IMAGO / VCG
CINA
16.03.2021 - 16:370

E nel 2021 la Cina ha scoperto l'antitrust

O meglio, lo hanno scoperto le sue aziende più grandi a suon di strette miliardarie. E pare sia solo l'inizio

PECHINO - Ha marcato strettissimo AliPay (il PayPal di Alibaba, ndr.) vietandone valutazione in borsa e quasi azzerandolo, si è poi accanito proprio su Alibaba - anche qui si parla di miliardi - e la prossima potrebbe essere il conglomerato Tencent.

All'alba del 2021, la Cina pare abbia scoperto... l'antitrust. Dopo anni e anni di liberismo, infatti, Pechino sembra intenzionata a una stretta sui monopoli dei colossi del mondo hi-tech. Dietro a questa nuova linea dura, pare che ci sia Xi Jinping in persona, che vorrebbe un mercato più dinamico e aperto.

Come riportato dalla BBC è di venerdì l'annuncio dell'Antitrust cinese (SAMR) delle multe a 12 compagnie molto note del settore tecnologico: fra queste ci sono Baidu (il Google cinese), Tencent, Softbank e una di proprietà di ByteDance (quella di TikTok).

In particolare Tencent, che fra le sue proprietà ha anche i videogiochi campioni d'incassi "League of Legends", “Clash of Clans“ e l'app di messaggistica WeChat, potrebbe essere colpita duramente. Un'eventualità, questa, che preoccupa gli investitori.

Fra gli addetti ai lavori è diffusa l'opinione che Pechino potrebbe decidere di adoperare l'accetta soprattutto su Alibaba e Tencent, scorporandole in unità più piccole, e separando le attività più finanziarie da quelle commerciali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 03:09:37 | 91.208.130.85