Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
UNIONE EUROPEA
2 ore
Un nuovo look per l'Euro entro il 2024
Le banconote attuali hanno ormai un ventennio e la Bce sta pensando a un nuovo look: «Sono qui per restare»
SVIZZERA
6 ore
CdA di UBS: giunge al termine la Presidenza di Lukas Gähwiler
Cambio ai vertici della Banca: il dirigente ed ex Ceo sarà rimpiazzato da Markus Ronner
CANADA
8 ore
Manca personale: test Covid per impiegare i non vaccinati
Più difficile del previsto, nel mercato del lavoro canadese, l'attuazione della stringente politica governativa
MONDO
17 ore
Materie prime: raffreddamento nel 2022?
Una corrente minoritaria pensa, invece, che il rialzo sia ormai diventato strutturale
STATI UNITI
1 gior
Manca il formaggio cremoso, venditori di bagel in crisi
La domanda è aumentata anche grazie all'home office, che costringe molte persone a fare colazione a casa
STATI UNITI
1 gior
Effetto Omicron sul Pil degli Stati Uniti
Goldman Sachs ha ridotto le sue stime a 3,8% contro il precedente 4,2%: «Impatto modesto»
STATI UNITI
2 gior
I dipendenti Google rimarranno ancora a casa
Il rientro in ufficio, che era stato pianificato per gennaio, è stato nuovamente rimandato
STATI UNITI / SVIZZERA
2 gior
USA: la Svizzera non è più considerata «manipolatore di cambi»
Il Dipartimento del tesoro continuerà però a guardare con occhio critico gli interventi della Banca Nazionale Svizzera
MONDO
3 gior
Per più di metà dei manager, «il telelavoro incrementa la produttività»
Lo sostengono circa il 57% di oltre 4'000 manager di 26 Paesi, interpellati durante un sondaggio della società PwC
STATI UNITI / CINA
3 gior
Dalla Cina a Wall Street, un'impresa sempre più ardua
La stretta dei regolatori cinesi non si è fatta attendere: dopo soli cinque mesi, Didi lascia Wall Street
SVIZZERA
23.06.2020 - 07:560
Aggiornamento : 08:47

Crollo «vertiginoso» dei posti di lavoro vacanti

Lo rileva Adecco. «Colpite le professioni in cui il contatto personale è di primaria importanza», ma non solo.

BERNA - La pandemia ha fatto crollare il numero di posti di lavoro vacanti nel secondo trimestre dell'anno, osserva Adecco Svizzera. La caduta è «vertiginosa» e la situazione è più grave rispetto alla crisi finanziaria del 2008-2009, sottolinea l'azienda. La Svizzera latina è più colpita.

Nell'arco di tre mesi, tra aprile e giugno, le offerte di lavoro sono calate del 27% in Svizzera, afferma il gigante del lavoro temporaneo, che oggi ha pubblicato il suo Swiss Job Market Index. Il sondaggio, condotto in collaborazione con l'Università di Zurigo, mostra che tutte le categorie sono interessate, ma in misura diversa.

«Praticamente tutti i settori della vita pubblica sociale, economica e culturale si sono dovuti fermare da un giorno all'altro, per prevenire la diffusione incontrollabile del Covid-19. Di conseguenza, sono particolarmente colpite le professioni in cui il contatto personale è di primaria importanza e viene gestito in modo molto tempestivo, come ad esempio nel settore dell'ospitalità e dei servizi alla persona», afferma Anna von Ow dell'Istituto di Sociologia dell'Uni di Zurigo, citata in una nota.

Il settore alberghiero e della ristorazione così come quello dei servizi alla persona subiscono il calo più forte, con un -39%, seguiti dal commercio e dalle vendite, dal segmento uffici e amministrazione e dal management e organizzazione (-35% per tutti e tre). L'industria (-21%) e la salute (-22%) sono meno colpite.

Secondo Adecco Svizzera, le diminuzioni più contenute sono state registrate nel settore della tecnologia e delle scienze naturali (-17%) e in quello delle costruzioni e delle finiture (-18%).

Alcune professioni non sono state in grado d'invertire la tendenza, nonostante la possibilità di ricorrere al telelavoro, come il settore bancario, finanziario, contabile e assicurativo, i cui posti di lavoro vacanti sono diminuiti del 19%.

«Partiamo dal presupposto che la situazione attuale accelererà i processi di trasformazione, portando a un'ulteriore automazione e digitalizzazione dei processi di produzione e di lavoro», afferma Monica Dell'Anna, Ceo di Adecco Svizzera.

La Svizzera latina, più gravemente colpita dal coronavirus, registra una riduzione leggermente maggiore del numero di annunci di lavoro rispetto alla parte tedescofona del Paese.

La regione del Lemano (insieme al Vallese) e l'Espace Mittelland - che comprende i cantoni di Friburgo, Neuchâtel, Giura e Berna - hanno registrato il calo maggiore, pari al 29%. Nella parte di lingua tedesca, tutte le aree geografiche hanno registrato cali superiori al 20%. La Svizzera orientale ha registrato un calo del 24%.

Secondo Anna von Ow, la Svizzera sta attraversando una crisi che attualmente è molto peggiore delle precedenti, in particolare quella finanziaria del 2008-2009, quando l'impatto è stato meno «improvviso».

«L'aspetto positivo è che si è raggiunto il fondo. Il numero di annunci di lavoro si è stabilizzato a un livello basso dopo il brusco crollo delle prime tre settimane. Ma non possiamo ancora parlare di una chiara inversione di tendenza. Ciononostante, si spera in una ripresa relativamente rapida. Nel confronto internazionale, la risposta alla pandemia della Svizzera è ottima, grazie alle rapidissime misure di politica economica attuate», afferma Dell'Anna.

L'Adecco Swiss Job Market Index viene pubblicato quattro volte all'anno e si basa su un conteggio trimestrale rappresentativo dei posti di lavoro vacanti nella stampa, nei portali di lavoro online e nei siti web aziendali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-06 14:57:50 | 91.208.130.87