Tipress
Giovanni Berardi
L'OSPITE
26.11.2020 - 16:440

Non si vive di poesia

Giovanni Berardi - Deputato al Gran Consiglio

Non si vive di poesia. Probabilmente questa è la frase che i poeti e chi scrive di valori e sentimenti si sono maggiormente sentito dire. Ma qui non si vuole disquisire su questioni economiche di poeti e scrittori, bensì richiamare al significato metaforico di questa frase. Alla poesia è associata una visione ideale della realtà. Quindi vivere di poesia è il carattere che può essere attribuito, in senso negativo, a fatti, persone, situazioni e atteggiamenti, in quanto non attaccati alla realtà e quindi spesso utopistici o illusori. Ecco allora che è illusorio pensare che nel nostro mondo tutti siano ossequiosi e rispettosi delle regole, anche delle regole etiche.

È per questo che oltre alla fissazione di norme chiare, è indispensabile istituire meccanismi di controllo e sanzionatori per chi le infrange. Se è vero che la sola presenza di regole, porta la grandissima parte di coloro a cui sono rivolte a rispettarle, non è giusto che chi le trasgredisce possa farla franca perché mancano controlli e sanzioni. In fondo, è proprio questo che vuole l’Iniziativa Multinazionali Responsabili: portare anche i (pochi) trasgressori a modificare virtuosamente il proprio comportamento a tutto vantaggio di un mondo più giusto ed etico. Mancano pochi giorni per votare, e allora vien buona anche la poesia, come l’incipit di una lirica di Araceli Mariel Arreche: “Mi dichiaro colpevole di fidarmi dell’altro, di sognare a voce alta, di cercare la poesia…”. Grazie dunque per depositare un convinto SÌ, perché non si vive di poesia. Giovanni Berardi – Deputato al Gran Consiglio


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-26 07:41:51 | 91.208.130.86