Keystone
David Frost, il capo negoziatore del Governo di Boris Johnson.
REGNO UNITO
06.09.2020 - 11:400

«Non diventeremo uno Stato vassallo dell'Ue»

David Frost, il Capo negoziatore del Governo di Boris Johnson, ha dichiarato che non teme un «no deal»

LONDRA - Un accordo per il dopo Brexit con Bruxelles è ancora possibile, anche se il tempo stringe, ma il Regno Unito non è disposto a diventare «uno Stato vassallo dell'Ue» e «non ha paura» di un eventuale «no deal» sulle relazioni future se i 27 non accetteranno un compromesso.

Lo ha ribadito in un'intervista al Mail on Sunday il capo negoziatore del governo conservatore britannico di Boris Johnson, David Frost, in uno dei suoi primi interventi pubblici così ampi ed espliciti, confermando che a fine anno il periodo di transizione avrà comunque termine e che gli europei devono capire che il suo team «non bluffa» a differenza di quello dell'ex premier conservatrice Theresa May.

«Non accetteremo clausole che dovessero lasciare (all'Ue) un controllo sulla nostra moneta e su come il Regno Unito vuole organizzare le cose»; la Brexit «significa essere un Paese indipendente, che è ciò per cui il popolo britannico ha votato», ha detto Frost, commentando il nulla di fatto sostanziale dell'ultima tornata di colloqui con Michel Barnier.

Poi, riecheggiando parole recenti di Johnson, non ha escluso un epilogo negativo e un futuro almeno iniziale di rapporti commerciali con i 27 sul modello dell'Australia: Paese con cui l'Ue ha solo intese limitate. «Se potremo raggiungere un accordo di libero scambio come quello del Canada, ottimo. Se no, avremo accordi commerciali di tipo australiano e siamo pienamente pronti anche a questo», ha tagliato corto.

Toni «sconsiderati», secondo la reazione del neoleader anti-Brexit del piccolo partito liberaldemocratico britannico, Ed Devey, il quale ha ammonito a Sky News che un «no deal» avrebbe conseguenze gravi per l'economia del Regno: specie sullo sfondo di «una recessione che non era non preventivata» dovuta ora in particolare ai contraccolpi dell'emergenza del coronavirus.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Heinz 1 sett fa su tio
Si è vero, non possono essere vassalli della UE e degli USA allo stesso tempo. Spero che i negoziatori UE abbiano in coraggio di andare fino in fondo e vedere questo colossale bluff inglese. Boris è credibile come Donald...
Tato50 1 sett fa su tio
Fatelo svizzero subito !!!
Tenero72 1 sett fa su tio
Vero, giá lo siete!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-20 10:58:55 | 91.208.130.89