Keystone
A destra il generale Qassem Soleimani, ucciso nel raid americano della scorsa notte a Baghdad.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MONDO
2 ore
Covid, gli anticorpi «scompaiono dopo poche settimane»
Lo indica uno studio canadese, pubblicato dalla rivista medica mBio
STATI UNITI
3 ore
Terremoto di magnitudo 7.4 in Alaska
È stata diramata un'allerta tsunami
IRLANDA
3 ore
L'Irlanda va in lockdown per sei settimane
Il primo ministro Micheál Martin ha invitato la popolazione a «restare a casa».
STATI UNITI
4 ore
È morto il figlio di Robert Redford
Attivista, si era schierato contro i negazionisti del Covid-19
ITALIA
5 ore
Il coprifuoco lombardo e la mediazione di Conte con i sindaci
La bordata di Confindustria: «Provo sconforto per un Paese in confusione».
CINA
7 ore
Guardiano dello zoo sbranato dagli orsi
Ad assistere alla scena un gruppo di turisti a bordo di un bus
MONDO
8 ore
Il coronavirus accelera in Europa e America del Nord
«Quando la capacità dell'ospedale viene superata, è una situazione molto difficile e pericolosa» avverte l'Oms
STATI UNITI
8 ore
«La gente è stanca di sentir parlare di coronavirus Anthony Fauci e tutti quegli idioti»
È quanto ha rivelato Donald Trump al suo staff.
ITALIA
8 ore
La Lombardia chiede al governo un coprifuoco dalle 23, Speranza è d'accordo
Altri 1687 contagi nella regione, il rapporto tra tamponi e positivi sale all'11,5%.
STATI UNITI
8 ore
New York, in vigore da oggi la messa al bando delle buste di plastica
Diversi proprietari di piccole botteghe e negozi di alimentari, tuttavia, sono contrari al divieto
FRANCIA
8 ore
Prof decapitato: 15 persone fermate
Mercoledì si terrà alla Sorbona l'omaggio a Samuel Paty
FRANCIA
8 ore
La moglie di Macron è in isolamento
«Prenderà precauzioni anche nella sua vita privata», riferisce il suo entourage
REGNO UNITO
9 ore
Brexit, «negoziati senza senso» poi la marcia indietro
C'è ancora molto da fare sulla questione delle frontiere irlandesi, afferma il vicepresidente della Commissione europea
IRAQ / STATI UNITI
03.01.2020 - 09:300
Aggiornamento : 14:08

«Gli americani lascino subito il Paese»

Teheran promette «una dura vendetta» e l'ambasciata americana in Iraq sollecita i cittadini. Possibilità di una guerra? Al 40% secondo gli analisti

di Simone Re
Giornalista
di Redazione
Ats ans

BAGHDAD - L’improvvisa uccisione del capo militare iraniano Qassem Soleimani - ordinata dal presidente americano Donald Trump a poche ore dall’attacco subito all’ambasciata a stelle e strisce di Baghdad - ha portato i rapporti (mai stati idilliaci) tra Washington e la Repubblica Islamica dell'Iran ad un’escalation di tensione storica. La risposta di Teheran è stata secca: ci saranno ritorsioni. 

L’ayatollah Ali Khamenei non ha usato mezze parole, annunciando «una dura vendetta» contro quello che il ministro degli affari esteri Zarif ha definito «un atto di terrorismo internazionale». Quanto accaduto è a tutti gli effetti un momento «spartiacque» secondo gli analisti. Per l’Eurasia Group - citato dalla CNBC - la risposta di Teheran «si arresterà poco prima di quella che consideriamo come una vera guerra».

Linea dura anche dal vice capo dei Pasdaran, Mohammad Reza Naghdi, che pone le truppe USA davanti a un bivio: «Devono cominciare a ritirare le loro forze dalla regione islamica da oggi, o cominciare a comprare bare per i loro soldati». I venti di guerra quindi soffiano, ma le possibilità di un conflitto - sempre secondo gli analisti - si situano «attorno al 40%».

«Lasciate il Paese» - Per Mohammad Marandi - analista di Teheran - il raid ordinato da Trump costituisce una dichiarazione di guerra contro l’Iran e l’Iraq. «Gli occidentali farebbero bene a lasciare immediatamente Paesi come gli Emirati Arabi Uniti e l’Iraq», si legge sul Times Of Israel. Lo stesso ha ribadito anche l'ambasciata degli Stati Uniti a Baghdad, sollecitando i cittadini americani a lasciare subito il Paese. «Partano per via aerea dove possibile, altrimenti raggiungano altri paesi via terra», si legge in una nota.

Quello che è certo è che l’attacco «rafforzerà la resistenza nella regione» contro gli Stati Uniti, ha dichiarato Zarif, sottolineando la «brutalità e la stupidità delle forze terroriste americane» e promettendo che il ministero degli affari esteri farà ricorso a tutte le proprie risorse politiche e legali per far sì che Washington paghi per «un chiaro atto criminale».

Identificato da un anello - Il corpo del generale Soleimani è stato ridotto in pezzi nel bombardamento ed è stato possibile riconoscerlo solo dall'anello che portava a un dito della mano sinistra. Lo riferiscono fonti irachene citate da media regionali. In rete circolano anche fotografie - di cui non è possibile verificare l'autenticità - che mostrano una mano mozzata con al dito l'anello, con una grande pietra dura di colore rosso.

Vite salvate - «La decisione del presidente Trump ha salvato molte vite umane»: lo ha detto il segretario di Stato americano Mike Pompeo alla Cnn spiegando come con l'uccisione di Soleimani «è stato sventato un imminente attacco». Pompeo non ha specificato la natura dell'imminente attacco e il luogo in cui sarebbe stato sferrato. Ha invece sottolineato come il popolo iracheno sostiene la decisione americana desideroso di avere un Paese sovrano, indipendente e libero da ogni influenza da parte dell'Iran.

In una serie di Tweet, il segretario di Stato americano ha inoltre affermato che gli Stati Uniti restano «impegnati nella de-escalation» dopo l'uccisione del comandante iraniano Qasem Soleimani in un attacco americano. E ha riferito dei aver parlato con rappresentanti di Cina, Gran Bretagna e Germania della decisione del presidente Donald Trump sul blitz in Iraq.

In particolare, Pompeo ha riferito di aver parlato oggi con Yang Jiechi, membro del Politburo cinese, «per discutere la decisione di @realDonaldTrump' di eliminare Soleimani in risposta a imminenti minacce a vite americane. Ho ribadito il nostro impegno alla de-escalation».

Ancora, Pompeo, ha scritto di aver parlato della decisione con il britannico Dominic Raab: «Sono grato che i nostri alleati riconoscano le aggressive minacce poste dalle forze iraniane di Qods», ha scritto. Quindi il segretario di Stato Usa ha riferito di aver parlato con il tedesco Heiko Maas, notando che «anche la Germania è preoccupata per le continue provocazioni militari iraniane».

Evacuano anche le compagnie petrolifere - Le compagnie petrolifere straniere presenti nella regione irachena di Bassora, vicino al confine con l'Iran, hanno ordinato l'evacuazione di decine di loro dipendenti. Ne danno notizia media libanesi citando la televisione di Stato irachena.

L'evacuazione del personale straniero, secondo alcuni media che rilanciano la notizia, non dovrebbe compromettere l'operatività degli impianti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-20 02:41:26 | 91.208.130.86