Immobili
Veicoli
STATI UNITI
15.02.2018 - 19:250
Aggiornamento : 22:18

Parkland: identificate le prime vittime

Nikolas Cruz comparirà per la prima volta davanti a una corte in serata

PARKLAND - Una sparatoria ogni 60 ore. Questo il drammatico record nelle scuole americane dove nei primi 45 giorni del 2018 il numero degli incidenti è più che raddoppiato rispetto agli ultimi tre anni: già 19, compresa l'ultima strage nel liceo della Florida.

«Possiamo e dobbiamo fare meglio»: così ha detto l'attorney general (il ministro della giustizia statunitense) Jeff Sessions promettendo sforzi per prevenire che si ripetano stragi scolastiche come quella di ieri in Florida. Sessions ha sottolineato la necessità di una maggiore interazione tra le varie istituzioni e di studiare il rapporto tra le malattie mentali e il diritto di essere armati.

Nikolas Cruz è stato accusato dell’omocidio di 17 persone. Il killer del liceo di Parkland comparirà per la prima volta davanti a una corte in serata (le due del pomeriggio locali). Lo ha confermato lo sceriffo che si occupa delle indagini.

Nelle stesse ore sono state identificate ufficialmente le prime vittime. Si tratta di due insegnanti di ginnastica e una studentessa di 17 anni.

Aaron Feis e Chris Hixon si sono interposti fra lo sparatore e gli studenti. La ragazza è Jaime Guttenburg, suo fratello è riuscito a scampare alla sparatoria.

«In carcere senza cauzione» - Nikolas Cruz, l'ex studente accusato della strage nel liceo in Florida, è comparso oggi per la prima volta in tribunale, dove gli sono stati contestati 17 capi di imputazione per omicidio premeditato. Il giudice ha deciso che verrà detenuto senza possibilità di cauzione. Il giovane indossava la divisa arancione dei carcerati.

Trump non va a Orlando - Donald Trump ha cancellato il viaggio previsto domani a Orlando, Florida, dove avrebbe dovuto promuovere il piano per le infrastrutture. Lo rende noto la Casa Bianca. Il viaggio e' stato annullato in seguito alla strage nel liceo.

«Triste e pieno di rimorsi» - «Triste e tormentato dai rimorsi»: così Melise McNeill, legale di Nikolas Cruz, ha descritto l'ex studente 19enne. «È pienamente consapevole dell'accaduto ed è un essere umano distrutto», ha riferito dopo l'udienza di convalida dell'arresto. 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 01:38:17 | 91.208.130.89