Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
Danimarca
6 ore
Lego si conferma azienda leader del mondo dei giocattoli
Nei primi sei mesi del 2021 ha fatto esplodere i conti, battendo i suoi record e affermandosi prima davanti ad Hasbro
UNIONE EUROPEA
11 ore
Dieselgate: «Tutti i consumatori devono essere risarciti»
Lo chiedono la Commissione Ue e la rete di cooperazione per la tutela dei consumatori
CANTONE
13 ore
In Ticino calano i debitori
Nonostante la crisi pandemica il numero di indebitati inadempienti si è abbassato di mezzo punto percentuale.
REGNO UNITO
16 ore
Scarseggia il carburante: l'esercito è pronto a intervenire
Fino a 150 autisti si metterebbero al volante delle autobotti per consegnare i rifornimenti alle stazioni di servizio
MONDO
1 gior
Inizia a mancare anche la carta
La materia prima per la produzione è diventata più cara del 68% dallo scorso gennaio, la pandemia c'entra ma non solo
STATI UNITI
1 gior
Trova alcune falle nel sistema operativo iOS, ma Apple lo ignora
Lo sviluppatore anonimo ha reso pubblici i bug riscontrati con il programma "bug bounty"
COREA DEL SUD
1 gior
La Corea del Sud sta pensando seriamente di vietare il consumo di carne di cane
Alla base ci sono motivi di immagine ma anche perché la pietanza, molto popolare nella tradizione, ormai non piace più
SVIZZERA
1 gior
Più donne nei Cda delle aziende dell'SMI
La Svizzera resta sempre il fanalino di coda, insieme alla Spagna
SVIZZERA
1 gior
La liquidazione di Swissair è costata oltre 300 milioni di franchi
La procedura è nella sua fase finale, ma non è ancora possibile prevedere una data definitiva
REGNO UNITO
3 gior
Crisi dei trasporti? In arrivo «visti temporanei» per i camionisti
Il Governo britannico è al lavoro per trovare soluzioni urgenti alla crisi in corso
FRANCIA
4 gior
Kering: stop all'uso di pellicce animali
Nessuna casa di moda del gruppo francese lavorerà più con questo materiale
REGNO UNITO
4 gior
Code ai distributori, per i timori di una carenza di benzina
Le rassicurazioni del Governo britannico non stanno avendo l'effetto sperato
CINA
4 gior
«Tutte le transazioni in criptovaluta sono illegali»
Lo ha comunicato la Banca centrale cinese, ribadendo il proprio pugno duro contro le cripto
CINA
4 gior
Scadenza mancata, Evergrande verso il default
Non ha avuto luogo un pagamento di 83,5 milioni in scadenza ieri, la situazione si fa sempre più cupa
SVIZZERA
4 gior
Sunrise-UPC verso un marchio unico
Lo ha affermato il CEO dell'azienda nata dalla fusione tra Sunrise e UPC, André Krause
MONDO
21.06.2020 - 11:250

Coronavirus, torna di moda la plastica monouso

Guanti, visiere, mascherine, imballaggi, la battaglia contro la plastica monouso ha subito un brusco stop

PARIGI - Coprire i propri volti o avvolgere, per una maggiore sicurezza, frutta e verdura: la plastica monouso, che il mondo aveva cominciato ad eliminare, sta tornando in auge a causa della crisi del coronavirus, con grande dispiacere degli ambientalisti.

Mascherine, guanti e altri imballaggi stanno inoltre flagellando gli oceani. E ciononostante, rappresentano solo una piccola parte dell'attività dell'industria della plastica.

L'industria ha così preso la palla al balzo. A metà marzo, il sindacato francese delle materie plastiche ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che «senza plastica monouso, non ci sarebbero gli imballaggi per proteggere il vostro cibo dai germi». Ed è un trend a livello globale: la California ha revocato il divieto di borse monouso per due mesi, mentre in Arabia Saudita i supermercati stanno imponendo ai loro clienti guanti usa e getta.

Negli Stati Uniti, l'Associazione dell'industria delle materie plastiche ha chiesto già il 20 marzo che la sua attività fosse considerata «essenziale» in tempi di lockdown. «La plastica monouso è una questione di vita o di morte» negli ospedali, scriveva Tony Radoszewski, all'epoca presidente della lobby, esaltando anche il ruolo dei sacchetti monouso «per proteggere i dipendenti del supermercato e i consumatori da tutto ciò che si trova sopra le borse riutilizzabili».

