ne prenderà molti. E poi è già ricchissimo. Credo che in questo momento per lui siano altre le cose che contano».

Per ambizione. Magari per tornare a vincere la Champions.
«A Madrid può farlo».

Le Merengues non sembrano più una superpotenza a livello europeo.
«Forse non sono più in pole position per la vittoria della coppa, ma di sicuro sono tra le sei, sette squadre migliori del continente. In Europa non sono molti a poter ambire al successo finale. Il Real c'è sempre. Per storia, tradizione e anche qualità».

Un cambio per tentare una nuova sfida?
«Con un'altra maglia proprio non lo vedrei. Per lui si potrebbero muovere le big delle altre nazioni. In Premier, Ligue1, Bundesliga e anche Serie A farebbero carte false per ingaggiarlo, per sfruttare i due anni buoni – almeno – che gli rimangono ad alto livello. Ma se non è lui che vuol tentare...».

Solo guardando alla Liga, sono due le “colonne” che negli ultimi anni hanno mollato un'amante storica. Ronaldo e Godin. Perché quindi non potrebbe succedere anche con il difensore delle Merengues?
«Può accadere, certo; secondo me è tuttavia estremamente difficile. A differenza di quei due campioni, uno portoghese e uno uruguaiano, a Madrid Ramos è a casa. È nella sua Spagna. È una bandiera. Cambiare? Non succederà, vedrete».

CALCIO: Risultati e classifiche

Keystone (foto archivio)
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 12:10:37 | 91.208.130.85