Reuters
I soldati, accompagnati dagli agenti di polizia americani.
MESSICO
26.09.2021 - 14:350

Militari messicani sconfinano per errore negli States, arrestati

Un manipolo di 14 soldati è finito brevemente in manette, «non sapevano dell'esistenza di un confine»

CITTÀ DEL MESSICO - La polizia di frontiera (CBP) degli Stati Uniti ha arrestato nella notte fra venerdì e ieri un gruppo di 14 soldati messicani entrati per errore in territorio statunitense, rilasciandoli ore dopo a seguito di un chiarimento della involontarietà dell'azione. Lo scrive oggi il quotidiano La Jornada di Città del Messico.

Fonti del ministero della Difesa messicano hanno indicato che la violazione della frontiera messicano-statunitense da parte di un gruppo di soldati attraverso il ponte Cordova - Americas di Ciudad Juárez sarebbe avvenuta per «ignoranza dell'esistenza del confine internazionale».

In un comunicato la CBP ha confermato l'arresto dei 14 soldati, «entrati con le loro armi (nell'area di El Paso) in territorio statunitense a bordo di due veicoli». Gli stessi - si precisa - hanno dichiarato di «non essersi resi conto di essere entrati negli Stati Uniti».

Le autorità di entrambi i Paesi, dice infine il giornale, «hanno chiarito l'incidente e i militari, rilasciati, sono rientrati in Messico intorno alle 5 del mattino di ieri».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 23:41:51 | 91.208.130.85