Secondo un sondaggio di OpinionWay-Sodastream, il 66% dei francesi dichiara di preferire il cibo confezionato, finché dura la crisi di coronavirus.

Protezione incompleta - In ogni caso, la plastica non è una protezione assoluta. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), il lavaggio delle mani è più efficace rispetto all'uso dei guanti. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista americana NEJM, inoltre, il Covid-19 è rilevabile fino a due o tre giorni su plastica, 24 ore sul cartone.

«Per uso medico, non c'è niente di meglio del monouso. Ma vogliono farci credere che sia una risposta al consumo quotidiano. È lobbismo. Il riutilizzabile non pone problemi di salute», dice Raphaël Guastavi dell'Agenzia francese per la gestione dell'energia (Ademe), rassicurato nel vedere che i rappresentanti europei hanno il desiderio di non cedere.

Una nuova breccia - Il WWF ripete l'allarme: già nel 2019 aveva stimato che nel Mediterraneo erano state scaricate 600'000 tonnellate di plastica, di cui il 40% solo in estate. «La battaglia culturale contro la plastica monouso sembrava essere stata vinta. Oggi è stata nuovamente aperta una breccia, e dovremo rispondere», ha detto Pierre Cannet, di WWF Francia.

«Una maschera non è facile da riciclare. L'approccio generale delle autorità pubbliche è quello di buttarle nei rifiuti domestici per l'incenerimento, che dal nostro punto di vista è la situazione migliore», ha invece spiegato Arnaud Brunet, dell'International Bureau of Recycling (BIR), che riunisce professionisti provenienti da 70 Paesi.

«Ne sapremo di più con il passare del tempo, forse potremmo immaginare una raccolta speciale, o in farmacia, ma non siamo ancora a quel punto».

Domanda in aumento - Circa 350 milioni di tonnellate di materie plastiche vengono prodotte ogni anno in tutto il mondo, principalmente in Asia (50%), Nord America (19%) ed Europa (16%), con una crescita moderata ma costante della produzione.

La domanda è in forte aumento per il mercato della protezione (maschere, magliette, schermi), ma questo volume rimane basso rispetto ai massicci sbocchi del settore automobilistico e dell'edilizia.

«Per fare diverse centinaia di migliaia di visiere, bastano poche tonnellate» di plastica, sottolinea Eric Quenet. Il plexiglas, che è molto richiesto per i divisori, «rappresenta meno dell'1% del mercato francese delle materie plastiche».

Complessivamente, per la prima volta dal 2008, il settore prevede che il 2020 sarà un anno peggiore del precedente, e questo a causa del coronavirus.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 1 anno fa su tio
Basta comperare una mascherina di stoffa lavabile e riutilizzabile all'infinito. I negozi dovrebbero poi abolire completamente i sacchetti di plastica, abolire le confezioni con polistirolo, tutti gli imballaggi con plastica non riciclabile.
Heinz 1 anno fa su tio
@Marta Fin che in Svizzera, cuore delle Alpi, si compra acqua in bottiglia quando quella del rubinetto é più sana e controllata... Che devi fare?
volabas 1 anno fa su tio
Ma non dovevamo essere una delle 36 civilta' nella galassia? C'è sicuramente da rivedere il termine che questa parola comporta!
francox 1 anno fa su tio
Sandra Rezzonico, fosse solo plastica che buttiamo nel mare! Ci buttiamo anche armamenti in disuso, idrocarburi, fertilizzanti, liquami infetti, scorie radioattive, metalli pesanti, eccetera eccetera..
Mah916 1 anno fa su tio
Oltre che inutili.... le troveremo ovunque strade, boschi, laghi, riali, mare...
francox 1 anno fa su tio
Adesso va di moda buttarla assieme ai guanti nei carrelli dopo la spesa....
seo56 1 anno fa su tio
Perché qualcuno pensava in un cambiamento? Tutti ecologisti a bla... bla...
francox 1 anno fa su tio
Matilde Maty, riesci a respirarci attraverso?
francox 1 anno fa su tio
Da noi c'è la moda di buttare maschera e guanti nel carrello una volta finita la spesa. Ma il primo che becco va a casa a pedate, giuro.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-29 01:18:17 | 91.208.130.89