Immobili
Veicoli

SVIZZERAMEM, «la situazione è tetra»

26.08.20 - 10:33
Le prospettive a breve termine per il settore lasciano poco spazio all'ottimismo
KEYSTONE
Fonte Ots
MEM, «la situazione è tetra»
Le prospettive a breve termine per il settore lasciano poco spazio all'ottimismo

ZURIGO - Gli effetti della pandemia del Coronavirus hanno provocato per l'industria metalmeccanica ed elettrica (MEM) un drastico crollo. Nel secondo trimestre del 2020, i nuovi ordini sono diminuiti del 19,5% su base annua, le vendite del 19,7% e le esportazioni del 24,6%. «Nel complesso, a metà anno la situazione dell'industria MEM svizzera è tetra».

Tuttavia, a seconda del segmento di mercato, la situazione per le singole aziende si presenta in modo molto diverso. Le prospettive a breve termine lasciano poco spazio all'ottimismo. Swissmem teme che nei prossimi dodici mesi ci saranno importanti tagli di posti di lavoro.

Le cifre - Lo sviluppo negativo si ripercuote anche sull'utilizzo della capacità produttiva degli impianti. Nel secondo trimestre del 2020 è stato pari all'80,9%, valore nettamente inferiore al valore medio dell'86,4% calcolato sul lungo termine. Stando all'ultimo sondaggio del KOF, a luglio si situava a soli 77%. Questo significa che l'utilizzo della capacità produttiva è sceso ai livelli della crisi finanziaria del 2009.

Nel secondo trimestre del 2020, 319.600 persone erano attive nell'industria MEM. Rispetto al primo trimestre sono 3.200 unità in meno. Tuttavia, è più probabile che il motivo di questo declino sia dovuto al fatto che la situazione nelle aziende MEM era già tesa prima del lockdown e che si era già iniziato a tagliare questi posti di lavoro. È indubbio che nei prossimi mesi gli effetti della pandemia avranno ulteriori conseguenze sul numero di dipendenti dell'industria MEM.

Nel primo semestre del 2020 le esportazioni di beni dell'industria MEM hanno raggiunto un valore di 28,9 miliardi di franchi. Questo dato è inferiore del -16,4% rispetto allo stesso semestre dello scorso anno. Nel solo secondo trimestre le esportazioni sono diminuite del -24,6% rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. Da un punto di vista regionale, nel primo semestre dell'anno le esportazioni verso l'UE sono diminuite del -18,5%, verso gli USA del -15,4% e verso l'Asia del -10,6%. Tutti i gruppi di prodotti sono stati colpiti dal declino, anche se in misura molto diversa. Le esportazioni nel settore delle macchine sono diminuite del -17,0% (le sole macchine utensili addirittura del -34,2%), i metalli del -16,4%, gli strumenti di precisione del -13,7% e l'elettrotecnica / elettronica del -11,9%.

Stabilizzazione a un livello basso - Per l'industria MEM, la situazione era già tesa prima della pandemia e le conseguenze del lockdown hanno rafforzato in modo sensibile la tendenza negativa. Dall'inversione di tendenza del 2018, le commesse per il settore MEM hanno avuto un'evoluzione negativa per otto trimestri consecutivi. Quanto sia stato drammatico il crollo generale lo si può evincere dal livello dell'indice per gli ordini in entrata: dalla metà del 2018 il settore ha perso il 35,1% del volume delle commesse. Per quanto riguarda gli ordini dall'estero, che attualmente rappresentano il 75% del totale, il volume è attualmente addirittura inferiore del 42,6% rispetto a metà 2018.

Di recente, la percentuale d'imprenditrici e imprenditori MEM che prevedono per i prossimi dodici mesi un aumento delle commesse dall'estero è aumentata dal 10% nel primo trimestre al 22%. Per contro, il 51% degli imprenditori teme che la situazione degli ordini peggiori ulteriormente (T1/2020: 70%).

Le prospettive - L'indice dei responsabili degli acquisti (PMI) lascia ben sperare. A livello mondiale, il PMI si è ripreso un po' ovunque. Dopo il drammatico crollo primaverile, gli attuali valori del PMI rappresentano soprattutto una stabilizzazione a un livello basso. Non promettono ancora una particolare dinamica di crescita. Stefan Brupbacher, direttore di Swissmem, è molto preoccupato: «La situazione per l'industria MEM svizzera è tetra e vige grande incertezza in molti mercati di vendita. Per la maggior parte delle aziende, non è prevista una graduale ripresa fino al prossimo anno. È probabile che la natura della ripresa varierà molto a seconda della posizione di partenza, dei mercati di vendita e dei segmenti. Le aziende sono quindi costrette ad adeguare la loro base dei costi alle nuove realtà. Di conseguenza, temiamo che nei prossimi dodici mesi vi sarà un significativo taglio di posti di lavoro».

 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA