Immobili
Veicoli

SVIZZERASvizzera ancora più in debito, «ma dovrebbe diminuire nel 2023»

29.03.22 - 10:00
Il rapporto dell'Amministrazione delle finanze (AFF): le casse respirano dopo il Covid, ma occhio alla guerra
Deposit
SVIZZERA
29.03.22 - 10:00
Svizzera ancora più in debito, «ma dovrebbe diminuire nel 2023»
Il rapporto dell'Amministrazione delle finanze (AFF): le casse respirano dopo il Covid, ma occhio alla guerra
La pressione globale sui prezzi potrebbe poi portare anche in Svizzera a un’impennata dell’inflazione

BERNA - Grazie al miglioramento della situazione epidemiologica e alla conseguente ripresa economica, nel 2023 Cantoni e assicurazioni sociali dovrebbero registrare conti nuovamente in salute. Lo indica oggi l'Amministrazione federale delle finanze (AFF) che mette però in guardia da eventuali contraccolpi negativi causati dalla guerra in Ucraina.

Secondo la statistica finanziaria dell’AFC, strumento che fornisce una panoramica della situazione finanziaria delle amministrazioni pubbliche (Confederazione, Cantoni, Comuni e assicurazioni sociali pubbliche), la pandemia da coronavirus ha innescato la peggior crisi economica degli ultimi decenni, portando nel 2020 a un disavanzo record di 21 miliardi di franchi per le finanze delle amministrazioni pubbliche.

Il deficit del 3% del PIL è dovuto a un forte aumento delle uscite nei settori parziali di Confederazione, Cantoni e assicurazioni sociali pubbliche e a una riduzione del gettito fiscale della Confederazione (soprattutto a titolo di imposta preventiva).

Buona parte delle uscite supplementari sono dovute alle indennità per perdita di guadagno e per lavoro ridotto e all'acquisto di materiale sanitario. Nel 2021 le misure di stabilizzazione sono state completate con aiuti per i casi di rigore erogati alle imprese. Negli anni 2020 e 2021 l’insieme delle amministrazioni pubbliche ha registrato uscite complessive pari a circa 34 miliardi per fronteggiare la pandemia.

Miglioramento nel 2022
Sulla scia della ripresa dell’economia, nel corso del 2022 la situazione finanziaria delle amministrazioni pubbliche dovrebbe normalizzarsi. La distribuzione supplementare dell’utile della Banca nazionale svizzera e la crescita sostenuta del gettito fiscale dei Cantoni e dei Comuni dovrebbero contribuire in misura importante all’evoluzione positiva dell’intero settore delle amministrazioni pubbliche.

Debito in crescita nel 2020/21
Per finanziare - 2020 e 2021 - le misure volte mitigare le conseguenze negative della pandemia, le amministrazioni pubbliche hanno utilizzato la liquidità disponibile e aumentato il debito. Anche nel 2022 il capitale di terzi per l’insieme delle amministrazioni pubbliche (in particolare a livello di Confederazione) dovrebbe continuare ad aumentare in termini nominali e raggiungere un nuovo record di 314,3 miliardi.

...e flessione nel 2023
Secondo le stime attuali, per il 2023 è previsto un calo del debito grazie alle eccedenze di finanziamento nei settori parziali di Confederazione, Cantoni e assicurazioni sociali. Grazie alla forte crescita economica, la quota di capitale di terzi per l’insieme delle amministrazioni pubbliche dovrebbe passare dal 42,6% (2020) al 41,4% (2021) del PIL. La pressione globale sui prezzi potrebbe portare anche in Svizzera a un’impennata dell’inflazione. In tal caso le previsioni sull’evoluzione delle finanze pubbliche per i prossimi anni potrebbero risultare troppo ottimistiche.

COMMENTI
 
Dalu 3 mesi fa su tio
Con tutti i miliardi stipati nella BNS sembra proprio una presa per il c…
Mattiatr 3 mesi fa su tio
La Banca nazionale non è a disposizione dei capricci della politica. Per il bene della Svizzera è bene che le spese della politica vengano riassorbite politicamente (altrimenti si rischia un sistema Italia dove i politici fanno debito perché ''tanto non se ne accorge nessuno''). Purtroppo ciò comporta una stretta alla cinghia e fastidi pure a noi poveri contribuenti, però il guadagno è il mantenimento di un sistema funzionante. (tengo a precisare che non sono né ricco quindi probabilmente la posizione da cui commento è la tua medesima).
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA