Immobili
Veicoli
Afp
Stati Uniti
15.12.2021 - 18:330

Le donazioni di Amazon sovvenzionano la disinformazione sul Covid

A un anno dalla denuncia, l'azienda di Bezos risponde: «Rispettiamo l'ampia varietà di punti di vista sull'argomento»

SEATTLE - Lo 0,5%. Ogni anno Amazon dona un certo ammontare a delle organizzazioni non profit. Tra queste ci sono anche gruppi che sono diventati, o erano già, le principali fonti di disinformazione sui vaccini. Tra questi c'è anche il National Vaccine Information Center (Nvic), che nel 2020 ha ricevuto 40'000 dollari.

AmazonSmile è il programma di beneficenza della grande A, che dona ogni anno 60 milioni di dollari a tutte le associazioni, a condizione che, dichiara l'azienda, non promuovano «intolleranza, odio, terrorismo, violenza, riciclaggio di denaro o altre attività illegali, ingannevoli o fuorvianti». L'importo che si riceve viene stabilito in base ai ricavi dei prodotti venduti dalla piattaforma con codice affiliato alla non profit in questione. Sul totale, ne viene devoluto alla stessa da Amazon lo 0,5%.

La denuncia risale all'anno scorso, quando il portale Popular Information era riuscito a ottenere delle informazioni tramite il forum VaxCalc, dove un volontario dell'Nvic che si occupava dell'amministrazione dell'account dell'associazione su AmazonSmile, pubblicava regolarmente degli aggiornamenti sulle donazioni. Era così saltato fuori che Amazon aveva donato tra il dicembre del 2019 e il settembre del 2020 più di 40'000 dollari alla non profit.

Il National Vaccine Information Center, secondo un'analisi di Media bias fact check, punta a «incoraggiare i genitori e gli adulti a non vaccinare e/o vaccinarsi». Il portale ha inoltre una partnership con Joseph Mercola, osteopata guru dei no-vax americani che sostiene che il vaccino alteri il codice genetico delle persone». L'Nvic promuove anche «la smentita informazione secondo cui i vaccini causino l'autismo».

Tutto sommato, 40'000 dollari non sono tantissimi. Tuttavia, l'amministratore delegato del Center for Countering Digital Hate, un'organizzazione di advocacy focalizzata sulla lotta alla disinformazione sui vaccini, Imran Ahmed, ha spiegato che questo tipo di associazione «è in grado di fare molti danni con pochissimi soldi». Questo è dovuto soprattutto al fatto che i social media, con un minimo investimento, permettono di raggiungere con dei post migliaia di persone, che poi ricondividono gratuitamente.

A ottobre del 2020, Amazon non aveva voluto rispondere alle domande di Popular Information, ma ora, a distanza di un anno, ha dato delle spiegazioni al Washington Post. Lo stesso giornale, ha precisato nel suo articolo che Jeff Bezos, fondatore e direttore di Amazon, ne è il proprietario. Stecey Keller, portavoce dell'azienda, ha dichiarato quanto segue in una email: «Rispettiamo che i nostri clienti abbiano un'ampia varietà di punti di vista su questo argomento, motivo per cui gli enti di beneficenza in questione continuano a essere inclusi nell'elenco delle organizzazioni tra cui i clienti possono scegliere come parte di AmazonSmile». Tuttavia, basandosi sulla dichiarazione d'intenti di Amazon, Keller non ha voluto commentare se le attività dei gruppi che ricevono i soldi siano ingannevoli o fuorvianti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-21 01:43:22 | 91.208.130.89