Fotolia
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
33 min
Trump segnalato da uno 007 per una «promessa» a un leader straniero
FRANCIA
35 min
Caccia belga precipita su un'area residenziale
AFGHANISTAN
41 min
«Un drone americano ha ucciso trenta civili»
AUSTRIA
1 ora
L'Ocse lancia l'allarme sulla crescita mondiale
RUSSIA
1 ora
Dalla Jacuzia a piedi verso Mosca per "espellere" Putin: arrestato
STATI UNITI
1 ora
La Marina Usa conferma: «Ci sono stati fenomeni volanti non identificati»
CANADA
2 ore
Justin Trudeau sotto attacco per una foto con "brownface"
ITALIA
2 ore
Napoli: «ripetuto» il prodigio della liquefazione del sangue
AUSTRALIA / REGNO UNITO
2 ore
Londra mira a un accordo di libera circolazione con l'Australia
TUNISIA
4 ore
Naufragio al largo di El Aouabed, recuperati 3 corpi
REGNO UNITO
5 ore
Brexit, Johnson ha 12 giorni per presentare una proposta
STATI UNITI
5 ore
I big della tv americana dicono no agli spot sulle e-cig
ITALIA / FRANCIA
5 ore
Migranti, disgelo fra Conte e Macron
GIAPPONE
5 ore
Fukushima, assolti tre ex dirigenti della Tepco
STATI UNITI
7 ore
16enne muore accoltellato in una rissa: tutti facevano video senza intervenire
ITALIA
23.07.2018 - 13:040

Trasfusioni infette, risarcimento riconosciuto dopo 50 anni

Protagoniste della vicenda due donne di Parma infettate con il virus dell'epatite C

PARMA - Due donne di Parma infettate con il virus dell'Epatite C in seguito a trasfusioni di sangue, hanno ricevuto un risarcimento a decenni di distanza, addirittura dopo più di mezzo secolo.

Lo racconta la Gazzetta di Parma, dando notizia dell'accoglimento dei ricorsi da parte del tribunale del Lavoro di Bologna.

In un caso la trasfusione risale a 53 anni fa, quando una donna, ora settantenne, era in attesa del figlio. Ha dovuto aspettare fino al 2004 per la risposta della commissione medico ospedaliera che era stata infettata proprio dal sangue trasfuso.

Otto anni dopo ha ottenuto l'indennità integrativa speciale per il danno irreversibile che le era stato causato, ma ha dovuto attendere il giudizio del giudice del lavoro per la rivalutazione monetaria sull'indennità a partire dal 2003: circa 37'000 euro.

Il secondo ricorso, anche questo presentato dagli avvocati dello studio Defilippi contro il ministero della Salute, riguarda una donna ricoverata al Maggiore di Parma nel 1973 per un intervento da cui ne uscì con l'Epatite C. Per lei è stata ora riconosciuta un'indennità di 100'000 euro.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 13:11:42 | 91.208.130.86