Keystone, archivio
+4
SERIE A
23.03.2020 - 23:380
Aggiornamento : 24.03.2020 - 12:37

«Il dramma di Bergamo è dovuto anche ad Atalanta-Valencia»

Il Papu Gomez: «È stato terribile giocare queste partite, ma non si conosceva ancora la gravità del Covid-19»

Fonte Olé/Gazzetta dello Sport
elaborata da Christian Botta
Giornalista

BERGAMO (ITALIA) - Il fantasista argentino dell'Atalanta - Alejandro Gomez - si è espresso in merito all'emergenza legata al coronavirus, che ha soprattutto colpito la città di Bergamo.

«È stato terribile disputare gli ultimi incontri, non avremmo dovuto», è intervenuto proprio il Papu. «Purtroppo in quel periodo non si conoscevano molti casi e nessuno aveva ancora capito cosa era in grado di fare questo virus. Non sapevamo quale fosse la sua gravità. Penso che la situazione drammatica di Bergamo sia dovuta anche alla partita d'andata con il Valencia, visto che a San Siro c'erano 45 mila bergamaschi su 120 mila abitanti(...) Quando siamo invece andati a Valencia erano tutti rilassati e non c'erano controlli, mentre allo stato attuale la Spagna è il secondo Paese in Europa con più persone infettate(...). Fortunatamente per ora in squadra nessuno ha mostrato sintomi(...)».

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (UEFA / HO)
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Arminda Armi 6 mesi fa su fb
La partita Atalanta Valencia è stata giocata il 19 febbraio a San Siro e si sapeva , si sapeva molto bene che c era la pandemia con elevato rischio di contagio. Chi afferma il contrario vada a rileggersi i giornali . Che poi a seguito di questo accalcarsi di persone ,prima e dopo la partita ,si sono contagiati molti spagnoli e non è un caso ,che proprio a Valencia sia esploso un focolare di pandemia . Io ho solo commentato l articolo di TIO e mi sono limitata a quanto contenuto nello stesso, che poi a qualcuno dia fastidio e scriva di piantarla di guardare sempre gli altri , non cambia la sostanza delle cose. Quando commenteremo gli articoli che riguardano casa nostra , mi limitero* a quelli e non cerchero* di mischiare le carte per giustificare nulla . Ognuno ha le proprie responsabilità, ma io sono responsabile di cosa dico ,e non di quello che gli altri capiscono.
Jo Pedroni 6 mesi fa su fb
Io ero a Bergamo il sabato e a San Siro il mercoledì per Atalanta Valencia.... non si sapeva nulla quindi...
Monica Boffelli 6 mesi fa su fb
Jo Pedroni certo che si sapeva come lo di sapeva quando è partito il carnevale .
Monica Boffelli 6 mesi fa su fb
Ma ancora con sta storia ?? Ognuno guardi a casa sua vogliamo parlare del Rabadan a Bellinzona o delle varie Risottate !! Non è che da noi se fatto meglio in quel momento così delicato perché si vedeva cosa stava succedendo .. ma la finiamo di guardare sempre gli altri ? Guardiamo in casa nostra ciò che è stato sottovalutato .
Daniele Della Bruna 6 mesi fa su fb
Monica Boffelli è una notizia ripresa dalla gazzetta...
Monica Boffelli 6 mesi fa su fb
Daniele Della Bruna si sì e da una settimana che va la ripropongono
Jo Pedroni 6 mesi fa su fb
Monica Boffelli nessuno poi lo sapeva...
Damiano Iannino Schipilliti 6 mesi fa su fb
L incubo Ticino rabadan risottate e scuole aperte
Arminda Armi 6 mesi fa su fb
In concreto cosa vorrebbe dire, che la colpa sia dei scarsi controlli a Valencia ? Oppure al fatto che si sia giocato a San Siro ,in Lombardia ,dove l epidemia era già ben presente.? Oppure ad ambo le situazioni ? Il fatto grave è che non si siano arrestate prima ,tutte le partite delle coppe europee, e questo per meri interessi economici, permettendo che ad ogni partita decine di migliaia di spettatori si mescolassero tra di loro. Punto!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-30 05:38:18 | 91.208.130.86